Tag: monte

11 Ottobre 2019 0

Gaeta, rocciatori bloccati nella Grotta del Turco su Monte Orlando, soccorsi dalla Capitaneria di Porto

Di Comunicato Stampa
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

GAETA – Erano rimasti bloccati sulla parete rocciosa della Grotta del Turco di Monte Orlando di Gaeta quando sono riusciti a lanciare l’allarme e richiedere soccorso. Brutta avventura nel tardo pomeriggio di ieri per due scalatori, A.V.N., anni 33, di origini rumene e P.G. anni 30, originario della provincia di Roma a causa di un imprevisto ed improvviso problema al sistema di “bloccaggio” durante le operazioni di risalita della parete rocciosa. Uno dei due uomini, cadendo, nel tentativo di aggrapparsi alla cima, rimaneva bloccato a mezz’aria, a circa 20 metri dal mare. L’altro scalatore, sebbene sotto shock ed in assenza di copertura telefonica, riusciva a richiamare l’attenzione di una imbarcazione in transito che, non potendo intervenire direttamente a causa della pericolosità della situazione, allertava la sala operativa della Guardia Costiera di Gaeta. La motovedetta della Guardia Costiera in servizio di ricerca e soccorso raggiungeva il tratto di mare antistante la parete rocciosa, ed i militari iniziavano, così, le operazioni di soccorso dei due sfortunati rocciatori ancora sospesi sul mare, attaccati alle cime utilizzate per la scalata, impossibilitati a risalire sulla montagna. Sotto il coordinamento della sala operativa della Guardia Costiera di Gaeta l’equipaggio della motovedetta riusciva a trarre in salvo i due scalatori, che stavano lentamente scivolando in mare, non senza difficoltà a causa della vicinanza della costa rocciosa e del mare che in quel momento creava un pericoloso movimento di risacca. A bordo della motovedetta della Guardia Costiera i due rocciatori, rimasti illesi sebbene provati dalla disavventura, raggiungevano la banchina Caboto per il successivo sbarco. La Guardia Costiera coglie l’occasione per ricordare che è attivo su tutto il territorio nazionale il numero gratuito per le emergenze in mare “1530”.

13 Marzo 2019 0

Infortunio sul lavoro a Monte S. Giovanni C., grave elettricista caduto dalla scala

Di Ermanno Amedei

MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO – Ha fatto un volo di circa quattro metri sbattendo violentemente la testa. In questa maniera, oggi pomeriggio, si è gravemente ferito un elettricista 53enne a Monte San Giovanni Campano.

Il libero professionista stava lavorando nel capannone di un’azienda istallando delle plafoniere dalla cima di una scala. L’impatto con il suolo è stato violentissimo e gli operatori del 118 accorsi per soccorrerlo hanno chiesto l’intervento di una eliambulanza per trasferirlo d’urgenza al policlinico Umberto I di Roma.

Le sue condizioni sono gravi e la sua prognosi è riservata. Le indagini su quanto avvenuto sono in corso da parte dei carabinieri della stazione di Monte San Giovanni Campano.

27 Settembre 2018 0

Casa degli spacciatori trasformata in bunker a Monte S. Giovanni C. 5 arresti

Di Ermanno Amedei

MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO – Piazza dello spaccio con la casa dei pusher trasformata in bunker a Monte san Giovanni Campano dove, questa mattina, i carabinieri della Compagnia di Sora hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Frosinone, su richiesta della Procura della Repubblica di Frosinone (PM Dott. Adolfo Coletta), a carico di 5 (cinque) persone, tutte ritenute responsabili del reato di “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, hashish e crack”.

L’attività di indagine ha consentito di appurare che gli indagati avevano allestito in Monte San Giovanni Campano (FR) una vera e propria piazza di spaccio presso la loro abitazione, trasformandola in un “bunker” non facilmente espugnabile da parte delle Forze dell’Ordine.

Maggiori dettagli saranno resi noti nella conferenza stampa che si terrà alle ore 11,30 di oggi 27 settembre 2018 presso il Comando Provinciale Carabinieri di Frosinone.

16 Luglio 2018 0

Tre ragazze disperse su monte Semprevisa, salvate dal Cnsas

Di Ermanno Amedei

CARPINETO ROMANO – Nel tardo pomeriggio di ieri i tecnici della stazione del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) di Collepardo sono intervenuti per recuperare tre escursioniste che avevano perso l’orientamento sui Monti Lepini, nel territorio del comune di Carpineto Romano.

Le tre ragazze, dopo aver lasciato la macchina in località Pian della Faggeta, hanno tentato di raggiungere la vetta del monte Semprevisa. Non realizzando più dove fossero, dopo aver tentato più volte di rimettersi sulla via del ritorno e dopo aver esaurito acqua e viveri, hanno contatto il Soccorso Alpino chiedendo aiuto.

Sul posto si sono dunque recati i tecnici del CNSAS che, dopo aver ricevuto la loro posizione tramite smartphone, le hanno raggiunte, rifocillate e ricondotte alla loro autovettura.

 

4 Aprile 2018 0

VIDEO – Sacchi di amianto e immondizie tra i boschi di Monte Artemisio

Di Ermanno Amedei

VELLETRI – Macchie di indecenza umana nella natura incontaminata dei sentieri di monte Artemisio a Velletri. I luoghi in questione sono quanto di più bello il territorio veliterno conservi ma qualcuno, evidentemente, non si rende conto del danno che fa scaricando immondizie che più comodamente, invece, potrebbe scaricare nell’isola ecologica. Ma non solo dato che la discarica spontanea individuata è “arricchita” da lastre di amianto.

A scoprirlo sono stati alcuni appassionati di Mountain bike che, partiti da Velletri, dopo essersi inerpicati per via dei Laghi in direzione Nemi, hanno deciso di “imbucare” un sentiero sterrato che li avrebbe portati nel bosco. Fatte alcune decine di metri si sono imbattuti in quello che è sembrato essere il risultato della pulizia di un garage. Rifiuti di ogni genere, da giocattoli ad utensili in disuso, roba che poteva essere smaltita nell’isola ecologica. Poco più avanti, invece, alcuni sacchi bianchi e chiusi hanno incuriosito i ciclisti che hanno deciso di scoprire cosa contenessero bucandone uno. Celavano pezzi di lastre di ethernit, il materiale contenente le temibili fibre di asbesto la cui rimozione da strutture edili deve essere effettuata con prudenza e da personale specializzato per poi essere smaltite in apposite strutture. Procedura che, evidentemente, qualcuno ha accelerato in maniera criminale e che oggi ha arredato lo splendido bosco alle pendici di monte Artemisio. Ermanno Amedei

<

21 Marzo 2018 0

Primavera anticipata ma con i caminetti accesi, nel Cassinate imbiancato Monte Aquilone

Di Ermanno Amedei

ATTUALITA’ – Temperature rigide, neve sui rilievi e pioggia alternata ad un timido sole: la primavera si presenta così, nel cassinate ma anche in tutto il Lazio. Le prime ore di questo 21 marzo, convenzionalmente considerato giorno di inizio della primavera, si presenta in maniera tutt’altro che tiepida.

Addirittura l’inizio della Primavera è caduto quest’anno alle 17.15 di ieri (20 marzo). L’equinozio, cioè quando il sole è allo zenit sull’Equatore ed è il giorno in cui le ore di luce sono uguali a quelle del buio, sarà anticipato rispetto al 21 marzo per i prossimi 80 anni.

I cassinati, oggi, si sono svegliati con  Monte Aquilone imbiancato fino a mezza costa e le previsioni consigliano di mantenere il caminetto acceso anche dopo Pasqua.

Ermanno Amedei

20 Gennaio 2018 0

Abuso edilizio a Monte S. Giovanni Campano, sequestrato piazzale e deposito

Di Ermanno Amedei

MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO – A seguito di attività di Polizia Giudiziaria, svolta ieri dalla Stazione Carabinieri Forestale di Veroli, è stato individuato in località Ripiano del Comune di Monte San Giovanni Campano, un piazzale con relativo deposito  di materiale breccioso e rifiuti provenienti da demolizioni edili le cui dimensioni sono risultate essere pari a metri  80×15 con all’interno un manufatto in muratura.

I militari hanno constatato che l’opera era priva di qualsiasi autorizzazione urbanistica, ambientale e in contrasto alla corretta gestione dei rifiuti, pertanto al fine di non portare il reato ad ulteriori conseguenze, le opere abusive sono state poste sotto sequestro giudiziario.

Il reato, è stato notiziato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone.

Al fine di salvaguardare la stabilità dei versanti e della corretta regimazione delle acque, verificato che il terreno è sottoposto a vincolo idrogeologico e paesaggistico è stato altresì elevato verbale amministrativo.

19 Gennaio 2018 0

Escursionista bloccato nel ghiaccio su Monte Scalette a Veroli

Di Ermanno Amedei

VEROLI – Nonostante la buona esperienza maturata in anni di scarpinate, ieri mattina un escursionista si è avventurato in solitaria sul Monte Scalelle a Veroli senza ramponi e piccozza nonostante il terreno ghiacciato. Impossibilitato a muoversi sulle lastre, per evitare di scivolare o dover passare la notte in un ambiente tutt’altro che ospitale, ha lanciato l’allarme.

A salvarlo sono stati gli esperti del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico di Cassino e Collepardo intervenuti con l’elicottero dei Vigili del Fuoco, giunto da Roma visto che Pegaso 33, l’elicottero con a bordo un tecnico di elisoccorso del Soccorso Alpino, era impegnato in un’altra missione. L’uomo è stato recuperato con tecniche saf e trasportato a valle

Ermanno Amedei

19 Dicembre 2017 0

Monte San Giovanni Campano: Incontro all’istituto comprensivo. Sicurezza in rete con la Polizia di Stato

Di Comunicato Stampa

Oltre 200 genitori si sono confrontati con l’esperto della Polizia di Stato, il Responsabile della Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni di Frosinone Sostituto Commissario Tiziana Belli, per la navigazione sicura dei giovanissimi.

Una numerosissima platea di genitori – oltre 200 – ha partecipato all’incontro dibattito organizzato dall’Istituto Comprensivo di Monte San Giovanni Campano per una navigazione sicura della generazione online. L’esperto della Polizia di Stato, il Responsabile della Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni di Frosinone Sostituto Commissario Tiziana Belli, ha evidenziato i pericoli della “rete” a cui i minori possono andare incontro, soffermandosi sull’importanza del ruolo genitoriale che, con l’istituzione scuola, è chiamato a sensibilizzare i giovanissimi utenti del web. “#essercisempre”

6 Settembre 2017 0

Fermato in A1, all’altezza di Mignano Monte Lungo, ricettatore di batterie. Denunciato dalla Polizia

Di Comunicato Stampa

La Polizia Stradale ha denunciato per ricettazione un 44enne che trasportava all’interno di un furgone 70 batterie di grosse dimensioni. Nella scorsa notte, gli operatori appartenenti alla Sottosezione Polizia Stradale di Cassino nei pressi del Km.688 dell’A/1 territorio del comune di Mignano Monte Lungo, procedevano al fermo di un autocarro Renault Master con scritte pubblicitarie di noleggio auto con una sola persona a bordo. Durante gli accertamenti, il conducente dichiarava di trasportare materiale ferroso di scarto mentre, nel vano posteriore del mezzo, gli agenti rinvenivano 70 batterie di grandi dimensioni. Gli operatori chiedevano contezza circa la provenienza della merce trasportata, ma l’uomo, non fornendo alcuna documentazione, riferiva di averle trovate in parte al porto di Senigallia ed in parte ad Ancona, dichiarazioni incompatibili con il biglietto di ingresso autostradale che evidenziava l’entrata del mezzo da un casello nei pressi di Reggio Emilia, zona in cui si erano verificati furti di materiale simile a quello rinvenuto. Per l’uomo un 44enne residente in Campania è scatta la denuncia per il reato di ricettazione.