Tag: gasolio

23 Febbraio 2019 0

Cassino, grossa perdita di gasolio in Corso della Repubblica. Municipale a caccia del responsabile

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – La polizia municipale di Cassino sta indagando per risalire ai responsabili di una grossa e pericolosa macchia di gasolio lasciata in corso della Repubblica. La pozzanghera di carburante che rendeva scivoloso l’asfalto su strisce pedonali e scivoli in prossimitá dell’incrocio con via Marconi è stata segnalata dai cittadini e l’intervento della municipale è servito per consentire la messa in sicurezza dell’area e l’inizio delle indagini attraverso la visione delle immagini delle telecamere.

La striscia di carburante aveva origine all’inizio di Corso della Repubblica e diventa via via sempre più spessa fino a culminare in una piccola pozza probabilmente dovuta alla perdita del serbatoio di un mezzo.

Il proprietario è andato via lasciando la strada in condizioni di pericolo senza preoccuparsi di segnalarlo. Pare che la municipale lo abbia già individuato.

Ermanno Amedei

AGGIORNAMENTO – Il titolare dell’auto che ha causato la perdita di gasolio tiene a precisare che, dopo aver fatto caricare il mezzo sul carroattrezzi ha provveduto lui stesso e poi anche il conducente del carroattrezzi a informare la polizia municipale e che nei giorni successivi si è presentato presso il comando dei vigili per fornire i suoi estremi e quelli della sua polizza assicurativa.

12 Dicembre 2018 0

Contrabbandiere di gasolio sulla Pontina, sequestrati 28mila litri di carburante

Di admin

APRILIA  – Circa 28 mila litri di carburante di contrabbando sono stati sequestrati dalla guardia di finanza di Aprilia. L’autotrasportato polacco che lo trasportava è stato denunciato per contrabbando di prodotti energetici.

All’atto del fermo del mezzo ad opera delle Fiamme Gialle delle Tenenza di Aprilia, avvenuto su un’area di servizio della S.R. 148-Pontina, il conducente ha asserito di disconoscere il contenuto del mezzo e di essere diretto al porto di Salerno per poi imbarcarsi per Malta. Ad insospettire le Fiamme Gialle sono stati i documenti di accompagnamento della merce ovvero le due lettere di vettura internazionale – CMR, previste dalla Convenzione Internazionale la quale prevede che il suddetto documento venga emesso al momento del carico della merce.

Tuttavia, i documenti presentati ai militari indicavano la Repubblica di Malta come luogo di carico e non di destinazione e nonostante la merce fosse stata dichiarata come collante per pelli, quindi potenzialmente pericolosa, sui documenti era apposta l’attestazione di mancata applicazione della normativa per il trasporto di merci pericolose, cd. ADR.

Acclarata la falsità dei documenti, in virtù del fatto che il TIR, peraltro, non esibiva l’apposita cartellonistica attestante il trasporto di merce infiammabile, i militari perquisivano il camion rinvenendo 28 cisterne di plastica, contenenti ciascuna 1000 litri di gasolio di contrabbando.

Il contrabbando di carburanti e degli altri prodotti soggetti ad imposta di produzione e consumo altera le regole del mercato, sottrae allo Stato risorse necessarie, danneggiando cittadini e imprenditori onesti. Inoltre, gli espedienti utilizzati per il trasporto di tali prodotti costituisce un serio pericolo per l’incolumità fisica dei cittadini.

8 Maggio 2017 1

Tentano di rubare gasolio dai gruppi elettrogeni dell’ospedale di Alatri, ladri messi in fuga dai carabinieri

Di admin

Alatri – Hanno tentato il furto di gasolio direttamente dalle cisterne dell’ospedale San Benedetto di Alatri. E’ accaduto nella notte tra sabato e domenica e a scongiurare la riuscita del furto, sono stati i carabinieri della locale Compagnia.

I vampiri di carburante hanno tentato di prosciugare le cisterne che contenevano il gasolio e che, probabilmente, era destinato ai gruppi elettrogeni, quelli che entrano in funzione quando viene meno il supporto dell’energia elettrica.

Significa se se il furto fosse riuscito e nessuno se ne fosse accorto, in caso di black out il sistema di emergenza non sarebbe entrato in funzione lasciano l’ospedale al buio e senza energia per far funzionare strumenti e macchinari.

L’arrivo dei Carabinieri è servito per mettere in fuga i delinquenti che hanno abbandonato sul posto il furgone con cui avrebbero voluto portare via il carburante.

Ermanno Amedei

18 Marzo 2017 0

A1- Tre persone denunciate per ricettazione. Avevano nel mezzo 1200 litri di gasolio

Di redazione

Partenopei denunciati dalla Polizia di Stato per ricettazione ed inosservanza dell’obbligo di pagamento dell’accisa sui carburanti Una pattuglia della Polizia Stradale della Sottosezione A/1 di Cassino, nel corso di servizi di vigilanza e di controllo in ambito autostradale, al chilometro 685 dell’A1, direzione SUD, nel territorio del comune di Mignano Montelungo ferma e controlla un autocarro: denunciati il conducente e i due passeggeri.

Una pattuglia della Polizia Stradale della Sottosezione A/1 di Cassino, nel corso di servizi di vigilanza e di controllo in ambito autostradale, al chilometro 685 dell’A1, direzione SUD, nel territorio del comune di Mignano Montelungo, in provincia di Caserta, procede al controllo di un autocarro FIAT Ducato di colore bianco, con a bordo tre persone che vengono identificate. Tutti e tre, con diversi pregiudizi di polizia per reati contro il patrimonio, tra cui furto e ricettazione di gasolio, sono residenti nella provincia partenopea: il conducente ha 22 anni, mentre i due passeggeri hanno, rispettivamente, 51 e 48 anni. Dal controllo del vano di carico, si riscontra la presenza di due cisterne in PVC, con telaio in metallo, contenenti circa 1200 litri di un liquido petrolifero, presumibilmente gasolio, nonché una pompa elettrica di aspirazione, una batteria con vari arnesi e utensili. Gli agenti, non avendo ricevuto alcuna informazione circa la provenienza dell’idrocarburo, denunciano i tre campani alla competente A.G. per i reati di ricettazione ed inosservanza dell’obbligo di pagamento dell’accisa sui carburanti, con relativo sequestro dell’idrocarburo e dell’autocarro.

11 Gennaio 2017 0

Gasolio rubato sull’Autostrada, la Polizia Stradale ne sequestra 1700 litri

Di admin

Cassino – Oltre 1.700 litri di gasolio probabilmente rubato sono stati trovati in un furgone  guidato da un 29enne campano in transito sull’Autostrada Roma Napoli nel territorio di cassino.

Gli agenti della polizia stradale gli hanno intimato l’alt per un controllo e quando hanno trovato le due cisterne da mille litri ciascuna, una completamente piena, l’altra con circa 700 litri, hanno chiesto la provenienza del carburante senza avere dal giovane una risposta esaustiva.

L’uomo, con pregiudizi di polizia, tra cui furto e ricettazione di gasolio, è stato denunciato per i reati di ricettazione e mancato pagamento dell’accisa prevista, con relativo sequestro del veicolo e della merce.

21 Dicembre 2016 0

Contrabbando di carburante sull’A1 a Cassino, sequestrati 29mila litri di gasolio “camuffato”

Di admin

Cassino – Ventinove cisterne da mille litri ciascuno, contenete un liquido oleoso e dal forte odore di gasolio, sono state trovate dagli agenti della polizia stradale della sottosezione di Cassino, su un camion polacco che viaggiava in direzione sud sull’autostrada Roma Napoli. Gli agenti del sostituto commissario Giovanni Cerilli hanno fermato il mezzo per controllo al confine tra il comune di Cassino e quello di San Vittore del Lazio.

A bordo c’erano due uomini di nazionalità polacca e alla verifica del carico, sono emerse gravi irregolarità nel trasportare quello che si ritiene essere combustibile camuffato, importato in Italia aggirando il pagamento delle accise.

Entrambi i conducenti, pertanto, sono stati denunciati per la violazione della normativa sul trasporto delle merci pericolose (ADR) con la sospensione della patente di guida e della carta di circolazione ed il fermo amministrativo del  mezzo, oltre al   sequestro del carico.

Sequestri di questo tipo sono stati fatti frequentemente sia dagli agenti di Cassino che da quelli di Frosinone.

foto repertorio

 

8 Novembre 2016 0

“Succhiavano” gasolio dalla condotta Eni, arrestati due vampiri di carburante

Di admin

Sabaudia – Hanno forato la tubatura dell’oleodotto dell’Eni Gaeta–Pomezia, a Sabaudia sulla strada Migliara 46 e hanno estratto 4.500 litri di gasolio commerciale. Dopo un anno di indagini, i carabinieri di Latina sono arrivati ad individuare i due presunti “vampiri di carburante” e arrestarli in esecuzione di una ordinanza di misura cautelare in carcere.

Questa mattina, quindi, sono stati arrestati Volkovs Vladislav lituano di 41 anni e Markov Andrey, russo di 47 anni.

I fatti risalgono al 22 ottobre 2015 quando i militari della stazione  di Sabaudia rinvennero, all’interno di una struttura industriale in disuso, un impianto abusivo artigianale di aspirazione e deposito di carburante costruito grazie ad un sistema  di elettropompaggio elettrocomandato  che aveva sversato gasolio in alcune cisterne circa 4.500 litri di gasolio.

Tale impianto era collegato ad un tubo esterno innestato sull’oleodotto .

I due cittadini extracomunitari erano stati già arrestati il 22 marzo 2016 in flagranza di reato per la stessa tipologia di delitto.  Infatti  in  quella occasione nella via Di Gorgolicino di Latina all’interno di un capannone apparentemente abbandonato è stato rinvenuto un impianto identico a quello  di Sabaudia che i due  avevano allestito appositamente per stoccare il carbolubrificante della vicina condotta Eni.

Le indagini, supportate anche da accertamenti tecnici espletati in sinergia con il Ris di Roma dimostravano che i due episodi descritti fossero fra loro collegati.

In entrambe le circostanze era stato utilizzato un complesso  dispositivo, che consentiva di manovrare  il convogliamento del carbolubrificante anche a distanza e bypassare i sistemi di monitoraggio dell’Eni. Il gasolio asportato veniva convogliato in apposite sacche che venivano svuotate periodicamente.

17 Settembre 2016 0

Duemila litri di gasolio sequestrati a Cassino

Di admin

Cassino – Gasolio di contrabbando o frutto di furti; una o l’altra, dato che i due campani a bordo del furgone in transito sull’autostrada Roma Napoli nei pressi di Cassino, viaggiavano con 2mila litri di Gasolio che certamente non avevano preso da una stazione di rifornimento. L’A1, si sa, è luogo di transito per mille traffici tra cui anche quello di carburante di contrabbando. Una attività che gli agenti della polizia stradale della sottosezione di Cassino diretta dal sostituto commissario Giovanni Cerilli, ben conoscono per aver effettuato sequestri per decine di migliaia di litri. Il furgone viaggiava in direzione sud e a bordo c’erano un 29enne e un 41enne. Consultando la banca dati sul loro conto è emerso che entrambi erano noti per furto di carburante. Perquisendo il mezzo gli agenti hanno trovato due taniche in pvc da mille litri ciascuno. Nel vano di carico i poliziotti hanno rinvenuto anche una pompa di aspirazione completa di tubi, diversi utensili tra cui una tronchese, una grossa chiave inglese e vari cacciavite, verosimilmente utilizzati per asportare il gasolio. In merito alla presenza della merce trasportata entrambi non hanno saputo fornire alcuna documentazione dando invece versioni contrastanti circa la provenienza. I due sono stati denunciati in stato di libertà per ricettazione e possesso di arnesi atti allo scasso nonché sanzionati amministrativamente per violazione della normativa di settore sulle accise. Il veicolo, le cisterne contenenti gasolio e tutto quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Cassino.

26 Gennaio 2012 0

Sequestrato dalla Guardia di Finanza un maxi deposito abusivo di gasolio, denunciato il responsabile

Di admin

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta, a seguito delle proteste dei TIR tuttora in corso, ha intensificato le misure di prevenzione e di contrasto alle violazioni sulle forniture di carburanti. Oltre venti i controlli effettuali nei confronti dei maggiori depositi fiscali e commerciali nonché a vari distributori ubicati in vari comuni del territorio della Provincia, per verificare il rispetto della disciplina dei prezzi sull’intera catena di distribuzione dei carburanti ed evitare problemi di aggiotaggio o di interruzione di pubblico servizio ovvero altre forme di evasione fiscale (IVA e accisa). Nel corso dell’attività, i finanzieri della Compagnia di Caserta hanno individuato e, dopo una puntuale attività di controllo, sottoposto a sequestro un impianto di distribuzione di carburante (gasolio per autotrazione), ubicato presso un deposito commerciale di oli minerali di Caiazzo (CE). I militari, insospettiti dal notevole traffico di autoveicoli nei pressi del deposito, sono intervenuti per verificare la regolarità della vendita. Dal controllo è emerso che l’impianto, malgrado fosse autorizzato esclusivamente alla cessione dei prodotti petroliferi a soggetti titolari di partita IVA, effettuava liberamente rifornimento a privati, attraverso una colonnina di erogazione, risultata completamente abusiva. Inoltre, il titolare praticava un prezzo inferiore a quello di mercato, in tal modo esercitando una concorrenza sleale nei confronti degli altri distributori di carburante. Al termine dell’intervento, sono state sequestrate una colonnina di erogazione, un braccio di carico carburanti, un deposito interrato della capacità di 50 metri cubi e oltre 9.000 litri di gasolio per autotrazione. Il responsabile, C.S., di anni 45 di Caiazzo, è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, per aver omesso di denunciare all’Autorità materie infiammabili nonché di richiedere il rilascio del certificato di prevenzione incendi. Sono, poi, state contestate altre violazioni in materia sicurezza sul lavoro. Nel corso della giornata, si è inoltre provveduto a garantire, attraverso mirate attività di ordine pubblico, la scorta agli autotrasportatori per consentire la regolarità degli approvvigionamenti di carburanti ai depositi nonché il successivo rifornimento ai distributori stradali. Le attività di servizio condotte rappresentano un’ulteriore conferma dell’impegno profuso dalla Guardia di Finanza nel controllo economico-finanziario del territorio casertano, al fine di tutelare la sicurezza dei cittadini e la libera concorrenza.

15 Giugno 2010 0

Rubano gasolio dal deposito della stazione, arrestati dai carabinieri

Di admin

Hanno rubato alcune decine di litri di gasolio in una rimessa della stazione ferroviaria di Roccasecca ma sono stati scoperti ed arrestati dai carabinieri. Si tratta di un 51enne Domenico B., un 20enne Pio Giuliano T., e un minorenne, tutti residenti o domiciliati a Roccasecca. Il gruppetto è stato sorpreso mentre tentava di allontanarsi dopo aver asportato del carburante (gasolio) per il gruppo elettrogeno, custodito nel locale attiguo alla stazione ferroviaria, di cui avevano forzato la porta d’ingresso. I maggiorenni sono stati associati presso la Casa Circondariale di Cassino mentre il minore presso il centro di prima accoglienza di Roma.