Tag: moglie

18 Novembre 2009 0

Minaccia la ex moglie “in diretta” davanti ai carabinieri, arrestato per stalking

Di Comunicato Stampa
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

La vittima, una 35enne di Bisenti (Te), aveva già presentato denuncia per “stalking” nei confronti dell’ex marito M. D. M.,44enne del luogo, incensurato, che dopo la fine della loro relazione sentimentale aveva reiterato condotte minacciose nei suoi confronti, sia telefonicamente che di persona, attraverso messaggi scritti, continui pedinamenti e molestie, che le avevano cagionato un perdurare stato di paura ed ansia. L’uomo, evidentemente non ha mai accettato l’interruzione della loro storia sentimenta, pedinandola ovunque e a qualunque ora del giorno e della notte, appostandosi per ore anche sotto casa. Un vero e proprio bombardamento che ha generato nella vittima uno stato di sofferenza psicologica che l’ha spinta a denunciare i fatti ai Carabinieri. I militari hanno eseguito alcuni accertamenti preliminari ed hanno invitato la donna a avvisarli qualora il soggetto avesse nuovamente attuato tali condotte. Così ieri pomeriggio, il 44enne, ha nuovamente ed insistentemente reiterato telefonate minacciose nei confronti della ex-moglie che, impaurita, si è rivolta ai Carabinieri della Stazione di Bisenti, comandata dal Maresciallo Capo Gianfranco CIARCELLUTI. Anche in Caserma, la donna continuava ricevere minacce telefoniche, peraltro ascoltate “in diretta” dallo stesso Comandante di Stazione, dopo aver azionato il dispositivo viva voce. Proprio in considerazione di ciò, essendo emersi inconfutabili elementi costitutivi del reato di stalking, i militari hanno rintracciato e arresto l’ex coniuge e dopo le formalità di rito lo hanno associato alla Casa Circondariale di Teramo, in attesa dell’udienza di convalida.

9 Novembre 2009 0

Moglie e marito arrestati per furto di motori

Di Comunicato Stampa

Un coppia di rumeni è stata sorpresa, nel corso della notte tra sabato e domenica, a rubare componenti meccanici all’interno di un’officina a LAnciano (Ch). Moglie e marito stavano caricando un furgone con costosi monoblocchi in alluminio. Ad accorgersi di loro è stata la moglie del meccanico che ha notato la loro operosità e ha quindi chiamato i carabinieri. Gli uomini del capitano Geremia Lugibello sono arrivati mentre i coniugi erano ancora impegnati a caricare i componenti. I militari li hanno fermati e hanno accertato che i due, per introdursi all’interno della struttura hanno forzato, con un cacciavite, il portone in ferro. Per questo, moglie e marito, sono stati arrestati e trattenuti nella camera di sicurezza in attesa dell’udienza di convalida che si è tenuta sabato mattina. Il sostituto procuratore del tribunale di Lanciano, Rosaria Vecchi, ha convalidato l’arresto e li ha rimessi in libertà fissando la prima udienza del processo per inizio dicembre.

1 Ottobre 2009 0

Tradiva la moglie e ostentava l’infedelta, condannato a 2,6 anni di carcere

Di Comunicato Stampa

Non si può tradire la propria moglie esibendo alla stessa le prove del tradimento per renderlo ancora più duro. Lo ha sancito la Suprema corte di Cassazione confermando la condanna a due anni e sei mesi di reclusione a Albino P., un 72enne originario di Pescosolido (Fr) ma residente in provincia di Como. L’uomo era stato già condannato in primo grado perché insultava la moglie e la maltrattava fino, addirittura, a chiuderla fuori casa al ritorno da un periodo di ricovero in ospedale. Tra i reati di cui l’uomo è stato ritenuto colpevole dalla Cassazione, anche quello di “ostentazione delle infedeltà”, Il 72enne, infatti, dopo il tradimento, non esitava a “ostentarlo” come maltrattamento alla coniuge costringendo la donna ad una condizione di vita costantemente dolorosa e avvilente che integra il reato di maltrattamenti tradizionale. Insomma attenzione ad osteggiare il tradimento perché se se a punire non è la moglie ci pensa, con la galera, la Cassazione e non è escluso che ci possano pensare entrambe. Er. Am.

5 Agosto 2009 0

Pesta la moglie e si avventa contro i carabinieri. Arrestato

Di Comunicato Stampa

A Ripi, i carabinieri della locale Stazione hanno arrestato per violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale tale F.S., 40enne di Torrice. I militari, intervenuti presso l’abitazione dell’uomo allo scopo di sedare una violenta lite tra lui e sua moglie, durante la quale la donna aveva riportato delle lesioni multiple, sono stati a loro volta aggrediti fisicamente ed uno di loro ha dovuto fare ricorso alle cure mediche. L’arrestato è stato trattenuto presso la camera di sicurezza in attesa del rito direttissimo.

24 Giugno 2009 0

Stalking a moglie e suoceri, arrestato 37enne

Di Comunicato Stampa

Ingiurie, minacce e percosse, questo era rimasto di un matrimonio finito, evidentemente male. La coppia, ormai era in fase di separazione ma lui non accettava questa decisinone, ecco perché, più volte, si è trovato davanti casa della moglie minacciandola ed aggredendo non solo lei ma anche i genitori. Si tratta di un uomo di 37 anni di Castrocielo (Fr) che per oltre un anno si è accanito con minacce, ingiurie e vilenze contro la donna e i familiari a tal punto che, in più occasioni, sono dovuti intervenire i carabinieri per ricondurlo alla ragione. Oggi l’ennesimo episodio, Il 37enne si è avventato contro la suocera picchiandola e procurandole anche alcune ferite. I carabinieri, prontamente intervenuti lo hanno fermato ed arrestato con l’accusa di “stalking”. Un primato provinciale per i militari della compagnia di Pontecorvo agli ordini del capitano Pierfrancesco Di Carlo e del tenete Vincenza Sannino, coordinati sul campo dal maresciallo della stazione di Aquino Santino Messore, quello di oggi infatti è il primo arresto per stalking nella provincia di Frosinone. Ermanno Amedei

17 Maggio 2009 0

Picchia la moglie incinta, arrestato un 34enne

Di Comunicato Stampa

Fectu Cristinel 34enne di nazionalità rumena ma residente in Alatri è stato arrestato dai carabinieri permaltrattamenti in famiglia e lesioni personali nei confronti della coniuge. L’uomo è stato sorpreso dai militari sorpreso dai militari operanti, intervenuti chiamati dalla donna, in evidente stato di ebbrezza alcolica, mentre picchiava la coniuge, incinta, cagionandole lesioni personali, riscontrate dai sanitari del pronto soccorso dell’Ospedale di Alatri dove è stata ricoverata. L’arrestato, dopo le formalita’ di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di Frosinone a disposizione dell’A.G.

10 Maggio 2009 0

Litiga con la moglie e spara in aria. Denunciato

Di Comunicato Stampa

Quando, dopo le urla, sono arrivati anche i colpi di fucile, in tanti hanno pensato che il litigio tra moglie e marito di Pontecorvo, fosse finito in tragedia. Per questo, qualche vicino, temendo il peggio, ha avvisato i carabinieri della compagnia comandata dal capitano Pier Francesco Di Carlo. E’ accaduto venerdì in via Masella nella città fluviale che una coppia di coniugi, desse il meglio in urla e schiamazzi per l’ennesima litigata. Dopo un lungo tempo, il silenzio, prima un colpo di fucile, poi un secondo e così via fino a contarne quattro; poi ancora il silenzio. Inevitabile pensare o temere che quei colpi avessero azzittito per sempre uno dei due coniugi. Con una telefonata anonima ai carabinieri, qualcuno ha raccontato quanto era accaduto. I militari sono quindi arrivati sul posto, hanno individuato la casa e dalla donna hanno appreso che, dopo il litigio, il marito C. P. 46 anni, ha imbracciato il fucile calibro 12, regolarmente denunciato, è uscito di casa e ha sparato i quattro colpi per aria smaltendo in questo modo la sua rabbia. Per questo i carabinieri lo hanno denunciato per esplosione di colpi d’arma da fuoco. Il fucile con il relativo munizionamento è stato sottoposto a sequestro. Ermanno Amedei

25 Marzo 2009 0

LA MOGLIE LAVORA TROPPO. E LUI L’AVVELENA

Di Comunicato Stampa

Un gesto simile lo si sarebbe, forse, compreso per gelosia verso un altro uomo, ma verso la campagna e la dedizione al lavoro bucolico diventa un tantino fuori luogo. A pagarne le spese, la moglie di un vendicativo 51enne della provincia di Digione, tale Jacky Chatelain, proprietario di un vigneto, oggi sotto accusa per aver tentato di avvelenare sua moglie, poi ammalatasi a causa degli effetti estremamente nocivi dell’arsenico. A termine di una lunga indagine, durata ben quattro anni, l’uomo sarebbe stato arrestato, e pare abbia ammesso di aver tentato la strada dell’avvelenamento poiché si sentiva trascurato. Intanto, la coppia aveva divorziato tre anni fa.

19 Marzo 2009 0

La moglie è ossessionata dall’oroscopo e lui chiede la separazione

Di Comunicato Stampa

Evidentemente, alla signora dev’essere sfuggita questa premonizione nel suo futuro, e non si sarebbe aspettata una simile decisone da parte del marito esasperato. Esasperato al punto di non aver potuto evitare la forte crisi che si sarebbe abbattuta sulla loro famiglia, sfociata nientepocodimeno che in un ricorso al Tribunale di Savona affinchè le responsabilità venissero attribuite unicamente alla donna. Pare che l’uomo abbia raccontato che se la previsione dell’oroscopo era nefasta, la donna era capace di non uscire di casa e, addirittura, di non mandare i figli alle loro attività sportive pomeridiane. Chissà se a lei il Tribunale permetterà di rifarsi su chi quell’oroscopo lo redigeva e non le aveva mai suggerito di dedicarsi ad altre letture pur di salvare il suo marimonio!

18 Marzo 2009 0

Tenta di seppellire la moglie: non aveva soldi per il funerale

Di Comunicato Stampa

In fondo, come dargli torto: con quello che costano, oggi, i funerali! Così, un giapponese di 59 anni avrebbe dato degna sepoltura alla sua cara moglie da poco deceduta, scavandole una fossa, se non fosse stato fermato dalla polizia. Hiroshi Nakamura, questo il nome dell’uomo, non aveva soldi per rivolgersi ai necrofori, e per questo aveva scelto un posticino nei pressi della loro casa; adesso, risulta indagato per abbandono e occultamento di cadavere. La polizia era stata allertata dalla polizia, che gli aveva visto trascinare un grosso involucro, da cui pare fuoriuscissero un paio di gambe.