Tag: solitario

28 Novembre 2018 0

“Lupo solitario” dello spaccio, 24enne albanese arrestato ad Anagni

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ANAGNI – Questa mattina i carabinieri di Anagni comandati dal maggiore Camillo Meo, nell’ambito di una articolata indagine denominata “lupo solitario” coordinata dalla Procura della Repubblica di Frosinone, dal PM. Dott.ssa Barbara TROTTA e dal GIP Dott.ssa Ida LOGOLUSO, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP presso il Tribunale di Frosinone, nei confronti dell’indagato, K.B 24enne albanese, domiciliato in Anagni (FR), al quale è contestato il reato di “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti” e quello di “evasione dagli arresti domiciliari” a cui era stato sottoposto in conseguenza del suo arresto e gravemente indiziato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti del tipo “cocaina” e “hashish”. Le attività info-investigative, svolte dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Anagni hanno permesso di accertare una serie di cessioni di sostanze stupefacenti poste in essere autonomamente dall’indagato ad una pluralità di soggetti e di confermare come l’indagato, nel periodo in cui è stato controllato, ha vissuto e tratto profitti esclusivamente dall’attività di spaccio di droga. L’intera indagine ed il provvedimento restrittivo odierno traggono origine da una attività info investigativa iniziata nel mese di maggio scorso, nello stesso periodo in cui era al culmine l’indagine “BROTHERS” per analoghe attività illecite condotte nella Città dei Papi, conclusasi lo scorso 8 novembre con l’esecuzione di 6 ordinanze di custodia cautelare a carico di altrettante persone. L’indagato si era insediato in quel periodo in una abitazione posta tra i vicoli del centro storico e per le sue attività illecite intratteneva incontri fugaci nei pressi del proprio domicilio sito in via della Valle, dove occultava lo stupefacente destinato allo spaccio e materiali per il taglio e confezionamenti in dosi presso una cantina (risultata essere nella sua disponibilità), nonché nel tratto di strada compreso tra la via Vittorio Emanuele e Piazza Sant’Andrea tanto che nel giro di pochi mesi dal suo arrivo ad Anagni, il prevenuto aveva costituito un esteso e ramificato giro di “affari”, monopolizzando lo smercio di droga in quella parte del centro storico. Nel corso dell’intera indagine l’uomo era stato già arrestato il 12 giugno poiché colto nella flagranza del reato di spaccio di cocaina nei confronti di un giovane del luogo, allorquando venivano sequestrate nr. 23 dosi di cocaina, sostanza da taglio, ritagli di buste e bilancino di precisione. Dopo l’arresto l’indagato veniva sottoposto agli arresti domiciliari, ma non solo non rispettava le prescrizioni imposte (evadendo dalla misura e continuando ad avere contatti con soggetti esterni alcuni dei quali suoi “clienti”), ma continuava nella sua attività criminosa di spaccio, interrotta ulteriormente dai Carabinieri di Anagni in data 25/06/2018, con il conseguente rinvenimento di una dose di stupefacente di cocaina che aveva ceduto ad un suo connazionale. A seguito di quest’ultimo episodio, i militari della Compagnia richiedevano all’A.G. la revoca del beneficio concessogli, e il 28.06.2018 a seguito dell’applicazione della custodia cautelare in carcere, lo arrestavano nuovamente. Complessivamente, nel corso dell’indagine intrapresa al fine di arginare il fenomeno dello spaccio ed il consumo di sostanze stupefacenti in Anagni, sono state accertate circa 60 cessioni di varie dosi di “cocaina e hashish”, riscontrati dai sequestri operati in poco meno di due mesi (circa 30 gr. di cocaina e hashish, oltre a vario materiale e sostanze atte al confezionamento in dosi) e dalle relative segnalazioni amministrative inoltrate all’U.T.G. di Frosinone per 8 assuntori di sostanze stupefacenti.

Foto repertorio

13 Ottobre 2018 0

Lupo solitario arrestato da carabinieri e polizia di Frosinone

Di Ermanno Amedei

FROSINONE – Carabinieri e poliziotti di Frosinone hanno arrestato un cittadino rumeno di 29 anni, ricercato da due anni perché gravato da ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Frosinone, per i reati di rapina pluriaggravata, furto in abitazione e lesioni personali.

L’arrestato era stato detenuto nella casa circondariale di Velletri, fino al luglio del 2016, per i medesimi reati ma, dopo la sua scarcerazione, si era reso irreperibile alla misura degli arresti domiciliari a cui si doveva sottoporre proprio in sostituzione della detenzione.

Il ricercato è stato scovato in un’abitazione delle campagne del patricano, all’interno della quale è stata trovata una gran quantità di merce, provento di numerosi furti commessi in aziende e fabbriche della zona.

In particolare, è stato trovato numeroso materiale edile, strumenti da lavoro, gruppi elettrogeni, componenti di pc ed altro.

È quindi verosimile che l’arrestato si continuasse a procurare da vivere attraverso la commissione di reati contro il patrimonio e la persona.

Gli investigatori del Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Frosinone, congiuntamente con i poliziotti della Squadra Mobile stanno svolgendo ulteriori accertamenti per stabilire tutti i furti da cui proviene la merce rinvenuta nell’abitazione utilizzata dall’arrestato.

 

30 Ottobre 2017 Off

Caira e Collecedro primato solitario nei rispettivi gironi

Di felice pensabene

Quinta giornata del torneo di Eccellenza caratterizzata dalla brutta sconfitta della Sangermanese, 3 a 1, subita nell’incontro che la vedeva opposta a Ducato Sora. La vittoria consente alla formazione volsca di superarla in classifica generale attestandosi al secondo posto ad una sola lunghezza dalla capolista Caira. Proprio la capolista battendo Cerreto per 1 a 0, prosegue a guidare la classifica del girone. Quinto turno che vede la vittoria di tutte tre le formazioni di Pontecorvo. Isotopi Pontecorvo (nella foto) conquistano tre punti sul terreno dei padroni di casa di Cervaro per 2 a 3; Tordoni supera, 1 a 0, la Sordella e infine la Longobarda prosegue la corsa verso i piani alti della classifica battendo 4 a 0, DS Dodici. Pareggio, 1 a 1, fra Amatori Aquino e Tibia e Peroni. Il prossimo turno metterà alla prova la formazione di Piedimonte che dovrà affrontare, in casa, la capolista Caira. I padroni di casa saranno chiamati a dare prova di riscatto se vorranno lottare per le prime posizioni della classifica. Giornata di conferme anche per la Longobarda che dovrà vedersela con Canceglie Sora per cercare di scalare ancora la classifica. Le due formazioni sono al quarto posto entrambe a quota sette punti. Sarà, quindi, un vero e proprio scontro diretto. Allunga il passo Collecedro, a quota quindici punti, sulle dirette inseguitrici dopo la facile vittoria, 0 a 5, in trasferta contro Drink Team Duff. La capolista approfitta del leggero passo falso di Terelle fermato in casa dal pareggio, 2 a 2, con Amatori Piedimonte. Tre formazioni a quota dieci punti si dividono il terzo posto in classifica. Moscuso che supera agevolmente in casa, 7 a 1, Amatori Belmonte. Amatori Pignataro che conquista i tre punti sul terreno di Labbirra, che nel prossimo turno dovrà affrontare la capolista Collecedro, per 0 a 1 nello scontro diretto.

F. Pensabene

28 Ottobre 2016 0

Rapina all’alba a Frosinone, malvivente solitario assalta sala slot

Di Ermanno Amedei

Frosinone – Rapina a mano armata, questa mattina alle 6 nel Bar Sala Slot di via Marittima

Un uomo, armato di pistola e con volto travisato da passamontagna, ha fatto irruzione nel locale aperto tutta la notte e si è fatto consegnare la somma di circa 1700 euro, principalmente l’incasso delle slot machine.

Con il bottino, quindi, è scappato prima che gli agenti della questura potessero arrivare.

Le indagini immediatamente avviate dagli uomini del vice questore Giuseppe Di Franco, hanno permesso di risalire all’identità dell’uomo. Si tratta di un noto pregiudicato della zona che è al momento ricercato.

18 Giugno 2010 0

Rapinatore solitario tradito dall’anello troppo vistoso

Di Comunicato Stampa

Avrebbe fatto tutto da solo, ha usato una Y10 rubata a Pescara, con un taglierino ha assaltato la Cassa di Risparmio della Provincia di Chieti di Tollo e si è dileguato. Un colpo da vero professionista che ha fruttato circa 8 mila euro. Alcuni giorni di indagine svolta dai carabinieri della compagnia di Ortona comandata dal capitano Gianfilippo Manconi sono bastati per dare un volto a quel rapinatore. Un grosso contributo alle indagini è stato dato da un cliente della banca che dopo il colpo, ha seguito a distanza il malvivente, fino a vedere su quale auto salisse per la fuga e, anche il volto dato che poche decine di metri dopo essere uscito dall’istituto di credito, il rapinatore si è liberato del berretto e il fazzoletto con cui si era nascosto il volto. I militari, quindi, sono arrivati a Andrea Napolione, 43 anni di Orsogna (Ch) già noto per fatti specifici. Le perquisizioni hanno permesso di ritrovare un anello, indossato dal rapinatore, rimasto impresso nella memoria dei dipendenti: grosso, vistoso e con disegni geometrici. Inoltre tra i soldi dell’uomo, c’erano alcune banconote civetta che la banca aveva inserito nel bottino. Per questo, l’uomo è stato arrestato per l’ipotesi di reato di rapina, ricettazione (l’utilizzo dell’auto rubata a Pescara) e porto abusivo di oggetti atti ad offendere. Gli investigatori non escludono che all’uomo possano essere attribuite le responsabilità di altre rapine, per questo confidano anche nella diffusione mediatica della notizia. Ermanno Amedei ermadei@libero.it

24 Febbraio 2010 0

Rist. San Germano conquista il secondo posto solitario nel girone ‘B’ di Promozione

Di felice pensabene

Approfitta Rist. San Germano del turno di riposo di Galluccio e della mancata omologazione del risultato dell’incontro fra Selvacava e Friends for Football, per agguantare il secondo posto solitario in classifica, a quota 44 punti, nell’ottava giornata del girone ‘B’ del torneo di ‘Promozione’. Proprio questa compagine dovrà, già da subito, dimostrare di meritare il secondo posto. Nel prossimo turno dovrà difenderlo, infatti, nell’impegnativo confronto sul terreno dell’agguerrito Marzanello, dal Galluccio opposto in casa con il S. Andrea e dal suo diretto rivale: Selvacava che, con un incontro da recuperare, sarà impegnato, nella nona giornata, sul campo del Basilico Cafè. L’ottava giornata, tuttavia, qualche altra sorpresa l’ha portata. La vittoria del Casale su S. Andrea, per 1 a 2,  quella di Marzanello, per 2 a 0, su Basilico Cafè e di Aquino, per 3 a 0, su Cassino Doc nei piani intermedi della classifica. Quattordici il totale delle reti segnate. Sempre in testa nella classifica dei bomber, Ettore G. Franzese, Rist. San Germano, con 21 centri, seguito a 17 da Gionatan Teoli, Galluccio,  e da Federico Casale, Selvacava, con 16. decisivo sarà il prossimo turno che potrebbe portare le novità più interessanti nel prosieguo del torneo. Staremo a vedere come si comporteranno le compagini direttamente impegnate nella conquista del titolo finale, di un campionato sempre pi agguerrito.

27 Marzo 2009 1

Un “pavone solitario” e spaventato sui tetti di San Pietro

Di Comunicato Stampa

Un tempo c’era il “passero solitario”, oggi, invece, a rimanere soli e spaesati, sono anche i pavoni. Un esemplare spaurito dell’uccello di origine asiatica, noto per le sue penne dai colori smaglianti nei periodi dell’accoppiamento, è stato avvistato su un tetto di San Pietro Infine (Ce). Un animale cosi particolare non poteva sfuggire all’occhio di un fotografo esperto e allenato come quello di Antonio Nardelli. Il pennuto probabilmente era scappato dal recinto di qualche appassionato che, probabilmente lo deteneva in maniera illegale. Avere un esemplare di pavone in casa senza uno speciale permesso è reato e si incappa in pesanti sanzioni. Comunque certamente vedrlo lbero e a spasso su un tetto fa un certo effetto. Il tempo di alcuni scatti, poi il pennuto, ancora non sfolgorante perché non è la stagione delgi accoppiamenti, è salterellato via facendo perdere le sue tracce. Chissà se riuscirà a tornare in India.