Giorno: 14 ottobre 2010

14 ottobre 2010 0

Si appropria dei rogiti ed evade le tasse, notaio in manette

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Le fiamme gialle di Vasto, dirette e coordinate dal comando provinciale di Chieti, hanno portato a termine un’indagine delegata dal procuratore della repubblica di Vasto – dr. Francesco Prete – condotta per il reato di peculato nei confronti di L.C, notaio assai noto in Vasto. Secondo l’accusa il professionista, quale responsabile d’imposta, si sarebbe appropriato delle somme pagate da suoi clienti in occasione dei rogiti e che il notaio avrebbe dovuto versare all’erario. L’importo finora calcolato delle somme trattenute supera i 500.000 euro, ma parallelamente il litterio deve rispondere di evasione dell’iva per circa 300.000 euro. Nella giornata odierna le fiamme gialle hanno eseguito nei confronti del litterio un provvedimento di custodia cautelare presso il domicilio, emesso dal gip di vasto – dr.ssa Caterina Salusti. le indagini non sono concluse tanto che i militari della locale compagnia stanno eseguendo anche diverse perquisizioni alla ricerca del denaro e di atti utili all’accertamento delle responsabilita’.

14 ottobre 2010 0

Valli: al suono della cornamusa la commemorazione della battaglia tra tedeschi e canadesi

Di admin

Con lo struggente suono della cornamusa dell’esercito canadese, si è svolta la cerimonia commemorativa della battaglia combattuta tra il 23 e 24 Maggio 1944 tra l’esercito tedesco e quello canadese facente parte delle truppe alleate, svoltasi in Aquino in località Valli – Zammarelli. In quei due drammatici giorni di sessantasei anni fa in questa località all’interno della linea Gustav – Hitler, si tenne un’asperrima battaglia che provocò centinaia di vittime, pare addirittura oltre mille, tra i giovanissimi canadesi, e i tedeschi che si opponevano all’avanzata delle truppe alleate. Questo evento, tra i più drammatici svoltosi nell’Italia meridionale nel corso delle operazioni della Seconda Guerra Mondiale, praticamente è rimasto sconosciuto ai più. In tutti questi anni non è stato mai commemorato tanto che ancora oggi rimarrebbe sconosciuto, se non avessero provveduto a ricordarcelo due ricercatori degli eventi “nostrani” della Seconda Guerra Mondiale, Roberto Molle di Roccasecca e Costantino Iadecola di Aquino. Martedì 12 Ottobre 2010 presente una folta delegazione canadese, ci sono stati per la prima volta i ricordi di quel tragico momento e l’inaugurazione di un cippo marmoreo a memoria perenne. Nel corso di una commovente cerimonia tenutasi in località Ponte di Ripa – Valli, questo è stato ricordato. Il sindaco di Aquino Antonino Grincia che ha porto il primo saluto ai partecipanti e alla delegazione canadese, di cui faceva parte un reduce della battaglia di Valli, allora ventenne, ha tenuto a precisare che finalmente si poneva “riparo a un lungo peccato di omissione che mai questo fatto era stato ricordato. “Ora” ha continuato il sindaco “finalmente ne parliamo e poniamo riparo a questa mancanza. Però, purtroppo questi eventi erano praticamente sconosciuti alla maggior parte di noi e noi non conoscevamo la loro storia. Oggi in questi stessi luoghi così diversi perché così ridenti per la serenità che danno, per la fertilità della terra, per il benessere di quelli che vi vivono, abbiamo voluto porre un ricordo perché rimanesse memoria di quello che vi è avvenuto e quanti ragazzi sono caduti in questa bellissima campagna”. Lo stesso sindaco ha dato il suo “benvenuto, anzi bentornato a quel ragazzo canadese ormai molto anziano, che aveva partecipato a quella tragica esperienza”. Successivamente sono intervenuti l’assessore provinciale Abbate, Costantino Iadecola e Roberto Molle che hanno sinteticamente rievocato quei fatti del ’44. Al termine alcuni alunni hanno scoperto la lapide commemorativa posta sul cippo marmoreo e vi hanno deposto una corona di fiori, dopodiché è seguita la benedizione da parte del parroco don Mario Milanese. Durante la cerimonia veramente molto suggestiva e commovente, la bandiera italiana e canadese e il gonfalone di Aquino, hanno fatto da cornice al piccolo monumento eretto in quella località. Il comune di Aquino desidera ringraziare in questa occasione oltre ai due storici che hanno suggerito l’iniziativa anche la scuola media di Aquino per la partecipazione, la ditta di marmi Colabove di Pontecorvo per l’offerta del cippo stesso, e il presidente del Consiglio Regionale del Lazio Mario Abbruzzese per aver supportato materialmente l’iniziativa per il ricevimento degli ospiti canadesi.

14 ottobre 2010 0

Olio terra e segatura dal rubinetto, intervengono i carabinieri

Di admin

Nella giornata di ieri, in Cervaro, i militari della locale Stazione, a seguito della segnalazione di un cittadino che lamentava l’inquinamento dell’acqua potabile che fuoriusciva dal rubinetto della propria abitazione, si attivavano immediatamente richiedendo l’intervento di personale specializzato.

Quel Comando, unitamente a personale dell’ASL di Cassino, dell’ARPA Lazio di Frosinone nonché quello dell’ATO 5 di Cassino, a seguito di scavi a campione lungo la condotta idrica principale, antistante l’abitazione del cittadino interessato, rinveniva delle tracce oleose che avvolgevano la condotta idrica costituita da materiale plastico.

Il materiale inquinante rinvenuto (olio misto a terra e segatura) potrebbe essere stato interrato a causa di una fuoriuscita accidentale da mezzi meccanici utilizzati per la realizzazione della posa in opera della condotta idrica per un tratto di 10 metri.

Il materiale di risulta veniva interamente recuperato per il successivo smaltimento, mentre l’ARPA Lazio ha proceduto al campionamento del materiale inquinante rinvenuto per effettuare i dovuti accertamenti.

Nel tardo pomeriggio, la condotta idrica dopo essere stata bonificata veniva ripristinata mentre l’area veniva messa in sicurezza a cura dell’ufficio tecnico del comune di Cervaro.

14 ottobre 2010 0

Protesta Videocon, Iannarilli ha scritto al ministro Romani

Di admin

Il Presidente della Provincia di Frosinone, On.Antonello Iannarilli, ha inviato questa mattina una lettera al Ministro dello Sviluppo Economico, On.Paolo Romani, sottoscritta anche dalla rappresentanze sindacali, rappresentando la gravissima situazione che si è venuta a creare per il decorso lento e incerto della vertenza Videocon ed ha chiesto un sollecito incontro con le rappresentanze dei lavoratori in sede ministeriale. I lavoratori questa mattina hanno manifestato sotto le finestre del Palazzo della Provincia e una loro delegazione, capeggiata dai rappresentanti sindacali ha occupato l’Aula Consiliare nella quale ha avuto un confronto con l’Assessore alle Attività produttive, Francesco Trina.

“Tengo a sottolineare – ha scritto tra le altre cose il Presidente Iannarilli al Ministro – che il ricorso alla Cassa Integrazione nel 2009 e nel 2010 nella nostra provincia è il più alto nel Lazio e tra i più alti in Italia a contrassegnare una situazione eccezionale di disagio sociale che non può essere ascritta alla “normale” e generalizzata sofferenza economica in cui versa anche il nostro Paese”.

Il Ministro dello Sviluppo Economico, Romani ha risposto alle ore 18,20 alla lettera inviata nella mattinata odierna dal Presidente della Provincia di Frosinone, Antonello Iannarilli per chiedere un incontro in sede ministeriale ed affrontare la spinosa vertenza Videocon. Nella mattinata odierna, infatti, i lavoratori Videocon avevano preso a manifestare sotto le finestre del palazzo della Provincia e una loro delegazione, guidata dai rappresentanti sindacali, aveva occupato l’Aula consiliare della Provincia. Accolti dall’Assessore alle Attività produttive, Francesco Trina, i lavoratori e i sindacalisti sono rimasti fino alle 18,40 presso il Palazzo, quando il Presidente Iannarilli ottenuta la risposta a firma personale del Ministro Paolo Romani li ha incontrati per fornire loro le indicazioni circa la disponibilità all’incontro entro la fine del mese comunicata dal Ministro. Stessa volontà è stata comunicata dal Ministero dello Sviluppo Economico alle rappresentanze sindacali e ai possibili acquirenti della Videocon.

14 ottobre 2010 0

L’Italia dei Valori al fianco dei lavoratori della Videocon e della Fiom

Di redazionecassino1

“Ancora una volta siamo al fianco dei lavoratori della Videocon di Anagni, impegnati nell’ennesima lotta per rivendicare diritti che si assottigliano sempre di più.” Lo dichiara in una nota il consigliere regionale dell’Italia dei Valori, Anna Maria Tedeschi. “Auspichiamo che l’accordo per la cessione della fabbrica alla Ssim si concretizzi al più presto, mentre chiediamo alla regione di gfarsi poravoce presso il Ministero dello Sviluppo economico affinchè porti avanti le trattative e ne metta al corrente i sindacati. L’azione svolta dall’assessorato per la gestione della cassa integrazione straordinaria in deroga viene in contro alle esigenze dei lavoratori e della Videocon, ma la vera svolta di tutta questa triste e lunga vicenda sarebbe la riattivazione del sito industriale: i lavoratori ormai da troppi anni in cassa integrazione rivogliono la loro dignità. Gli ammortizzatori sociali troppo spesso sono delle soluzioni tampone necessarie ma per la nostra economia serve un piano di sviluppo e di rilancio serio. Ci auguriamo che il nuovo ministro se ne faccia carico.” L’esponente dellItalia dei Valori, inoltre, sarà presente a Cassino, domani dalle ore 11 alle 15, in piazza G. Diamare, per promuovere la manifestazione della Fiom di sabato prossimo e a sostegno dell’azione di difesa dei diritti sindacali che la FIOM sta portando avanti. “L’IdV è al fianco dei lavoratori e l’azione politica sul lavoro si pone come obiettivo una nuova stagione di incontro e di dialogo – sostiene Anna Maria Tedeschi –  gli scenari del settore metalmeccanico si inquadrano attualmente in un’ottica internazionale, ma questo non deve avvenire a discapito di lavoratori che a quanto dire dai vertici FIAT fanno o dovrebbero far parte di un progetto di rilancio e di sviluppo. Se il prosieguo di questo progetto che porta il nome di Fabbrica Italia deve invece essere subordinato a forme di ricatto o addirittura alla negazione di diritti acquisiti, questo non può essere tollerato, non possiamo consentire che la globalizzazione ci riporti ad un secolo fa, dobbiamo tutti insieme come sistema Paese fare in modo che i diritti dei lavoratori vengano riconosciuti anche lì dove invece oggi non è nemmeno avviato un percorso di riscatto”.

14 ottobre 2010 0

Sedicimila prodotti contraffatti scoperti e sequestrati dalla Guardia di Finanza

Di redazionecassino1

la Guardia di Finanza di Fiuggi, ha predisposto, un articolata attività operativa tesa a contrastare il mercato del falso e garantire la sicurezza dei prodotti messi in commercio. L’operazione condotta dalle Fiamme Gialle, ha consentito il sequestro presso un commerciante di origine cinese di oltre 16.000 pezzi, per un valore di circa 150.000 euro, tra giocattoli, cosmetici, materiale per la casa, elettrodomestici,detersivi, materiale elettrico ed informatico tutti privi dei requisiti di conformità alla normativa comunitaria ed a scapito,quindi, della necessaria  sicurezza dei consumatori, il tutto in violazione alle normativa sul commercio. Novemila di questi prodotti sono risultati abilmente contraffatti, tra cui i portafogli di Hello Kitty, stickers e bustine delle Winx Club e della Warner Bros che ad un esame più approfondito dei militari risultavano carenti anche dei requisiti di garanzia e qualità che contraddistinguono la tipologia di questi prodotti. Tutto il materiale è stato posto sotto sequestro ed il soggetto che li commercializzava è stato denunciato in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria. Nel corso del controllo, inoltre, sono stati anche individuati tre lavoratori completamente in nero.

14 ottobre 2010 0

Vigilantes aggredito per aver impedito l’uso di un parcheggio riservato

Di redazionecassino1

Un vigilantes e’ stato aggredito davanti l’ospedale Umberto I di Frosinone per aver detto di non parcheggiare in un posto riservato. A spintonare una guardia giurata e’ stato un cittadino che si e’ qualificato come dirigente della Asl e che voleva parcheggiare nell’area riservata alla polizia. Il vigilantes dopo gli spintoni e la discussione animata ha accusato un malore ed e’ caduto a terra privo di sensi. E’ stato sottoposto ad una tac e dalle 9, ora in cui e’ avvenuta l’aggressione, non riprende conoscenza.  ”Lei non sa chi sono io” avrebbe detto l’uomo e poi uscito dall’auto, prima ha aggredito verbalmente la guardia giurata e poi ha cominciato a spintonarla con la pancia. Il vigilantes prima di sentirsi male e perdere i sensi, e’ riuscito a scattare con il telefonino una foto all’auto, dove e’ visibile il numero di targa. Le ”volanti” stanno cercando di risalire al proprietario dell’auto che potrebbe essere anche l’aggressore.

14 ottobre 2010 0

Scosse di terremoto tra l’Emilia e l’Abruzzo

Di redazione

Alcune scosse di terremoto si stanno ripetendo tra l’Emilia Romagna e l’Abruzzo. Il primo terremoto, ed anche quello più forte è stato di magnitudo 4.1 ed è avvenuto alle ore 00:43:14 italiane del giorno 14/Ott/2010 ed è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell’INGV nel distretto sismico: Zona_Rimini nei comuni di CESENATICO, GAMBETTOLA, GATTEO, LONGIANO, MONTIANO, SAN MAURO PASCOLI, SAVIGNANO SUL RUBICONE (FC), BELLARIA-IGEA MARINA (RN). Dalle verifiche effettuate dalla Sala situazione Italia del dipartimento della Protezione civile, non risultano al momento danni a persone o cose. Una scossa di terremoto, di magnitudo 2.4, è stata registrata in provincia dell’Aquila. Secondo i rilievi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, il sisma è avvenuto alle 2:45 con epicentro in prossimità dei comuni dell’Aquila, Barete, Capitignano e Pizzoli. Al momento non si hanno segnalazioni di danni a persone o cose. Altre due scosse, di magnitudo 2.7 e 2, erano già state registrate in zona tra ieri sera e stanotte.

14 ottobre 2010 0

Sicurezza sul lavoro, FLM Cub: “Spostano delegato sindacale che segnala pericoli”

Di redazione

La FLMUniti-CUB denuncia il comportamento della Fiat per gli spostamenti di reparto attuati nei confronti dei suoi dirigenti sindacali. È fin troppo palese come la condotta aziendale limiti l’esercizio sindacale, allorquando attivisti o dirigenti della FLMUniti-CUB denunciano carenze di sicurezza. “Dopo l’episodio di Pasquale Camerota, avvenuto circa 3 mesi fa, l’azienda “punisce” ancora una volta un nostro dirigente sindacale” Losi legge in una nota sindacale”. Infatti ha spostato in un altro fabbricato Rita Di Fazio “colpevole di aver osato segnalare”, con 3 lettere nell’arco delle ultime settimane, carenze di sicurezza che mettevano a repentaglio la sua salute e quella di altri lavoratori. Proprio in virtù dell’invio dell’ennesima lettera, che elencava problematiche afferenti la sicurezza (già più volte evidenziate verbalmente ai preposti nonché al responsabile della sicurezza), l’11 ottobre scorso si è presentata, sulle aree di lavoro segnalate, l’intera classe dirigente aziendale, in pompa magna, accompagnata dalla “scolaresca” sindacale. E così l’azienda ha pensato di dirimere le problematiche spostando chi le aveva segnalate. Dopo questi ultimi episodi è del tutto legittimo chiedersi se le leggi in materia valgono per tutti. Preservare la propria salute per la più grande azienda metalmeccanica italiana è divenuto “motivo di plateale punizione nei confronti di chi osa denunciare carenze di sicurezza”. Probabilmente l’azienda ritiene di poter zittire i nostri sindacalisti o i nostri iscritti con metodi “repressivi” pur sapendo che non hanno funzionato in passato e non funzioneranno nemmeno ora. Alcuni padroni continuano a fregarsene della normativa vigente in materia di sicurezza. Il risultato è che: troppo spesso la mancanza di sicurezza produce stragi sul lavoro. Proprio in questi giorni i quotidiani nazionali riportano i drammatici i numeri delle vittime sul lavoro”.

LE STRAGI “BIANCHE” DEL 2009 1.050 MORTI SUL LAVORO 790.000 INFORTUNI SUL LAVORO 886 MORTI IN SEGUITO A MALATTIE PROFESSIONALI (SOLO NEL SETTORE INDUSTRIALE)

14 ottobre 2010 0

La provincia di Frosinone ha il suo marchio turistico

Di admin

La Provincia di Frosinone ha il suo marchio turistico. La Commissione apposita, questa mattina ha terminato di esaminare le 152 proposte giunte da tutta Italia per il concorso bandito dall’Assessorato al Turismo della Provincia di Frosinone e ha selezionato le tre vincitrici. Tra queste, ovviamente, c’è un “primo classificato”. Tutte e tre le opere, scelte dalla commissione molto qualificata, composta dal dirigente Di Sora in qualità di Presidente e dal prof. Paolo Portoghesi, uno degli architetti più famosi al mondo, il direttore dell’Accademia di Belle Arti di Frosinone, Angelo Vassallo e da Paride Quadrozzi, esperto di storia e costume locale, sono risultate realizzate da ciociari e questo è un dato certamente positivo.

La prima classificata è stata realizzata da Maurizio Lozzi, docente di Scienze della Comunicazione, di Ceccano; la seconda da Domenico Pascucci di Arpino e la terza dall’arcinoto grafico Cesare Pigliacelli, di Patrica.

Il marchio di Maurizio Lozzi, recante lo slogan “Ciociaria Cuore del Lazio” si è imposta per il suo impatto sintetico, certamente molto fruibile, dall’aspetto “moderno” chiaro e leggibile sebbene pieno di valori simbolici.

I marchi e il percorso che ha portato alla loro scelta saranno mostrati e esplicati nel corso di una conferenza stampa che si terrà quanto prima presso il Palazzo della Provincia a cura dell’Assessore al Turismo Massimo Ruspandini.