Parco del Colosseo. #iorestoacasa. Viaggio nell’Arco di Tito

Parco del Colosseo. #iorestoacasa. Viaggio nell’Arco di Tito

4 Aprile 2020 Off Di Dante Sacco

ROMA. Situato alle pendici del Palatino, l’Arco di Tito venne  costruire su committenza di Domiziano, ultimo imperatore della dinastia Flavia, in memoria del fratello Tito, già divinizzato, come si legge nell’epigrafe monumentale posta sulla porzione sommitale del monumento che guarda verso l’anfiteatro Flavio, il Colosseo. Il monumento inoltre vuole celebrare il trionfo nella guerra giudaica del 70 d.C. e la distruzione di Gerusalemme.  Tra le scene rappresentate, le  più esemplificative di tale memoria e celebrazione, sono  la quadriga imperiale, guidata dalla dea Roma, con Tito incoronato dalla Vittoria ed  i soldati romani che portano come bottino di guerra le opere trafugate dal Tempio di Gerusalemme: le trombe d’argento, la mensa dell’arca dell’alleanza e il candelabro a sette bracci. Nel corso del 2019 l’Arco di Tito è stato oggetto di un lavoro di restauro e valorizzazione delle sue superfici. Il lavori, diretti da Federica Rinaldi  e Cristina Collettini con il supporto di Alessandro Lugari e Simona Murrone, Andrea Schiappelli e Ines Arletti sono stati eseguiti dalla ditta Tempus et Opera. In relazione a tale intervento sono state fatte nuove riprese fotografiche e video per documentare lo stato del monumento e dare la possibilità ai non addetti ai lavori di conoscere il monumento dall’interno e scoprirne i segni di storie minori attraverso le firme lasciate da chi, entrando, ha teneramente preteso di lasciar traccia eterna del proprio passaggio.

Foto di copertina:  Parco archeologico del Colosseo, https://parcocolosseo.it/
Condividi
  • 19
    Shares