Tag: industriale

20 Luglio 2018 0

Fiamme nella lavanderia industriale a San Giorgio a Liri. Indagini in corso

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

SAN GIORGIO A LIRI – Fiamme e paura, nella tarda serata di ieri a San Giorgio a Liri dove, i vigili del fuoco di cassino sono dovuti intervenire per domare l’incendio che si è sviluppato nel retro di una lavanderia industriale sulla superstrada Cassino Formia.

L’allarme è arrivato ai vigili del fuoco poco dopo le 23 e sul posto i pompieri hanno trovato, nella zona posteriore della struttura, le fiamme che si alimentavano da un cumulo di indumenti in giacenza, da un paio di lavatrici e una asciugatrice.

Le operazioni si sono concluse questa mattina ma le cause sono ancora al vaglio degli inquirenti

Ermanno Amedei 

14 Marzo 2018 0

Scoperti a Roma i “gestori” delle prostitute nigeriane nella zona industriale di Frosinone  

Di admin

FROSINONE – Avevano la sede alla Borghesiana a Roma e le portavano a prostituirsi sull’asse attrezzato a Frosinone. La “gestione” delle giovanissime nigeriane che si prostituivano in via Vona è stata ricondotta, grazie ad una indagine della polizia Locale di Roma Capitale, ad una organizzazione di nigeriani che hanno sede nella capitale.

Nove mesi di complesse indagini, appostamenti e strumenti tecnici, hanno condotto la polizia locale di Roma Capitale, a fare irruzione questa mattina, su disposizione della Procura della Repubblica di Roma, in un appartamento in zona Borghesiana al fine di acquisire il materiale probatorio su un’organizzazione Nigeriana dedita allo sfruttamento della prostituzione.

L’operazione, tutt’ora in corso, ha alzato un velo sull’inquietante storia delle ragazze su strada (considerate parti offese), che, come emerso dalle indagini, venivano vendute, alcune delle quali minori, dalle stesse famiglie od offerte come risarcimento per debiti non pagati in patria, all’organizzazione criminale. Sul territorio italiano, la gestione delle ragazze era affidata a maitresse di sesso femminile, che ne curavano contabilità e controllo, mentre agli affiliati di sesso maschile, erano affidati i compiti punitivi in caso di inadempienze.

In collaborazione con gli operatori del programma “Roxane”, che si occupa di protezione alle vittime della tratta, questa mattina i caschi bianchi, coordinati dal Vice Comandante del Corpo Lorenzo Botta, hanno provveduto a rendere finalmente libere le ragazze, sequestrando i libri contabili della banda e la somma di 8.000 euro in contanti. Alle ragazze, che per non dare nell’occhio venivano fatte prostituire a Frosinone, oltre alle violenze fisiche, subivano intimidazioni e minacce di riti Vodoo, che ha reso necessario il supporto psicologico nella successiva fase di assistenza alle stesse.

2 Novembre 2017 Off

Depuratore irregolare, sequestrato l’impianto nell’area industriale

Di admin

CASSINO – Questa mattina il Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (N.I.P.A.A.F.) del Gruppo Carabinieri Forestale di Frosinone sta eseguendo un decreto di sequestro di un depuratore consortile del Cassinate emesso dal Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Cassino, che ha accolto le richieste della competente Procura della Repubblica in relazione ad una riscontrata assenza di Autorizzazione Integrata Ambientale, necessaria per lo svolgimento dell’attività. In particolare sono stati eseguiti sopralluoghi ad accertamenti che hanno rilevato come l’installazione oggetto del provvedimento cautelare fosse solo autorizzata agli scarichi dei reflui. A fronte di ciò gli stessi tecnici ARPA LAZIO, con apposita relazione, hanno invece affermato come tale installazione necessiti di una Autorizzazione Integrata Ambientale, e non di una semplice autorizzazione agli scarichi. Come noto, l’A.I.A. prevede una complessa procedura autorizzatoria, comprensiva di uno specifico Piano di Monitoraggio e Controllo a presidio proprio dell’ambiente. Una ordinaria autorizzazione agli scarichi ha ad oggetto un particolare aspetto di un determinato impianto produttivo; di contro l’A.I.A. è una autorizzazione unica che sintetizza tutti gli aspetti ambientali di quell’impianto e non solo gli scarichi. Il provvedimento cautelare emesso dal GIP prescrive un congruo termine per regolarizzare la posizione dell’installazione e superare le criticità evidenziate da Arpa Lazio, concedendo la facoltà d’uso per garantire il servizio di depurazione dei reflui urbani ed industriali.

25 Marzo 2010 0

Miglioramento infrastrutturale dell’area industriale, in un incontro tra RIP e Comune

Di redazione

I problemi dell’area industriale di Paliano sono stati discussi nel corso di un incontro che si è tenuto tra il RIP (Raggruppamento Imprese Paliano), promosso da Confindustria Frosinone al fine di sviluppare e migliorare la zona industriale di Paliano, ed il Comune di Paliano. L’incontro si è tenuto presso la Ifer, azienda leader nel settore arredamento per le scuole in forte espansione, nonostante il periodo di difficoltà. La Ifer, infatti, soprattutto in quest’ultimo periodo, sta portando avanti diversi investimenti sul territorio. All’incontro hanno preso parte, per il Comune di Paliano, l’assessore Tarquilli ed il presidente del Consiglio comunale Sergio Colli e per il RIP il presidente Gerardo Iamunno. Nell’ambito della riunione si è parlato dei progetti di miglioramento infrastrutturale dell’area industriale di Paliano, primo fra tutti la Variante al Piano Particolareggiato che il Comune si è impegnato a redigere entro l’anno e che risulta essere propedeutico per il riassetto dell’area e l’innalzamento dell’indice di edificabilità della zona Ponti della Selva, dove tale indice dovrebbe essere elevato dal 33 al 50 per cento, come già avvenuto per l’area dell’Amasona. Il Comune, inoltre, si è impegnato a completare al più presto il progetto di cartellonistica e toponomastica per l’area industriale. Un altro dei problemi particolarmente sentiti dalle aziende della zona ed emerso durante l’incontro, è quello dell’approvvigionamento idrico. L’Assessore Tarquilli ha ribadito che l’Amministrazione Comunale ha presentato il progetto con richiesta di Finanziamento ai sensi della L.R. n.88/80 per il completamento del sistema idrico con relativo collegamento alle aziende; siamo in attesa dell’esito della richiesta . Tra le problematiche che hanno trovato una soluzione, invece, quella dell’attivazione del sistema wireless che ha finalmente risolto l’annosa questione dell’informatizzazione delle imprese e che permetterà in futuro anche l’attivazione di un sistema di videosorveglianza, al fine di scongiurare i numerosi furti che attualmente si registrano a danno delle aziende. Il Comune, da parte sua, rafforzerà anche il sistema della pubblica illuminazione. Soddisfazione per come è andato l’incontro è stata espressa dall’assessore Tarquilli, che ha voluto sottolineare come la Giunta voglia realizzare una politica di vicinanza e supporto alle imprese, considerate strategiche per lo sviluppo e la crescita economica del territorio. “Ci concentreremo per portare a soluzione i problemi emersi durante gli incontri con gli imprenditori e continueremo a percorrere la via del dialogo” ha dichiarato l’amministratore. Il Presidente del RIP Gerardo Iamunno ha voluto ringraziare l’Amministrazione Comunale per quanto realizzato finora e per il lavoro che verrà portato avanti in futuro, auspicando la massima celerità nella soluzione delle problematiche evidenziate.

5 Febbraio 2010 0

La Prima di Torrice acquista un intero gruppo industriale di Treviso

Di redazione

In un periodo di crisi industriale, una ventata di ottimismo arriva da Torrice (Fr) dove la Prima Spa ha acquisito la Plastal Spa di Oderzo in provincia di Treviso, azienda che opera nel settore della componentisticca auto. Occupa circa 700 dipendenti in quattro stabilimenti, due in Italia e due in Germania fornendo elementi di elevata tecnologia per Fiat-Iveco, Vw – Audi, Daimler – Mercedes, Ford, Volvo e Bmw. “L’operazione Plastal rappresenta un passo molto importante nella nostra strategia di rafforzamento del gruppo visti i notevoli fattori di complementarità esistenti tra le due Aziende sia dal punto di vista tecnologico che dal punto di vista commerciale”. Dichiarazioni rilasciate da Maurizio Stirpe presidente di Prima spa aggiungendo che “è in questi momenti di crisi che occorre avere coraggio assumendo le iniziative che rispondono alle esigenze di accedere a nuove tecnologie tentando di salvaguardare, nel contempo, i livelli occupazionali”. Il Gruppo Prima opera oltre che nel settore auto motive, anche nel settore della componentistica in plastica per Motocicli e elettrodomestici con circa 1200 dipendenti distribuiti in 8 stabilimenti in Italia e tre all’estero (Francia, Germania e Slovacchia). La notizia è stata accolta con entusiasmo ed orgoglio dal Presidente di Confindustria Frosinone Marcello Pigliacelli, che ha voluto complimentarsi con i vertici dell’azienda di Torrice, che oggi ha collezionato un nuovo successo per la sua storia imprenditoriale. “Auguri di cuore per la nuova sfida imprenditoriale che la Vostra società ha voluto lanciare – dichiara il Presidente Pigliacelli – I Vostri successi e quelli del Vostro presidente sono per me personalmente e per Confindustria Frosinone motivo di orgoglio”.

11 Dicembre 2009 0

Ingente furto di liquori in una fabbrica del nucleo industriale di Isernia-Venafro

Di redazionecassino1

ISERNIA. Un notevole quantitativo di liquori, per un valore di centomila euro, sono stati rubati in una fabbrica di liquori del Nucleo Industriale di Isernia-Venafro (Isernia).Secondo quanto si e’ appreso, l’allarme avrebbe funzionato, ma la sorveglianza una volta sul posto non avrebbe notato nulla di anomalo. Il furto, commesso la notte scorsa, e’ stato scoperto oggi dai dipendenti. Non ci sono segni di effrazione al cancello principale da dove i ladri sono entrati. Sul furto sono in corso indagini dei carabinieri.