Tag: campani

14 Aprile 2019 0

Formia, la polizia arresta due pregiudicati campani con precedenti per rapina, spaccio di droga, omicidio

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Nella giornata odierna gli uomini del Commissariato P.S. di Formia hanno tratto in arresto due pregiudicati campani, con numerosi precedenti per associazione a delinquere, omicidio, spaccio di sostanze stupefacenti, rapina,  sorpresi nel centro di Formia  in un probabile “summit” di malaffare.

Già da alcuni mesi personale della Squadra Investigativa del Commissariato, in sinergia con la Squadra Mobile della Questura di Salerno aveva sotto osservazione alcuni soggetti, probabilmente organici al “Clan Cuomo” operante in quella provincia, dell’area cavese – Nocera inferiore, che erano stati già controllati e fermati durante parallele attività info investigative con i colleghi omologhi di Salerno.

Pertanto, avuta segnalazione che i tre sospetti si trovavano nel centro cittadino di Formia, con le opportune precauzioni del caso, personale in borghese, coadiuvato dal personale in divisa in servizio di Volante, procedeva al controllo dei soggetti, che erano intenti a dialogare tra loro.

Immediatamente, all’atto dell’ identificazione, gli agenti notavano un certo nervosismo, in particolare da parte di uno dei fermati, che riferiva di non avere documenti al seguito. Nel mentre parlava, improvvisamente, l’uomo si scagliava contro gli operatori di polizia, sferrando calci e pugni,  divincolandosi per cercare la fuga. Con non poca difficoltà, però, gli agenti riuscivano a rendere il prevenuto inoffensivo ammanettandolo.

Immediatamente condotti presso il Commissariato, dopo gli accertamenti del caso uno dei tre fermati, R. D. classe 1986, risultato già sottoposto alla Sorveglianza Speciale di P.S. con obbligo di soggiorno nel Comune di Nocera Inferiore (SA) veniva pertanto tratto in arresto perché inosservante alla Misura di Prevenzione già irrogata nei suoi confronti e condotto presso la Casa Circondariale di Cassino;  T.M. classe 1993,  responsabile delle “ minacce, violenza, resistenza” nei confronti degli agenti del Commissariato, veniva tratto in arresto per i predetti reati  e trattenuto presso le camere di sicurezza del Commissariato in attesa della celebrazione del rito direttissimo  previsto per lunedì 15 presso il Tribunale di Cassino, mentre il terzo individuo, P.G. classe 1993, dimorante in provincia di Latina, è stato munito di Foglio di Via Obbligatorio con divieto di ritorno nel Comune di Formia per anni tre.

Gli Agenti aggrediti, rimasti lievemente feriti, sono stati medicati presso il Pronto Soccorso del locale Ospedale e successivamente dimessi.

foto di rpertorio

10 Dicembre 2018 0

Truffa da 10mila euro per rivenditori di telefonini, denunciati due campani

Di redazionecassino1

CASSINO – Operatori della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino, nel corso di  servizi  di vigilanza stradale  nel tratto di competenza sull’Autostrada del Sole, nei pressi del chilometro 661 della carreggiata sud ( territorio del comune di Aquino ), procedevano al fermo di una vettura Lancia Ypsilon, di colore grigio con due persone a bordo.

L’auto  risultava noleggiata presso una Società con sede a Potenza.

Identificati gli occupanti: entrambi campani; il conducente  mostrava il biglietto di entrata dal Casello di Genova Ovest,.

Le spiegazioni fornite risultavano discordanti; inoltre da accertamenti presso la Banca Dati emergevano per entrambi pregiudizi di polizia.

Si procedeva a perquisizione personale e veicolare.

Il controllo effettuato permetteva di rinvenire diverse buste in plastica nascoste nell’abitacolo e  contenenti telefoni marca IPHONE e relativi scontrini /finanziamento per un valore di circa 10000,00 (diecimila euro).

La merce rinvenuta risultava essere stata acquistata il 5 e 6 dicembre con finanziamenti di cui i convenuti non davano contezza e risultavano essere stati effettuati  a Genova, Novi Ligure, Montebello D/B (PV) e in altri centri del Nord Italia, zone compatibili con quelle percorse dai controllati.

Il tutto viene sequestrato e messo a disposizione dell’A.G. per i successivi adempimenti.

Alla luce di quanto emerso i fermati venivano deferiti all’A.G. per il reato di truffa in concorso e sostituzione di persona poiché la merce risultava essere stata acquistata con finanziamenti intestati a due persone diverse dai fermati come da accertamenti effettuati, fisicamente esistenti.

 

 

9 Ottobre 2018 0

Svaligiavano negozi a Pontecorvo, Ceprano e Cervaro: denunciati due campani

Di admin

PONTECORVO – I Carabinieri di Pontecorvo hanno denunciato due persone, un 41enne ed un 25enne , entrambi di Napoli e gravati da vicende penali  per reati contro la persona e il patrimonio, poiché ritenuti responsabili, in concorso tra loro dei reati di “furto aggravato e ricettazione”.

Si è arrivati all’identità dei due grazie ad una indagine che ha permesso di stabilire che nei mesi di gennaio e febbraio del 2018, hanno perpretato 4 furti commessi in danno di esercizi commerciali:

–       un negozio di telefoni cellulari sito in Pontecorvo, ove asportavano trenta telefoni, pc , tablet e la somma in contante dieuro 2.500;

–       un negozio di elettrodomestici, sito in Ceprano, ove asportavano la somma in contante di euro 500;

–       un’attività assicurativa ed un esercizio commerciale siti in Cervaro,  ove asportavano rispettivamente la somma in contante di euro 350 ed Euro 300.

25 Settembre 2018 0

In viaggio sull’A1 con batterie per impianti di telefonia rubate, due campani denunciati

Di admin

CEPRANO – Due persone sono state fermate dalla polizia stradale delle sottosezioni di Frosinone e Cassino, sull’A1 all’altezza del casello di Ceprano. I due viaggiavano su un furgone il cui controllo ha permesso di trovare nel vano posteriore del mezzo noleggiato da una società campana, ben 32 batterie per impianti di telefonia simili a quelle già recuperate in altre operazioni di polizia, oltre a chiavi alterate e altre attrezzature da cantiere comprensive di scale in alluminio

I due fermati non hanno dato informazioni circa la provenienza della merce,  contraddicendosi anche sulla destinazione della stessa.

E’ quindi scattata la denuncia  per ricettazione e possesso di chiavi alterate e grimaldelli.

Tutto il materiale è sequestrato a disposizione dell’A.G. al fine di riconsegnarla al legittimo proprietario.

20 Marzo 2018 0

Tentano la truffa a Frosinone ma i vecchietti non ci cascano, denunciati due campani

Di admin

FROSINONE – “Postini sospetti” è la segnalazione che giunge sulla linea di emergenza 113 della Questura.

La nota viene prontamente diramata alle Volanti presenti sul territorio che convergono in via Albinoni: individuata l’utilitaria “ricercata” con a bordo due uomini, che vengono identificati.

Sono entrambi campani, rispettivamente di 38 e 18 anni, con pregiudizi di polizia.

Da accertamenti emerge che il modus operandi con cui agivano era sempre lo stesso: contattavano telefonicamente le anziane vittime a cui chiedevano di procurarsi contante per ritirare un pacco.

Astutamente i destinatari della consegna non sono caduti nelle trappola dei malfattori ed hanno tempestivamente avvertito la Polizia.

I due sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per tentata truffa.

Le denunce delle vittime sono state formalizzate anche con il servizio “denuncia a domicilio” della Polizia di Stato.

3 Febbraio 2018 0

Frosinone, spacciavano banconote false da 50 e 20 euro, campani bloccati dalla polizia

Di redazionecassino1

Frosinone – Spendita di monete contraffatte in concorso è l’accusa  a cui dovranno rispondere due giovani campani in trasferta a Frosinone. Avevano tentato di piazzare banconote false in due attività commerciali della parte bassa del capoluogo.

Gli esercenti tempestivamente hanno allertato le Forze dell’Ordine:  gli agenti del Posto Polfer di Frosinone ed i militari dell’Arma dei Carabinieri   nel giro di brevissimo tempo hanno fermato i due.

Per il 20enne è scattato l’arresto  mentre per il suo “compagno” ,  più giovane,   la denuncia.

Sequestrate 14 banconote da 50 euro e 19 banconote da 20 euro.

13 Dicembre 2017 0

Denunciati dalla polizia due cittadini campani in possesso di merce di dubbia provenienza

Di redazionecassino1

Frosinone – Nell’ambito di servizi finalizzati alla prevenzione ed al contrasto dei reati predatori e inerenti allo spaccio di sostanze stupefacenti, nonché microcriminalità in genere, la Squadra Volante della Questura ferma un’utilitaria con a bordo conducente e passeggero.

Nel corso del controllo documentale i due, entrambi 47enni e residenti in provincia di Salerno,  con precedenti di polizia, mostrano insofferenza.

La circostanza desta sospetto negli agenti che decidono di procedere a perquisizione veicolare.

Rinvenute due targhe “prova” riportanti stessi numeri di immatricolazione.

Scatta la denuncia.

Ma i  due campani, per i quali è stato anche proposto il Foglio di Via Obbligatorio dal comune del capoluogo, dovranno presentare  le fatture  relative all’acquisto di 10 scatole di vino per un valore complessivo di 1.600 euro e un IPhone.

Della merce, infatti,  i due non hanno saputo fornire notizie riguardanti la provenienza.

24 Novembre 2017 0

Denunciati dalla polizia due campani 28enne e 59enne per simulazione e procurato allarme

Di redazionecassino1

Cassino – “Siamo inseguiti da ignoti che esplodono colpi di arma da fuoco” è la segnalazione che giunge sulla linea di emergenza 113 della Questura. L’operatore, vista la gravità dell’episodio, dirama la nota alle volanti presenti sul territorio, interessando anche le pattuglie della Stradale e rimanendo in contatto telefonicamente con l’uomo che, in compagnia di un suo amico, chiede aiuto.

Intercettati dall’unità operativa della Sottosezione Cassino vengono accompagnati presso gli uffici di Polizia per i necessari accertamenti.

Sono originari di Napoli, rispettivamente di 28 e 59 anni e riferiscono la dinamica della loro triste vicenda.

Il racconto fornito non convince gli inquirenti.

Da accertamenti effettuati emerge che i due erano stati già sorpresi, da appartenenti delle Forze dell’Ordine, a Veroli con grimaldelli e chiavi ed in possesso di dispositivi elettronici atti a disarmare allarmi, aprire cancelli ed autovetture.

Inoltre la loro presenza aveva suscitato sospetto tra i residenti della zona: accortisi della situazione, preoccupati di una eventuale reazione violenta, hanno inscenato la drammatica situazione.

Simulazione di reato e procurato allarme sono i reati di cui dovranno rispondere i due campani.

 

28 Ottobre 2017 Off

Rubano merce da camion, arrestati a Cassino 4 campani

Di admin

CASSINO – Intervento a tempo di record quello messo a segno nelle prime ore del mattino dagli uomini della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino e che ha portato all’arresto di quattro campani per il reato di furto aggravato.

Mancano, infatti, pochi minuti alle quattro di oggi quando il C.O.A. di Fiano Romano dirama la nota di ricerca di due veicoli, un’autovettura ed un furgone, i cui occupanti hanno da poco rubato della merce ad un autotrasportatore di origini rumene, mentre si trovava presso l’area di servizio “Tevere” sull’autostrada A1.

Nel corso del pattugliamento autostradale, gli equipaggi della Sottosezione intercettano i due mezzi su tratto dell’A1 ricadente nel comune di Mignano Montelungo (CE).

Dopo aver bloccato in sicurezza sia l’auto, con a  bordo tre uomini, che il furgone con il solo conducente, gli operatori di polizia conducono i fermati presso la Sottosezione di Cassino per gli accertamenti di rito.

A seguito delle perquisizioni veicolari, all’interno del furgone viene ritrovata la refurtiva: 86 pacchi contenenti abbigliamento per bambini. I quattro, dopo l’arresto, sono stati condotti presso la Casa Circondariale di Cassino, mentre la merce è stata restituita al legittimo proprietario.

29 Giugno 2017 0

Truffatori a caccia di vittime tra gli anziani di Cassino, allontanati due campani

Di admin

Cassino – Due cittadini campani sono stati fermati a Cassino mentre cercavano tra gli anziani a passeggio nel centro cittadino, vittime da truffare.

I carabinieri hanno individua un 38enne (già gravato da vicende penali per ricettazione e frode nel commercio) ed un 34enne (già gravato da vicende penali per truffa, porto di oggetti atti ad offendere e insolvenza fraudolenta ed altro) , poiché, venivano sorpresi dai militari operanti subito dopo che gli stessi avevano avvicinato, effettuando banali richieste, alcune persone anziane che passeggiavano a piedi per il centro abitato di Cassino.

Era stata proprio la segnalazione dei pensionati a far scattare le ricerche dei due soggetti, che venivano poco dopo bloccati e sottoposti a controllo. Ricorrendo i presupposti di legge e stante la mancata giustificazione della loro presenza in loco, veniva inoltrata nei loro confronti la proposta per l’irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con F.V.O. , con divieto di far ritorno nella “Città Martire” per anni 3.