Tag: testa

19 Febbraio 2020 0

Intestatario di 169 auto, Polstrada individua a Frosinone “testa di legno”

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Frosinone – Una “testa di legno” intestataria di 169 autovetture è stata scoperta dagli agenti della polizia stradale di Frosinone.

Dopo mesi di indagini ed accertamenti svolti dagli investigatori si è arrivati ad un 49enne campano che aveva a suo nome intestate fittiziamente tutte le automobili che evidentemente erano utilizzate da altre persone.

A suo carico aveva oltre 9mila euro di multe non pagate. Dal momento che lo stesso non ha provveduto nei tempi previsti al pagamento delle sanzioni è stata avviata la procedura di cancellazione dei veicoli dal (Pra) Pubblico registro automobilistico.

10 Dicembre 2019 0

Lite tra pregiudicati davanti ad un bar di Frosinone finisce con colpo di pistola alla testa, arrestato albanese

Di Ermanno Amedei

Frosinone – Spara alla testa dell’avversario e viene arrestato per tentato omicidio.

È accaduto ieri sera a Frosinone, presso l’area di sosta del bar “Caterina”, in via Tommaso Albinoni, dove due pregiudicati hanno avuto un violento litigio a seguito del quale uno dei due, un albanese di 37 anni, si allontanava per poi fare immediatamente ritorno ed attendere che il rivale entrasse nella sua auto, per sorprenderlo e sparargli un colpo di pistola alla testa, riducendolo in gravissime condizioni. I due stranieri sono entrambi residenti a Frosinone e tutti e due risultano in possesso del permesso di soggiorno. Il ferito, dopo le prime cure prestate sul posto, è stato trasferito al Policlinico “Umberto I” di Roma, dove è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico, che ha permesso l’estrazione del proiettile dal cranio. Attualmente la sua prognosi è riservata. Subito sono state attivate le ricerche dell’autore del tentato omicidio che, sentendosi braccato, si è presentato spontaneamente in Questura, confessando la commissione del reato e consentendo il ritrovamento dell’arma utilizzata e poi nascosta.

La pistola, da un successivo accertamento, è risultata provento di furto avvenuto a Ceccano lo scorso 8 dicembre. Ascoltato nel corso della notte dal P.M. di turno, il Sostituto Procuratore dr. Samuel Amari, in presenza dei difensori di fiducia, ha confermato di essere l’autore del reato attribuendone le motivazioni a contrasti sorti nell’ambito dello sfruttamento della prostituzione nell’area industriale di questo capoluogo. Il feritore è stato arrestato e condotto presso il carcere di Frosinone. Sono in corso le indagini da parte della Squadra Mobile di Frosinone.

(Foto repertorio)

30 Novembre 2018 0

Velletri, a 9 anni infila la testa del compagno di classe nel water: “L’ho visto fare in tv”

Di Ermanno Amedei

VELLETRI – “L’ho visto fare in televisione e tutti ridevano”. Così un bambino di 9 anni ha spiegato il gesto di infilare la testa del compagno di classe in un water scaricando l’acqua. E’ accaduto ieri mattina a Velletri dove i bambini coinvolti frequentano la quarta elementare. Un gesto che ovviamente non è passato inosservato e che ha immediatamente allarmato il corpo docente coinvolgendo anche i genitori dei due bambini. Un gesto grave e il fatto che i due fossero amici non aiuta a comprenderne il senso che, quasi certamente, è sfuggito anche al suo giovane autore mentre lo compiva.

“Gesto di prevaricazione – lo ha definito il preside – ma crediamo che il responsabile abbia agito con superficialità perché ha visto cose in tv ignorandone le conseguenze. Certamente il gesto rimane grave e per questo abbiamo convocato i genitori dei bambini coinvolti e messo in atto tutto le procedure che utilizziamo in genere anche per fatti meno gravi di questi a cominciare dalla sensibilizzazione dei bambini sui comportamenti corretti da adottare nei confronti dei compagni. In questo momento parliamo di interventi educativi anche perché non ci sono precedenti di questo genere. Il bambino è vivace e ha detto di averlo visto in televisione dove tutti ridevano e pensava che fosse una cosa divertente”.

Ermanno Amedei

19 Novembre 2018 0

Ritorna in testa la Longobarda, Janula e Belmonte non mollano il primato

Di felice pensabene

Cambia il vertice della classifica del torneo di Eccellenza. Tordoni perde lo scontro diretto, sul terreno di casa, con Borussia per 1 a 2 e anche la vetta della classifica. Del passo falso della ex capolista ne approfitta la Longobarda che nonostante il pareggio a reti inviolate sul campo del Moscuso si porta in testa alla classifica a quota diciassette punti con il Borussia. Match combattuto fino al triplice fischio quello fra Canceglie e DS Dodici vinto dai padroni di casa per 4 a 3 che consente alla formazione volsca di occupare la terza posizione in classifica, a quota tredici punti insieme a Collecedro che supera i padroni di casa dell’Ateltico Pontecorvo per 1 a 2 e a Caira che, se pur sconfitta 2 a 1, da Cervaro mantiene il terzo posto.

Nel girone “A” di Promozione resta saldamente in testa al torneo Janula, a quota ventidue punti, dopo la vittoria per 1 a 3 sui padroni di casa di Niemoslive. Pareggio a reti inviolate fra Amatori Aquino e Real Nuova Piedimonte che consente alla formazione della città di San Tommaso di restare al secondo posto in classifica. Importanti tre punti per Amatori Pignataro sul campo di Friends for Football per 0 a 1 che vede la formazione di Pignataro al terzo posto in classifica a quota quattordici punti. Nello scontro diretto fra Cerreto e Sordella la spuntano gli ospiti che battono i padroni di casa di Cerreto con un 2 a 4.

Nel girone “B” tre le formazioni impegnate a contendersi il primato in classifica. Nella nona giornata resta in testa Belmonte (nella foto), a quota venti punti, dopo la vittoria 3 a 0 su Viticuso. Seguono AM Castelnuovo che supera agevolmente, 3 a 0, Drink Team Duff e AM Piedimonte che batte di misura, 1 a 0, Real Castelnuovo. Il prossimo turno vedrà di fronte Caffè Reale, vittorioso, nell’agevole confronto che lo vedeva opposto ai padroni di casa del Monticelli, per 1 a 2, e la capolista Belmonte.

11 Aprile 2018 0

A testa in giù nel tombino, 79enne salvato dai carabinieri

Di Ermanno Amedei

FROSINONE – Scomparso nella notte dal pronto soccorso di Frosinone, lo hanno ritrovato e salvato questa mattina a testa in giù nel tombino privo di coperchio. È accaduto ad un 79enne nei pressi dell’ospedale civile di Frosinone.

A salvarlo sono stati i carabinieri di Quartiere in servizio presso la locale Stazione Capoluogo, mentre si recavano presso il  Reparto di Psichiatria dell’Ospedale di Civile di Frosinone per procedere ad una urgente notifica. Un passante li ha informati di un sinistro rumore proveniente da un vicino cespuglio di rovi, precisando che i suoni, simili ad un grugnito di animale li aveva uditi  da circa una mezz’ora.

I due militari, quindi, ipotizzando potesse trattarsi di un cinghiale la cui presenza costituiva pericolo per la gente del posto, si sono avvicinati arrampicandosi su di un muro di sostegno dell’altezza di oltre due metri, al di là del quale insiste un fitto cespuglio di rovi, prima della recinzione esterna perimetrale.  Appena arrivati in cima al muro si sono accorti che ad emettere quei lamenti era un uomo rimasto incastrato a testa in giù all’interno di un tombino privo di coperchio, a forma quadrata delle dimensioni di circa 60x60x80 cm di altezza.

Prontamente i due militari si sono calati e hanno soccorso l’uomo tirandolo per le gambe per poi adagiarlo sul terreno, richiedendo contestualmente l’intervento del 118 e dei Vigili del Fuoco di Frosinone per poterlo spostare in sicurezza dal terrapieno. L’uomo, ottenute le prime cure mediche, è stato identificato in un pensionato 79enne di  Arnara. L’anziano è risultato essere la persona che nel corso della notte, verso le 3, mentre si trovava ricoverata al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Frosinone, si era arbitrariamente allontanata. Le ricerche immediatamente avviate dalla Polizia di Stato, dopo la segnalazione del personale medico, non avevano dato l’esito sperato.

Ermanno Amedei

5 Marzo 2018 0

Elezioni Regionali 2018: Zingaretti e Parisi testa a testa, risultato ancora incerto

Di felice pensabene

ROMA –  Sono iniziate alle ore 14 le operazioni di spoglio delle schede per il rinnovo del Consiglio e del Presidente della Giunta Regionale del Lazio. Fin dalle prime battute si è profilato un risultato che vedeva un leggero vantaggio per il presidente uscente Nicola Zingaretti, attestato, secondo le prime tre proiezioni, intorno al 31% dei consensi sugli altri candidati Stefano Parisi (CENTRODESTRA) e Roberta Lombardi (M5S). Nel corso del pomeriggio i dati sono stati altalenanti, ma sempre con un vantaggio per il Presidente Zingaretti.

Il leggero vantaggio si è andato via via consolidando durante la pubblicazione delle proiezioni.

In controtendenza i dati provenienti dalle province di Frosinone e Latina, che davano in vantaggio Stefano Parisi del centrodestra. La stessa Roberta Lombardi, del M5S, era ad una percentuale intorno al 29%.

Il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, invece era accreditato ad una percentuale compresa fra 5,8 – 6%. Questi i dati che si sono altalenati per tutto il pomeriggio in attesa di quello definitivo.

Al momento con 1043 sezioni scrutinate su 5285 in totale, il presidente uscente è dato al 32,0% mentre Stefano Parisi è al 32,1%, Roberta Lombardi al 27,1% dati in continuo cambiamento e che rende incerto ancora l’esito del risultato finale.Con 2379 sezioni scrutinate Zingaretti è al 34,4% mentre Parisi al 30,0%. Sembrerebbe avvicinarsi la riconferma del presidente uscente.

E’ possibile che questi dati possano ancora cambiare.

 

19 Febbraio 2018 0

In Promozione Collecedro aumenta il vantaggio in testa al torneo

Di felice pensabene

Nella terza giornata del girone di ritorno da registrare il rientro in vetta alla classifica nel torneo di Eccellenza, se pur a parità di punteggio, del Ducato di Sora. Canceglie, infatti, nonostante la vittoria per 2 a 0 su Caira ora deve dividere il primato di classifica, a quota 41 punti, proprio con l’altra formazione volsca. La vera novità è, tuttavia, rappresentata dal terzo posto conquistato dalla Longobarda che infligge un sonoro 0 a 4 ai padroni di casa di Amatori Aquino e supera in classifica l’altra formazione di Pontecorvo, i Tordoni battuti, 2 a 1, da DS Dodici. Il prossimo turno sarà importante per Canceglie che dovrà riscattare la prova di questa settimana nello scontro diretto proprio contro i Tordoni sul terreno di casa della formazione pontecorvese, certamente non facile per la squadra sorana. Altro incontro importante vedrà opposte la Longobarda, che dovrà confermare la sua posizione in classifica in un match non certo agevole contro Tibia e Peroni forte del turno di riposo di questa settimana. Un match importante per Canceglie in cui l’obiettivo, per i sorani, dovrà essere la vittoria, fondamentale a non perdere il contatto con i vertici della classifica e del torneo. In Promozione prosegue la marcia in testa al torneo di Collecedro (nella foto) che incrementa il vantaggio in classifica generale, con la vittoria nel confronto con Moscuso, vinto sul terreno della formazione campana, padrone di casa, per 2 a 4. Sette ora le lunghezze di vantaggio della formazione di Sant’Angelo su Labbirra fermata da un pareggio 1 a 1 da Janula. La terza giornata, tuttavia, ha riservato anche altre sorprese come la vittoria di Caffè Reale, ora quinto a una sola lunghezza da Pignataro, contro Colfelice per 2 a 0 e la vittoria, 5 a 0, proprio di Pignataro contro Real Castelnuovo. Con la vittoria, 4 a 0, su Cervaro 2012, la Sangermanese si porta ad una sola lunghezza in classifica da Caira.

F. Pensabene

29 Gennaio 2018 0

Basket C Silver: Serapo sconfitta da Ostia, ma esce a testa alta

Di felice pensabene

Seppur con una sconfitta, il Basket Serapo 85’esce a testa alta dalla trasferta di Ostia che la vedeva opposta alle Stelle Marine, seconda della classe. L’88-77 finale, infatti, è bugiardo visto che fino ad 1’ dalla fine della contesa i ragazzi di Coach Cianciaruso era lì a giocarsi una gara che non era iniziata sotto i buoni auspici. Di fatti, pronti via, la squadra locale piazza un parziale di 14-2 che costringe il tecnico biancoverde a chiamare il primo time out della serata. Da quel punto in avanti, una rimonta inesorabile, costruita pian piano, punto dopo punto, grazie all’abnegazione difensiva di tutti che è andata a sopperire alle percentuali al tiro non consone per Porfido e compagni. Rimonta che porta la squadra gaetana a mettere il muso avanti nel terzo quarto di gara grazie ad un’inarrestabile Leccese ( autore di 33 punti) e con la crescita graduale di Luca Valente durante il match.

Però quando dalla tua parte hai due giocatori di classe superiore e una fisicità complessiva superiore alla fine tutto ciò conta e nel finale sono state le giocate di Pappalardo e Grande ( 50 punti in due ) a chiudere il discorso di una gradevole partita.

Stelle Marine Ostia – Basket Serapo 85’ 88-77 (24-15;42-35;59-56)

Stelle Marine Ostia: Tarquinio 2, Bedetti n.e., Cristofari 10, Vacca n.e., Ly – Lee, Maiello 3, Ciambrone 7, Pappalardo 26, Grande 24, Petrella, Orsini n.e., Troiani 16. Coach: Donato

Basket Serapo 85’: Di Dia 2, Wissel, Scampone 11, Leccese 33, Santaniello, Valente F. 3, Antetomaso J. n.e., Antetomaso M., Valente L.16, Spignese n.e., Porfido 12. Coach: Cianciaruso

24 Marzo 2017 0

Omicidio a Terracina, ritrovato corpo di uomo legato. Aveva la testa chiusa in una busta

Di Ermanno Amedei

Terracina – Il corpo di un uomo è stato ritrovato oggi pomeriggio nell’immediata periferia di Terracina in località la Fiora, non molto distante dalla strada Provinciale.

È un vero giallo quello su cui stanno indagando i carabinieri del reparto investigativo di Latina dopo il ritrovamento del corpo senza vita, legato mani e piedi, con la testa imbustata in un sacchetto di plastica.

Al momento ancora non si conisce l’identità di quello che sembra essere chiaramente un omicidio. Potrebbe trattarsi di un uomo di cui non si avevano notizie da giorni.

2 Dicembre 2016 0

Recupearta in Olanda la testa di marmo rubata a Tivoli e raffigurante l’imperatrice Giulia Domna

Di Antonio Nardelli

Nel maggio 2015, i Carabinieri della Sezione Archeologia del Reparto Operativo Tutela Patrimonio Culturale hanno individuato, ad Amsterdam (Paesi Bassi), proposta in vendita tramite una casa d’aste londinese, una scultura archeologica in marmo, di circa cm 31, databile II sec. d. C. e raffigurante la testa dell’imperatrice romana Giulia Domna.

Il reperto, pur non essendo censito nella Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti gestita dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, è stato identificato quale bene appartenente alle collezioni permanenti esposte nell’area monumentale di Villa Adriana di Tivoli (RM). I successivi riscontri hanno confermato che la scultura era stata effettivamente rubata dal quel sito, dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, nel 2012, al termine di una mostra tenutasi nel Museo del Canopo, presso quell’area archeologica. L’individuazione dell’opera d’arte, resa possibile anche grazie alla fattiva collaborazione dei responsabili della casa d’aste con cui il Comando intrattiene consolidati e proficui rapporti, ha permesso la prosecuzione delle indagini. Le investigazioni, condotte congiuntamente con la polizia olandese hanno consentito di giungere all’identificazione della coppia di cittadini olandesi che detenevano illecitamente il bene.

Le Autorità dei Paesi Bassi, a cui sono state fornite le prove della provenienza furtiva della scultura, hanno proceduto al sequestro e alla restituzione del bene senza che fosse necessario intraprendere un’azione rogatoriale internazionale. Il reperto, di pregevolissimo interesse storico e artistico e del valore commerciale di circa 500.000€, è stato consegnato, negli uffici della Procura di Amsterdam ai Carabinieri del Reparto Operativo Tutela Patrimonio Culturale. La scultura, rimpatriata in Italia, sarà posta in custodia giudiziale a disposizione della Procura della Repubblica di Roma e, concluse le relative procedure, sarà restituita a Villa Adriana ove potrà tornare alla pubblica fruizione dei visitatori dell’importantissimo sito archeologico.