“Spending review elettorale”, più economico strappare i manifesti avversari che coprirli. Altri due denunciati

“Spending review elettorale”, più economico strappare i manifesti avversari che coprirli. Altri due denunciati

17 Maggio 2016 Off Di Felice Pensabene

CassinoDue pregiudicati ventenni di Cassino sono stati sopresi da una volante del Commissariato mentre erano intenti a staccare manifesti elettorali di alcuni candidati alle prossime consultazioni elettorali.
Accompagnati negli Uffici di Polizia, i due sono stati dapprima foto segnalati, in quanto sprovvisti di documenti d’identità, e poi sanzionati ai sensi della normativa vigente in materia di propaganda elettorale.

La campagna elettorale che un tempo si faceva coprendo i manifesti agli avversari politici con i propri manifesti, oggi cambia volto forse a causa della crisi. Costa troppo stampare un gran numero di “lenzuoli” elettorali, quindi, meglio strappare quello degli altri, costa meno, per risparmiare i propri. A dimostrare questo cambio di rotta ci sono anche le denunce di ieri di altre tre giovani sempre per lo stesso motivo, sopresi, cioè, a strappare manifesti. Una sorta di spending review di cattivo gusto della campagna elettorale. Chissà quante se ne vedranno ancora fino a Giugno.

Ermanno Amedei

Condividi