Categoria: Pignataro Interamna

1 Settembre 2010 0

Violenza in famiglia, 46enne picchia moglie e figlio

Di Comunicato Stampa
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Dispensava botte a moglie e figlio causandogli ferite di vario genere. Fatti di violenza non nuovi nella casa di L.L.C. 46 anni di Pignataro Interamna. Ieri sera ancora un episodio; dopo un litigio, uno dei tanti scatenato per futili motivi, l’uomo si è scagliato contro i suoi familiari ferendo la moglie ed il figlio. I carabinieri intervenuti su richiesta degli aggrediti, hanno arrestato l’uomo con l’accusa di “maltrattamenti in famiglia” e “lesioni personali”.

30 Agosto 2010 0

Titina come i tre operai licenziati da Fiat Melfi

Di Comunicato Stampa

Il comune di Pignataro Interamna come Fiat Melfi. La considerazione nasce da una riflessione del consigliere comunale di opposizione Marcello Cavaliere che fa un parallelismo tra la vicenda dei tre operai dello stabilimento lucano licenziati e poi riassorbiti, almeno dal punto di vista retributivo, dopo sentenza del Tar, e la vicenda di una assistente domiciliare comunale, messa in mobilità insieme ad altre, nell’ottica di tagli all’organico dovuti al dissesto finanziario, senza però intavolare alcuna contrattazione sindacale. “L’unica differenza tra i due casi – dichiara Marcello Cavaliere del gruppo Forum per Pignataro – è il senso di responsabilità della Fiat che, pur appellando la sentenza di primo grado, ha comunque riconosciuto il diritto dei lavoratori a percepire il salario. Nel caso di Pignataro, invece, nonostante la sentenza favorevole, la dipendente, Signora Concetta (Titina) Caiafa, non solo non è stata reintegrata ma addirittura non le vengono riconosciute le spettanze obbligatorie per Legge. Forse anche la povera Titina per tutelare i propri diritti, dovrà rivolgersi al Presidente Napolitano. E’ inconcepibile che in un paese di Diritto come l’Italia, un Sindaco possa infischiarsi delle Leggi e soprattutto possa infangare la dignità dei lavoratori. Le nostre considerazioni trovano fondamento da atti ed atteggiamenti contraddittori assunti dal Primo cittadino di Pignataro in tutta la vicenda che ha visto coinvolte le Assistenti domiciliari che furono messe, in blocco, in mobilità. Vi è da aggiungere, però, che nel frattempo alcune di loro sono state riassorbite dal Comune, con provvedimenti illegittimi peraltro contestati dal Ministero dell’Interno ed annullati sia dal TAR che dal Consiglio di Stato. Come dire, si tratta di assunzioni arbitrarie visti gli atti della Giunta Evangelista. Ricordiamo brevemente che fummo noi di Forum a sollecitare il riassorbimento delle malcapitate, con procedure trasparenti che per forza di cose dovevano coinvolgere il Ministero e senza discriminare nessuno. Infatti per noi era ed è essenziale che tutte le dipendenti non ricollocate devono essere reintegrate nel loro posto di lavoro. Avendo, invece, agito di testa sua, il Sindaco si è messo in un cul de sac, esponendo per l’ennesima volta l’Ente a lunghi ma soprattutto costosissimi contenziosi legali. Per ottenere cosa in cambio..Boh, non è dato sapere. Il consigliere Romano ed io, conclude Marcello Cavaliere – ribadiamo l’impegno del Gruppo Forum a sostenere la giusta lotta ed esprimiamo la nostra solidarietà a Titina e tutte le assistenti domiciliari: sia quelle reintegrate che ancora non possono essere tranquille per effetto della sentenza sfavorevole del Consiglio di Stato, sia per quelle che sono impegnate in un lungo e costoso giudizio”.

29 Luglio 2010 0

“Suo figlio ci deve molti soldi”, sventata ennesima truffa agli anziani

Di Comunicato Stampa

Hanno tentato di far credere ad un anziano che il figlio aveva contratto un debito di 1.800 euro e ne pretendevano il pagamento. Un tentativo di truffa non nuovo ma a cui, alcuni alcuni anziani, ancora sembrano poter aboccare. A Pignataro Interamna, però, la vittima del raggiro deve essersi insospettita e ha chiamato i carabinieri della compagnia di Pontecorvo che hanno cercato e trovato i due truffatori. Si tratta di D.C.D. e S.G., entrambi 27enni e originari di Napoli. é scattata quindi una denuncia a piede libero per tentata truffa in concorso.

8 Luglio 2010 0

Auto e rotoballe in fiamme sotto l’ombra del dolo

Di Comunicato Stampa

Tre diversi incendi tra Aquino e Pignartaro hanno riguardato, nella tarda serata di ieri, automobili e rotoballe di fieno. Le vetture seriamente danneggiate dalle fiamme ono una Fiat Punto e una Bmw parcheggiate in una rimessa agricola in via san Marco ad Aquino. Danni, anche se lievi, per un trattore. Il rogo si è sviluppato alle due circa e i vigili del fuoco hanno dovuto lavorare non poco per avere la meglio sull’incendio. Poco prima, gli stessi vigili sono dovuti accorrere a Pignataro dove, prima in via Santo Janni, e poi in via Fontana Rosa, alcune rotoballe di fieno sono state avvolte dalle fiamme. In un caso si è anche rischiato che il rogo potesse propagarsi ad una stalla di animali. Inevitabile pensare al dolo dato che sia nel caso delle auto, tantomno in quello delle balle, c’erano possibilità di inneschi spontanei. Ermanno Amedei

23 Maggio 2010 0

Si schianta con la moto di un amico, muore operaio 38enne

Di Comunicato Stampa

Una tragedia prima della festa che stava organizzando. Ieri sera, Rocco Caporuscio, 38 anni tra gli organizzatori del motoraduno che si sarebbe dovuto svolgere oggi a Pignataro Interamna (Fr), è morto schiantandosi con la moto che un amico gli aveva prestato. Erano le 19, l’operaio ha visto arrivare un suo amico con una nuova e fiammante Yamaha. Non ha resistito alla tentazione di chiedere di provarla. Poco dopo la partenza, in via Santa Maria, però, l’uomo ha perso il controllo del ciclomotore e si è schiantato. Inutile la corsa in ospedale. Il 38enne è morto in tarda serata. Il motoraduno è stato sospeso. ermadei@libero.it

14 Aprile 2010 2

Un pezzo di Luna ora si chiamerà Pignataro Interamna

Di felice pensabene

Se Fiordaliso cantava “non voglio mica la Luna…” oggi avere una parte del territorio del nostro satellite è possibile e anche a buon prezzo. Lo può ben dire un nostro conterraneo, Angelo Evangelista, attore di spot pubblicitari e doppiatore, originario di Pignataro Interamna che lo ha acquistato di recente. Un pezzo di Luna d’ora in poi, infatti, si chiamerà proprio Pignataro Interamna. Questo il nome che Angelo Evangelista, classe 1986, originario proprio di Pignataro Interamna ha dato alla sua ‘singolare proprietà’. Si tratta, infatti, di tre acri di terreno lunare, circa dodicimila metri quadrati, in una zona anche molto ambita e costosa, quella dei Grandi Laghi. L’ha scelto perché gli ricorda il suo paese di origine. E’ il primo italiano ad avere ‘in proprietà’ un pezzo di territorio del satellite terrestre, costo dell’operazione alcune migliaia di euro, l’operazione è frutto di un contratto stipulato direttamente con un’agenzia specializzata che fa capo a Francis Williams, che si dichiara ambasciatore lunare. Non si sa quando il ‘neo proprietario’ potrà visitare il luogo, ma si dichiara fiducioso che a breve inizieranno dei viaggi spaziali ‘senza fermate’ fra i pianeti e quindi in un non lontano futuro potrà visitare il suo investimento. Che dire di più. Adesso tutti gli innamorati potranno …promettere persino la Luna alle loro dolci metà!

F. Pensabene