Tag: sospetta

23 Aprile 2018 0

Sospetta meningite a Cassino, profilassi a bimbi asilo nido e genitori

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Un caso sospetto ha fatto scattare l’allarme meningite a Cassino. Un bambino di appena due anni è arrivato ieri mattina in ospedale a Cassino con sintomi di infezione da meningococco e subito trasferito al Bambino Gesù di Roma. Per questo il pronto soccorso è rimasto chiuso per alcune ore mentre il personale medico e paramedico è stato sottoposto a profilassi.

Una compressa di Ciproxin o iniezione di Rocefin per gli adulti; sciroppo Rifadin per i bambini. E’ questa la profilassi da seguire comunque dietro consultazione del medico curante, che la Asl di Frosinone con una nota alla scuola di Cassino, ha indicato come quella da sottoporre sia ai genitori dei bambini che gli operatori del nido di Cassino frequentato dal piccolo.

Con la nota la Asl ha dato disposizioni sanitarie alla scuola che, dal canto suo, ha informato con una propria nota per i genitori, spiegando che la scuola sarebbe rimasta aperta perché è stata fatta la necessaria e prevista disinfezione dei locali. Nella stessa nota la scuola parificata indica, come disposto dalla Asl, la necessità di sottoporre a profilassi coloro che siano stati a contatto stretto con il piccolo. Per contatto stretto indica i bambini della stessa sezione asilo nido, i familiari conviventi e gli operatori scolastici del nido.

25 Gennaio 2018 0

Borsa sospetta, scatta l’allarme bomba in stazione a Latina: evacuato treno

Di admin

LATINA – Circolazione ferroviaria bloccata, ieri sera a Latina per una borsa sospetta lasciata sul treno regionale Roma Formia. A segnalarla sono stati alcuni pendolari che l’hanno notata incustodita su un sedile del quinto vagone del convoglio arrivato a Latina sul binario 3.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Latina Scalo unitamente quelli dipendente NORM Aliquota Radiomobile che hanno provveduto ad attuare lo specifico protocollo anti terrorismo predisposto in ambito provinciale, facendo evacuare i passeggeri con l’ausilio del personale delle ferrovie.

Al termine delle operazioni di bonifica da parte della squadra artificieri del Comando Provinciale carabinieri di Roma si appurava che si trattava di una borsa contenente alcuni indumenti personali senza poter risalire al proprietario. La circolazione ferroviaria è successivamente ripresa regolarmente.

10 Aprile 2017 0

Morte sospetta al pronto soccorso, autopsia per scoprire la verità sulla tracheotomia

Di admin

Cassino – Il mistero sulla morte di Dino Valente potrebbe avere le ore contate. E’ in corso, infatti, nell’obitorio dell’ospedale di Cassino, l’autopsia sul corpo del 37enne morto mercoledì sera dopo essere arrivato al pronto soccorso con mal di gola e difficoltà respiratorie.

L’uomo è deceduto in circostante da chiarire poco dopo le 21. I familiari hanno denunciato l’accaduto e la procura ha sospeso l’iniziativa della Asl di effettuare un riscontro diagnostico, affidando l’incarico ad un medico legale di effettuare l’autopsia che è, al momento in corso. Poco o nulla trapelerà oggi. Si stabilirà con certezza se l’uomo è morto soffocato e la tempistica di intervento per la tracheotomia; il foro alla gola che gli avrebbe permesso di respirare.

Ermanno Amedei

3 Febbraio 2010 0

Cavalli misteriosi, stalle abusive e medicinali: si sospetta un giro di corse clandestine

Di redazione

Una fattoria costruita abusivamente sotto il ponte della supestrada Cassino Sora Avezzano nel territorio di Sora (Fr). A scoprirla è stato un pool coordinato della guardia di Finanza di Sora, composto da vigili urbani, polizia provinciale, personale della Asl e dell’ufficio tecnico di Sora. Architetti e realizzatori dell’opera che ospitava ben 13 cavalli sarebbero alcuni rom. I finanzieri coordinati dal capitano Vincenzo Ciccarelli ne hanno identificati quattro. Nel corso del controllo, è emerso che dei 13 equini, solo sette erano microcippati e con documenti, gli altri sei non avevano alcun tipo di certificato di provenienza. Inoltre sono state trovate numerose scatole di medicinale umano che, se somministrato ai cavalli, avrebbero avuto effetti dopanti. Una circostanza che porta gli investigatori a sospettare che dietro la presenza degli animali vi fosse un giro di corse clandestine. Per questo, animali e baracche sono state poste sotto sequestro e i quattro rom denunciati per reati di vario genere.

22 Dicembre 2009 0

Fiamme nel garage della villa, si sospetta l’origine dolosa

Di redazione

Al ritorno a casa ha trovato le fiamme già alte e ha chiamato i vigili del fuoco di Cassino. La donna, proprietaria insieme al marito di una villa in via Melfi di Sopra a Pontecorvo (Fr) è arrivata quando ormai le fiamme avevano distrutto tre motociclette, quattro biciclette, motoseghe, tagliaerba e mobilio per giardino. L’incendio che ha distrutto il garage della villa è, probabilmente, di origine dolosa dato che la struttura non avrebbe impianti elettrici che possano giustificare un corto circuito. Il dolo, quindi, resta un’ipotesi più che attendibile considerando anche che la casa è di proprietà di un funzionario di un carcere.

11 Dicembre 2009 0

Morto in treno, si sospetta il collasso etilico

Di redazione

Le cinque ore di autopsia svolte oggi pomeriggio nell’obitorio di Cassino (Fr) non sono state sufficienti per stabuilire con esattezza le cause della morte di Silvestro Leva il 41enne di Calvi Risorta (Ce). L’uomo è stato trovato cadavere nel treno Cassino Napoli in partenza dalla stazione di Cassino martedì alle 14. Sulla nuca dell’uomo erano presenti vistose ferite provocate da un’arma da taglio tipo punteruolo ma pare che nel corso dell’autopsia, quelle ferite, non sarebbero state considerate tanto profonde da poter giustificare il decesso dell’uomo. Per cui, pur non sapendo come Silvestro se le fosse procurate, le cause andavano cercate altrove. Inevitabile pensare ad una morte provocata dall’assunzione di sostanze o bevande. Pare infatti che l’uomo avesse bevuto molto prima di morire e non è da escludere che, proprio quell’eccessa quantità di alcool, pare si trattasse di vino, possa essere, se non la causa, quantomeno la concausa del decesso. A questo punto si sgonfia l’ipotesi dell’omicidio anche se i punti interrogativi restano. Con tutta probabilità Silvestro è rimasto nella carrozza all’interno della quale il giorno dopo è stato trovato, fin dal lunedì quando il convoglio è arrivato dalla Campania lunedì alle 21. Ci si chiede: quando il treno è stato parcheggiato, Silvestro era ancora vivo o è morto poi in solitudine senza che nessuno potesse aiutarlo? Se così fosse possibile che nessuno lo ha visto? Possibile che si possa morire così in un treno? Ermanno Amedei

19 Ottobre 2009 0

Sospetta overdose, madre 29enne in fin di vita

Di redazione

Ventinove anni, sposata e madre di tre figli. E’ la donna che questa notte è arrivata al pronto soccorso di Cassino in fin di vita. A renderla in fin di vita, sarebbe stata una possibile overdose o un’intossicazione da farmaci. Alle 21 di ieri, la 29enne sembrava essere stata abbandonata davanti l’ingresso del Santa Scolastica ma poco dopo il marito si è presentato dicendo che era andato a parcheggiare l’auto. I medici la mantengono sotto stretta osservazione ma le sue condizini sono gravissime. Del caso se ne stanno occupando gli agenti di polizia del commissariato di Cassino. Er. Am.

28 Maggio 2009 0

Tre auto distrutte dal fuoco, si sospetta il dolo

Di redazione

Dietro gli incendi che hanno distrutto, questa notte, due auto a Colle San Magno e una Pontecorvo, c’è l’ombra del dolo. Il primo episodio si è verificato alle 22.30 circa, quando due auto di proprietà di una azienda della zona sono state avvolte dal fuoco riportando danni ingenti. I vigili del fuoco di Cassino sono intervenuti ed hanno domato il rogo. Qualche ora dopo nuova allarme, questa volta a Pontecorvo in via Le Mure. Nuova corsa dei vigili del fuoco per spegnere le fiamme che avevano avvolto una Opel Zafira. Il sospetto della natura dolosa dei roghi è forte. Indagano i carabinieri della compagnia di Pontecorvo agli ordini del Capitano Pierfrancesco Di Carlo.