Tag: sgomberato

4 Aprile 2019 0

Sabaudia: la polizia sgombera un immobile confiscato alla malavita organizzata

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

SABAUDIA (LT) – La Polizia di Stato – Questura di Latina, in collaborazione con il Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri e con il Comando Polizia Locale di Sabaudia, nella mattinata odierna ha provveduto a sgomberare un immobile ubicato a Sabaudia, in Via Marco Polo (già Strada Colle d’Alba di Levante), illegittimamente occupato da un nucleo familiare riconducibile ad un criminale del posto, giusto provvedimento di confisca ex art. 2 ter L. 31.05.1965 n. 575 emesso dall’Agenzia Nazionale per l’Amministrazione e la Destinazione dei Beni Sequestrati e Confiscati alla Criminalità Organizzata.

Tale attività, volta al ripristino della legalità e al recupero delle aree degradate dei centri urbani, è stata concordata in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica tenutosi in Prefettura. Tutto si è svolto con ordine e senza alcun problema sotto il profilo della sicurezza pubblica.

Le operazioni di messa in sicurezza ed inventario effettuate da funzionari dell’Agenzia Nazionale per i Beni Sequestrati e Confiscati alla criminalità organizzata si sono concluse nelle prime ore del pomeriggio.

29 Marzo 2019 0

Latina, sgomberato immobile occupato illegalmente da appartenenti a clan criminale

Di redazionecassino1

LATINA – La Polizia di Stato – Questura di Latina nella mattinata di ieri ha provveduto a sgomberare un immobile ubicato in Via Moncenisio, illegittimamente occupato da appartenenti ad un noto clan criminale del capoluogo, giusto provvedimento di confisca ex art. 2 ter L. 31.05.1965 n. 575 emesso dall’Agenzia Nazionale per l’Amministrazione e la Destinazione dei Beni Sequestrati e Confiscati alla Criminalità Organizzata.

Tale attività, volta al ripristino della legalità e al recupero delle aree degradate dei centri urbani, è stata concordata in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica tenutosi in Prefettura ed ha visto coinvolte tutte le forze dell’ordine presenti sul territorio, Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza e Reparti di rinforzo; presente anche la Polizia Locale e i Servizi Sociali del Comune. Tutto si è svolto con ordine e senza alcun problema sotto il profilo della sicurezza pubblica.

Le operazioni di messa in sicurezza ed inventario effettuate da funzionari dell’Agenzia Nazionale per i Beni Sequestrati e Confiscati alla criminalità organizzata si sono concluse nelle prime ore del pomeriggio.

foto di repertorio

6 Novembre 2018 0

Sgomberato alloggio occupato abusivamente da membro del clan Spada

Di admin

OSTIA – Avviate questa mattina all’alba le operazioni da parte della Polizia Locale di Roma Capitale finalizzate a liberare un altro alloggio popolare occupato abusivamente da un membro del clan Spada.

Un centinaio di agenti del Comando Generale, dell’Unità Spe (Sicurezza Pubblica ed Emergenziale) e dei Gruppi X Mare, Gssu (Gruppo Sicurezza Sociale Urbana), Gpit (Gruppo Pronto Intervento Traffico) e Pics ( Pronto Intervento Centro Storico), con la collaborazione di personale della Polizia di Stato, sono intervenuti ad Ostia, in via Antonio Zotti, per consentire il recupero del bene pubblico. Un sistema di videosorveglianza collegato allo spioncino della porta era stato disposto come strumento di controllo dell’abitazione. Le operazioni sono tutt’ora in corso

4 Novembre 2016 0

Sgomberato il campetto dei Di Silvio nel campo Boario di Latina

Di admin

Latina – Continua l’opera di abbattimento di manufatti abusivi da parte della questura di Latina nel campetto di “Cha Cha” capo clan dei Di Silvio di Latina,  attualmente detenuto in carcere nell’ambito dell’inchiesta Don’tTouch.

L’impianto sportivo, sito nella zona di Campo Boario, illecitamente utilizzato da Costantino Di Silvio fino al suo arresto, avvenuto lo scorso ottobre 2015, era rimasto di fatto nella disponibilità e nell’uso esclusivo di altri esponenti della nota famiglia di origine rom.

Il terreno, di proprietà comunale, è stato così liberato e restituito all’Amministrazione cittadina, nell’ambito del patto collaborativo stipulato tra la Questura e l’Amministrazione Comunale con il quale è stato evidenziato l’impegno a ristabilire il principio della legalità sotto ogni sua forma, anche per i beni facenti parte del patrimonio comunale.

L’attività, inserita nel piano di recupero del decoro urbano, segue precedenti analoghe operazioni che già hanno permesso di troncare condizioni di illegalità in ambito cittadino.

Nella circostanza sono stati sottoposti a sequestro tre autoveicoli ed un motoveicolo, dall’ingente valore economico per un corrispettivo complessivo di circa 150.000 Euro nei confronti di tre soggetti della nota famiglia Di Silvio, in osservanza alla vigente normativa in materia di misure di prevenzione.

Ulteriormente sono stati sequestrati due cavalli ed un bovino che, dopo essere stati visitati dai medici veterinari dell’AuSL di Latina, sono stati affidati al Custode Giudiziario appositamente nominato.

Sul campo era stato addirittura edificato un manufatto abusivo ed utilizzato come ricovero per gli animali. Lo stesso è stato demolito anche al fine di restituire alla città l’impianto sportivo.

Alle operazioni, disposte dal Questore di Latina Giuseppe De Matteis, hanno collaborato il Comune di Latina, il Comando Polizia Locale, il Corpo Forestale dello Stato, il Comando Vigili del Fuoco, il Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato, il Reparto Mobile della Polizia di Stato e il Servizio Veterinario dell’AuSL.

“Esprimo la mia più viva e sincera soddisfazione per l’operatività che si sta dimostrando in virtù del documento d’intesa recentemente sottoscritto dal Comune con la Questura di Latina – afferma il Sindaco Damiano Coletta – Agli intenti sono seguite azioni concrete e tangibili, coerenti con la volontà di rimettere il nostro territorio sulla strada della legalità attraverso la riacquisizione di beni e patrimoni che appartengono alla collettività e che è doveroso restituire ai cittadini”.