Categoria: Politica

20 Febbraio 2011 0

Abbruzzese e gli incontri domenicali per evitare emorragie nel Pdl Cassinate

Di Comunicato Stampa
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

La sensazione che si percepisce nella politica Cassinate è che tanti partecipanti alla competizione sono al nastro di partenza, pronti a partire al segnale del via, senza conoscere, però, il percorso della maratona. Lo stallo del Pdl è a dir poco imbarazzante seppur ad appena tre mesi dalle elezioni. Almeno tre, Nardone Palombo e Sebastianelli, i sedicenti candidati a portare i colori del partito di Berlusconi anche se sono sempre più quelli che temono che, quel simbolo, porti con se il pesantissimo fardello delle vicissitudini personali, morali e giudiziarie del premier. Sempre più pensano che una lista civica di area centrodestra, possa raccogliere le preferenze degli scontenti, e che questi possano essere più numerosi di chi, invece, continua a sostenere un Pdl claudicante. Una alternativa allettante, per alcuni, potrebbe essere costituita dal polo che sta costituendo l’ex sindaco Bruno Scittarelli. Forse qualcuno dei potenziali candidati del Pdl potrebbe approdare da quelle parti. Forse così si spiega l’incontro di oggi tra l’ex assessore Giuseppe Sebastianelli e il presidente del consiglio regionale Mario Abbruzzese. Proprio quest’ultimo, nella sua veste di coordinatore cittadino del Pdl, rappresenta un po’ la bussola del partito nello scegliere il portacolori del Pdl. Molti sono pronti a giurare che Abbruzzese le sue scelte le abbia già fatte e che queste portino verso un alfiere della lista Forza Cassino che lo ha lanciato, quel Palombo che ha già raccolto più di una dozzina di liste civiche pronte a sostenerlo nella corsa alla poltrona di sindaco. Forse, l’incontro di oggi in piazza Marconi, sotto la statua di Enrico Toti, e quel parlare fitto fitto di oggi, potrebbe essere stato un tentativo per evitare emorragie di candidati, e quindi voti, nel Pdl. Er. Amedei

14 Febbraio 2011 0

Dissesto ad Aquino, Mazzaroppi: “Non si ragiona con le bugie”

Di Comunicato Stampa

“Le argomentazioni che Grincia propone in merito alla questione del dissesto, sono assolutamente incredibili”. Lo scrive in una nota stampa Libero Mazzaroppi Capogruppo “Aquino nel cuore”. “Anche se siamo abituati alla sua platealità, stavolta ha superato ogni limite. Voglio fare una precisazione – dichiara Mazzaroppi – non si ragiona con le bugie, con le mistificazioni, urlando, non è costruttivo farlo, ma occorre la forza degli atti e dei fatti. La forza delle argomentazioni che purtroppo Grincia non ha. Con i suoi articoli tenta di imporsi in una collettività che ritiene idiota, una Città che ritiene non pensante; tenta di imporre le proprie visioni, tipiche di chi si adopera per mettersi in bella mostra sempre e comunque, scaricando le colpe sugli uffici (che non possono difendersi pubblicamente sugli organi di stampa come all’epoca fece il suo Politecnico), ma soprattutto agisce al solo unico fine che più gli sta a cuore, rimanere dov’è accomodato sulla sua poltrona di potere. Egli pretende di dar conto ai suoi concittadini ofrrendo un suo dogmatico “abc” sulla vicenda del dissesto. Purtroppo per lui, fa questo tipo di operazione senza uno straccio di documentazione a supporto, anzi quelle carte di cui dispone sono tutte contro di lui e contro la sua Giunta. Continua a credere che gli aquinati siano degli sciocchi creduloni. Comunque ci siamo noi che rimarremo accanto ai cittadini, tutelandone le sorti, così come abbiamo fatto sul dissesto ricorrendo al Tar, a nostre spese, contro un Sindaco ed una Giunta che hanno pagato lautamente un legale per opporsi prima e per darci ragione poi. Solo grazie alla nostra tempestiva quanto efficace reazione, concretizzatasi con il ricorso, gli aquinati non pagheranno aumenti di Ici, Tarsu, Rette e Trasporti Scolastici, Addizionale Irpef, Passi carrabili e centinaia di migliaia di euro di commissari. Ma ora il tempo è scaduto per cui Grincia ed i suoi devono riconsegnarsi alla gente di Aquino. Poteva scegliere di gestire la cosa in tono dimesso, da persona perbene, prostrandosi ai cittadini, riconoscendo i propri errori, palesi ed evidenti, riconoscere i nostri meriti e chiedere scusa ai cittadini, sia a quelli che hanno creduto in lui, sia a quelli che conoscono bene la sua incompetenza amministrativa. Ma lui sceglie di denigrare, lasciando le argomentazioni a chi ha tempo da perdere. Per noi, però, stare accanto alla gente non è mai tempo perso. Parla di dipendenti che da 25 anni lavorano in Comune. Proprio lui che amministra dal 1975, è stato vicesindaco dal 1980 al 90, ed è Sindaco da venti anni vuol far credere ai suoi amministrati di essere un novellino della politica all’oscuro di tutto. Sia chiaro, ognuno può e deve esprimere il proprio punto di vista, non vogliamo zittire alcuno, ma a mio avviso, non è possibile, non è consentito dire una cosa ed poi il suo esatto contrario, in quanto una delle due versioni è una falsità. Oggi come se Grincia venisse dalla luna, e non da 36 anni di amministrazione diretta e ininterrotta, tira fuori dal cilindro delle menzogne la tesi del complotto, del sabotaggio, delle congiure, continuando a suonare uno spartito che ha suonato decine e decine di volte. La colpa è degli altri; mai una parola di autocritica e questo è assolutamente incredibile, patetico e paradossale. Il Sindaco non ha rispettato le norme amministrative, le ha violate, ha approvato in palese illeggimità (e lo dice lui stesso) un dissesto tradendo la fiducia della gente e tante altre cose ancora. Ora con un atteggiamento da irresponsabile vuole rimanere a galla, non per governare, ma per non darcela vinta, ma noi non ci fermeremo qui, non lasceremo intentata alcuna iniziativa consentita e lo faremo in tutte le sedi allo scopo di restituire il respiro ad una Città che soffoca nelle leggerezze, nell’incompetenza, nell’incapacità e nell’apatia di un’amministrazione che pensa solo agli interessi propri.

3 Febbraio 2011 0

Il commissario Straordinario di Cassino: “Entro un mese approvo il Bilancio”

Di Comunicato Stampa

“Il bilancio di previsione 2011 sarà approvato entro questo mese ma senza tagli di servizi comunali o aumenti di tasse per i cittadini.” Lo sottolinea il commissario straordinario del Comune di Cassino il prefetto Angela Pagliuca che dalla metà di ottobre scorso sta guidando l’Amministrazione e cercando di dare risposte positive ai tanti che chiedono soluzioni immediate per i problemi lasciati dalla vecchia giunta. Nel bilancio manca, però, la somma di un milione di euro tagliata dallo Stato, in tutti i comuni in proporzione, e i ragionieri ora devono provvedere a ridurre le spese superflue per recuperare quell’importo cospicuo in questo momento per le casse comunali sempre in sofferenza. Ridotte in questo periodo, per merito dei tagli fatti dal Commissario, le anticipazioni di cassa e così l’Amministrazione sta procedendo più speditamente con l’azione imposta dal prefetto Pagliuca. Al lavoro anche due tecnici ministeriali che hanno il compito di valutare l’attività della dirigenza comunale. Sono stati esautorati i quattro componenti del nucleo di valutazione e il lavoro affidato a due esterni con riduzione delle spese. “Ho provveduto – dice soddisfatta – a far rimodulare il sito web del Comune e a renderlo una fonte di notizie per i cittadini nel segno della trasparenza. Regolamenti, determine dirigenziali, compensi, modulistica, e disposizioni varie si potranno leggere giornalmente.” Per far entrare soldi nelle casse comunali il prefetto ha autorizzato la ripresa della gara d’appalto per l’affidamento della gestione delle strisce blu. “Era ferma – precisa – per l’inchiesta in corso della Procura della Repubblica ma ora possiamo ripartire. Se ci sono le condizioni affiderò subito l’incarico.” Senza ricorrere ad appalti esterni il Commissario sta facendo rifare le strisce pedonali agli operai del comune e così anche la riparazione delle buche. Non altrettanto si può fare per sistemare strade e marciapiedi perché la spesa sarebbe eccessiva e qui servono finanziamenti regionali anche di grosso importo. Approvato il regolamento per i pannelli pubblicitari rimasto nei cassetti chiuso per anni ed è prossima l’approvazione della disciplina di adeguamento delle disposizioni del decreto legislativo di Brunetta sul personale. Il Commissario intende consegnare al nuovo consiglio comunale, che scaturirà dalle elezioni di metà maggio, un Comune risanato e una macchina amministrativa a pieno regime. Per raggiungere questo obiettivo il prefetto Pagliuca si è insediata a Cassino e rimane in ufficio fino alle 8 di sera ben coadiuvata dalle due sub commissarie Lucia Guerriero e Savina Macchiarella. Domenico Tortolano

29 Gennaio 2011 1

Berlusconi in diretta telefonica: “Senza Fini siamo più forti. Non c’è alternativa a questa maggioranza”

Di Comunicato Stampa

“Andiamo avanti nel governare nonostante gli agguati fatti dalla sinistra”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi intervenendo telefonicamente all’assemblea provinciale di Associazione di Centro di Pionati a Cassino. “Abbiamo un muro di fronte a noi che è questa opposizione che dice no a tutto quello che proponiamo e che si oppone alle riforme coraggiose per fronteggiare la crisi economica. Un secondo muro – ha continuato il premier – che ha impedito il cambiamento è costituito da politici di lungo corso che si sono spaccati da noi e rimessi insieme e che si chiamano Casini, Rutelli e Fini, che rappresentano un mentalità che non permette loro di capire che governare è cambiare e modernizzare lo Stato. Il passato è rappresentato dal fantomatico terzo polo, noi abbiamo una alleanza che rappresenta l’unica possibilità che garantisce stabilità capace di far uscire dalla crisi globale il nostro Paese. E se ci sono possibilità di uscire dalla crisi lo si deve solo all’alleanza tra la Casa delle Libertà la Lega di Bossi e il gruppo di responsabilità tra cui l’Alleanza di Centro. Non c’è alternativa a questa maggioranza e a questo Governo. Chi oggi vuole le lezioni anticipate pensa non a nuove legislatura per un Governo forte ma solo ai propri interessi e a spartizione dei potere. Riforma del Fisco e riforma della giustizia e su questi punti andiamo avanti. Senza Fini, con questa maggioranza, siamo più liberi e più forti. Il passaggio, quindi, all’opposizione di Fini e dei finiani, invece di essere un problema, si è trasformato in una grande risorsa e in una grande occasione per dare al Paese le risposte di cui ha bisogno”. [flashvideo file=http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/wp-content/uploads/2011/01/29-1-berlusconi.mp3 image=http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/wp-content/uploads/2010/09/fini-berlusconi.jpg /]

29 Gennaio 2011 0

Sora al voto / La Rocca è il primo candidato a sindaco

Di Comunicato Stampa

Anche i cittadini di Sora, a maggio, saranno chiamati ad eleggere il nuovo consiglio comunale e, di conseguenza, il nuovo sindaco. Nella corsa all’appuntamento elettorale, Alberto La Rocca sembra essere il primo candidato ufficiale alla carica di primo cittadino. La candidatura di Alberto La Rocca e le liste a suo sostegno verranno presentate alla cittadinanza e, successivamente, agli operatori dell’informazione giovedì 3 febbraio, alle ore 18, presso l’Hotel “Valentino” di Sora. Intanto riceviamo e pubblichiamo un comunicato redatto dall’ufficio stampa del candidato. “Alberto La Rocca è il candidato ufficiale alla poltrona di sindaco di Sora. Bruciando tutti gli altri schieramenti, l’imprenditore sorano è stato designato da un nutrito cartello di liste politiche e civiche, dando così la primogenitura in termini di candidatura ufficiale a quell’elettorato di ispirazione cattolico-moderato e liberale. La Rocca, 61 anni, noto imprenditore edile, impegnato in passato nel sociale ricoprendo, tra l’altro, importanti incarichi a livello provinciale e regionale in Confindustria, è alla sua prima esperienza politica. La sua candidatura nasce da una forte richiesta espressa da una componente di centro destra e da una serie di movimenti civici decisi a condividere un valido progetto di rinnovamento politico-amministrativo; vera base su cui costruire la vittoria. La candidatura di Alberto La Rocca è il punto di incontro di due aspetti importati: l’esperienza e il rinnovamento. Il nome La Rocca è la risposta concreta che i partiti politici, movimenti civici, associazioni, professionisti, imprenditori vogliono dare per risollevare la città di Sora da una situazione negativa e di stallo. Sono in tanti che hanno scelto di esprimere fiducia e pieno appoggio al candidato a sindaco Alberto La Rocca, persona perbene, autorevole e pragmatica. La convention e la conferenza stampa di giovedì 3 febbraio, alle ore 18.00, presso l’Hotel “Valentino”, rappresenteranno la prima uscita ufficiale. Sarà un momento di presentazioni e di sincera aggregazione; un pomeriggio in cui si respirerà l’aria del vero cambiamento, del rinnovamento, da molti auspicato. Un momento che per Sora segnerà l’inizio di una nuova fase che la porterà a vivere una nuova primavera!”.

25 Gennaio 2011 0

Cassino al voto, Sebastianelli: “Il Pdl permetta più di una candidatura a sindaco”

Di Comunicato Stampa

Il candidato sindaco che correrrà per la poltrona di primo cittadino della città martire ancora non è stato definito ma, Giuseppe Sebastianelli, ex assessore, propone di “moltiplicare” le cndidature del partito di Berlusconi. Tutti al voto, insomma, e vinca il migliore. “Mettiamo da parte il simbolo e ognuno corra alle comunali per se stesso, così che siano i cittadini a decidere” dichiara Sebastianelli “Nel partito del Popolo della Libertà della città è cambiato lo scenario nelle ultime ore. Adesso che Carmelo Palombo è il leader indiscusso della Casa delle liste civiche e altre sorprese potrebbero essere dietro l’angolo, sembra evidente che oltre a quella del sottoscritto rimane in piedi la volontà di candidarsi dell’ex vicesindaco Nardone, intanto però l’ex assessore Rivieccio ha investito di legittima candidatura il consigliere regionale Annalisa D’Aguanno, avvalorando l’idea che io da tempo ho prospettato invano ai componenti del partito, cioè la necessità di indire elezioni primarie che permettessero al Pdl di giungere unito alle amministrative di maggio. A questo punto, poiché non sono state possibili le primarie, propongo di fare le “secondarie”, ovvero di giungere, tutti, alle elezioni e di sottoporci al giudizio dei cittadini. Tutte le candidature saranno in questo modo non solo legittime ma rappresenteranno le diverse anime del partito, e solo dopo le elezioni, chi ne uscirà vincente definirà la sua posizione all’interno del partito del Pdl. Se si candiderà l’onorevole D’Aguanno, io per primo propongo che, oltre me e Nardone, si candidino anche il Presidente Abbruzzese e il giovane Gabriele Picano, il quale certamente non ricorda in che misura abbiamo contribuito a fondare e sviluppare il Pdl quando consiglia a me e a Gianni Valente di rimanere comunque nel partito anche se “minoritari”, e “minoritari” rispetto a chi se noi siamo stati i primi eletti nel 1997, nel 2001 e ancora nel 2006 determinando la vittoria del candidato sindaco per tre volte consecutive?”.

24 Gennaio 2011 0

Cassino al voto / Matrimonio politico tra Casa delle Liste Civiche e Cassino Città Futura, Taviano appoggia Palombo

Di Comunicato Stampa

Matrimonio politico ufficializzato questa mattina tra la Casa delle liste civiche il cui portacolori e il medico Carmelo Palombo e Cassino Città Futura, la lista civica che per prima aveva espresso il nome di un candidato a sindaco: il giudice Paolo Andrea Taviano. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa, il magistrato ha ufficializzato la sua adesione, e quella del suo movimento, alla Casa delle liste civiche facendo così toccare quota dieci, il numero delle liste che appoggiano il potenziale candidato del centro destra Carmelo Palombo. “Il nostro è un progetto su cui stiamo lavorando da mesi – ha dichiarato l’ex consigliere comunale – con il giudice Taviano abbiamo trovato un’intesa per la quale il suo movimento ha deciso di appoggiare il nostro programma”. La corazzata di Palombo, quindi, cresce e nelle prossime settimane potrebbe crescere di altre due liste. Er. Amedei

24 Gennaio 2011 0

Unione dei Comuni e Comunità Montane, Abbruzzese annuncia mezzo milione di finanziamenti

Di Comunicato Stampa

“Dei due milioni di risorse finanziarie previste nel bilancio regionale, il 25% andrà ad Unioni dei Comuni e a Comunità Montane della provincia di Frosinone, per un totale di 500 mila euro. Fondi attesi da tempo e la cui erogazione dimostra quanto il Governo Polverini sia attento alle esigenze delle Amministrazioni più vicine ai cittadini”. Lo ha annunciato Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio regionale del Lazio. “Questi fondi – ha spiegato Abbruzzese – potranno essere utilizzati per incentivare i processi di associazionismo comunale, per promuovere o potenziare la gestione associata dei servizi all’interno dei nostri Comuni, specie in quelli con popolazione al di sotto dei cinquemila abitanti. I 500 mila euro, che provengono da un’intesa siglata nella Conferenza unificata Stato-Regioni e da contributi previsti da Leggi regionali in materia, sono stati destinati alle Unioni dei Comuni di Cinquecittà, Mainarde, Acerno e Fibreno, Antica Terra di Lavoro, Civitas Europae, Municipi d’Europa, Cominium, Ernici, Valle di Comino e Paesi della Ciociaria, e alla XIV Comunità Montana Valle di Comino. Sono un convinto sostenitore del fatto che bisogna continuare ad incentivare le Unioni. E’ proprio grazie al loro lavoro, svolto in forma associata, che si riescono a garantire sul territorio servizi qualitativamente migliori e con ampi margini di risparmio gestionale. Dobbiamo continuare a stimolare gli amministratori locali verso la costituzione delle Associazioni di Comuni: unirsi, in sintesi, vuol dire alleggerire i costi degli Enti Locali. Inoltre – ha concluso il presidente Abbruzzese – la diffusione della formula associativa dell’“Unione” è utile non solo per garantire servizi migliori alla cittadinanza, ma anche per ottenere il finanziamento di progetti intercomunali, tramite i quali cresce e si sviluppa l’economia dei singoli territori del Lazio”.

24 Gennaio 2011 0

Cassino al voto / Giro di consultazioni dell’Udc, Fardelli: “Stiamo lavorando per un progetto vincente”

Di Comunicato Stampa

L’Udc di Cassino dopo un primo giro di consultazioni con altre forze politiche cittadine ha riunito i propri iscritti e dirigenti locali per fare il punto della situazione nella serata di ieri lunedì 24 gennaio. “Una proficua riunione – si legge in una nota stampa del partito firmata dal coordinatore cittadino Marino Fardelli – per portare all’attenzione dei presenti il lavoro che l’Udc di Cassino ha messo in campo per individuare, come ci confida il coordinatore cittadino Marino Fardelli, un forte progetto di responsabilità politica cittadina, capace di vincere al primo turno e governare la Città di Cassino. Tanti, durante i nostri incontri in delegazione, ci hanno rappresentato l’importanza di mettere in campo con l’Udc un progetto politico capace di coniugare rappresentanza politica e visione amministrativa per il bene di Cassino. Siamo consapevoli, quale forza politica cittadina, dell’importanza di richiamare la politica cittadina al proprio ruolo e alla propria dignità e non al chiacchiericcio di bassa lega cosa fin troppo abusata a Cassino da qualche anno a questa parte. Basta leggere cosa scrivono coloro che si sentono i depositari di chissà quale etica, morale e verità. L’Udc di Cassino presentando il proprio programma ha inteso affermare una politica che sia garanzia per i diritti, certezza per le famiglie, prospettiva per l’economia, a servizio dei giovani e dei meno giovani. Noi pensiamo che in questo quadro preoccupante, dove tutto muta in profondità e rapidamente, i cittadini di Cassino hanno bisogno di una proposta politica che non si ispiri ai sogni ma a proposte concrete e a soluzioni semplici e determinanti per il futuro della nostra amata città. Lavorando al quotidiano ma pensando al futuro. Riteniamo di avere le carte in regola per riproporci alla città, ai nostri elettori e alle altre forze politiche e movimenti civici di Cassino, grazie ad una proposta amministrativa seria per il rilancio della nostra città. Il nodo alleanze lo inizieremo a discutere dalla prossima settimana quando il quadro politico nazionale e locale sarà più chiaro. Certo non nascondiamo l’euforia e le attenzioni che in tanti ci riservano, ma ad oggi nulla è stato deciso e l’unica sede che decreterà la linea politica è la sede di partito dopo ampia discussione democratica come già avvenuto in precedenza”.

23 Gennaio 2011 0

Viabilità, Cardinali a Costanzo: “Bene le critiche, ma solo se costruttive”

Di Comunicato Stampa

“La Provincia sta lavorando bene e con interventi mirati a garantire una viabilità ottimale sul territorio. Ritengo legittime le critiche costruttive in ogni ambito e contesto da parte dei cittadini e delle parti politiche, ma alle polemiche faziose e strumentali non ci pieghiamo”. Così l’Assessore Cardinali interviene dopo l’interrogazione presentata dal Consigliere Provinciale PD Simone Costanzo, in merito allo stato dei lavori per la manutenzione straordinaria messi in campo dall’Amministrazione Provinciale. Per quanto riguarda la Pedemontana dei Monti Lepini, di collegamento tra Giuliano, Patrica, Supino, Morolo e Sgurgola, sono già stati eseguiti interventi di regimazione idraulica. L’Ufficio Tecnico dell’Ente di piazza Gramsci precisa infatti che le operazioni ferme per il mal tempo, ripartiranno con il disgaggio del materiale roccioso instabile posto in alcuni tratti delle scarpate di monte e poi con il posizionamento della rete paramassi. Si provvederà quindi al rifacimento del conglomerato bituminoso, ma questi interventi potranno essere realizzati solo con la bella stagione. In merito alla rotatoria in località Quattro Strade, i professionisti esterni incaricati stanno redigendo il progetto definitivo dopo una breve fase di empasse con uno dei proprietari dei fondi, dovuto all’occupazione dei terreni privati. Saranno programmati anche interventi di manutenzione ordinaria compatibilmente alle risorse in bilancio sulla Morolense e sulla Supino-Ferentino, quotidianamente battute da mezzi pesanti. Per quanto concerne Via La Mola di accesso a Supino, a breve verrà dato incarico al geologo per studiare il versante, capire la natura dei cedimenti della carreggiata stradale e infine decidere in quale direzione procedere. “Non ci sono finanziamenti stanziati per il ponte sul fiume Sacco – continua l’Assessore Cardinali – e non c’è alcun appalto in corso. Ci fa piacere che Costanzo dimostri interessamento verso le problematiche di Supino, ma è doveroso ricordare che quella struttura è così da 20 anni e l’Amministrazione che ha governato la nostra provincia negli ultimi 19, di cui peraltro il Consigliere era autorevole esponente, non ha ritenuto opportuno intervenire. La strumentalizzazione di Simone Costanzo è del tutto sterile dal punto di vista politico, poiché sa benissimo che le risorse e l’attenzione dell’Amministrazione Provinciale guidata dal Presidente Iannarilli, non possono concentrarsi su una singola area, ma devono guardare all’interesse dell’intera Ciociaria e delle infrastrutture strategiche per lo sviluppo di tutto il territorio. Avrà ben ragione di preoccuparsi tra qualche mese il Consigliere Costanzo – conclude l’Assessore Alessandro Cardinali – quando le condizioni meteorologiche consentiranno di intraprendere i lavori di manutenzione straordinaria relativi al Piano viabile di tutta la provincia, e conseguentemente, non avrà più argomenti da propinarci, seppur in maniera strumentale e poco costruttiva”.