Autore: Ermanno Amedei

14 Ottobre 2019 0

Incidente stradale mortale a Fondi, 47enne investito ed ucciso

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FONDI – Tragedia, nella nottata tra sabato e domenica, sulla strada Statale 213 via Flacca all’altezza del km 8 nel comune di Fondi dove un pedone è stato investito e ucciso da un’auto. Si tratta di un cittadino di origine indiana di 47 anni residente a Fondi a poche centinaia di metri dal luogo del sinistro stradale.

La giovane donna alla guida dell’auto è rimasta leggermente ferita. La stessa allo stato risulta indagata per omicidio colposo in attesa degli esiti degli esami tossicologici. I rilievi sono stati operati dal personale del distaccamento di polizia stradale di Aprilia e della sezione polizia stradale di latina direttamente sul posto con il dirigente Alfredo Magliozzi e il comandante del distaccamento di polizia stradale di Aprilia.

14 Ottobre 2019 0

Violenta sessuale sulla ex mentre l’accompagna a casa, arrestato 35enne di Velletri

Di Ermanno Amedei

VELLETRI – Le offre un passaggio per tornare a casa ma la porta in montagna e la violenta. Con l’accusa di violenza sessuale, la scorsa settimana è stato arrestato un 35enne di Velletri, ex compagno della presunta vittima, anche lei italiana e 35enne.

I fatti sarebbero avvenuti al termine dell’orario di lavoro di lei, dipendente di un ristorante di velletri. Alle 2 di notte circa, l’uomo le avrebbe offerto un passaggio per tornare a casa e la donna ha accettato. La convivenza tra i due era finita alcune settimane prima.

L’uomo, strada facendo, avrebbe cambiato percorso dirigendosi verso monte Artemisio dove avrebbe tentato un approccio violento con la donna la quale si è opposta reagendo con veemenza e graffiando al petto il presunto aggressore.

Appena le è stato possibile la 35enne si è recata in ospedale a Velletri dove i medici del Pronto soccorso l’hanno visitata e refertata informando dell’accaduto i carabinieri della compagnia di Velletri.

Gli uomini del capitano Tommaso Angelone hanno avviato le indagini che in poche ore hanno portato all’arresto del presunto violentatore. Arresto che, dopo la convalida del gip del tribunale di Velletri si è trasformato in arresti domiciliari in attesa del processo.

11 Ottobre 2019 0

VIDEO e FOTO – Incidente stradale a Velletri, mamma in gravi condizioni

Di Ermanno Amedei

VELLETRI – Tre feriti di cui uno in condizioni gravi è il bilancio dell’incidente stradale avvenuto questa mattina poco prima delle 7.30 sulla via Appia a Velletri. A scontrarsi frontalmente sono stati una Citroen C4 e una Renault Clio.

Nella prima auto viaggiavano in direzione di Velletri una donna di 45 anni di origini francesi ma residente a Cisterna di Latina ed il figlio di 19 anni. Sulla Clio, invece, viaggiava un uomo di Velletri diretto verso Cisterna. L’urto è stato violentissimo e ha letteralmente distrutto la parte anteriore delle due vetture scaraventando la C4 fuori strada davanti al cancello d’ingresso di una abitazione. Immediati i soccorsi dei vigili del fuoco del distaccamento di Velletri che hanno estratto i feriti dalle lamiere per affidarli alle cure degli operatori del 118 giunti sul posto anche a bordo di una eliambulanza.

Le ferite più gravi sono quelle riportate dalla donna che in stato mdi semi coscienza, lamentava di non sentire le gambe. Lei è stata elitrasportata al policlinico Tor Vergata. Il figlio, invece, ha riportato traumi al torace e al volto ed è stato trasportato in ospedale a Velletri insieme al conducente della Clio ferito ma in modo lieve. Sul posto è accorso anche il marito della donna sotto shock dinnanzi ai rottami dell’auto, immaginando e temendo, da quelli per le condizioni della moglie e delle figlio. I rilievi del caso sono stati effettuati daglia agenti della polizia stradale di Albano.

Grossi i disagi alla circolazione. Il sinistro è avvenuto in un punto difficile da aggirare per via della mancanza di viabilità alternativa. Dalle 7.30, l’ora di punta per scuole e lavoro, si è creata una lunga fila di auto da e per Velletri. La situazione è tornata lentamente alla normalità solamente quando alle 9.30 circa, quando il traffico è tornato a defluire dopo l’ultimazione dei rilievi e dopo aver permesso ai tecnici di mettere in sicurezza l’arteria rimuovendo i rottami disseminati per decine di metri.

Ermanno Amedei

10 Ottobre 2019 0

Alimenti non rintracciabili, Nas multa e sequestra merce in un ristorante di Cassino

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Merce senza tracciabilità è stata rinvenuta e sequestrata dai carabinieri del Nas di Latina durante un controlli all’interno di un ristorante in centro a Cassino.

I militari comandati dal capitano Felice Egidio hanno sequestrato oltre 20 chili di alimenti di vario genere tra prodotti carnei, vegetali e pasta alimentare fresca poiché rinvenuti privi della necessarie indicazioni relative alla tracciabilità e rintracciabilità.

Il ristoratore sarà sanzionato con l’erogazione di una contravvenzione pari  a 1.500 euro, mentre il valore degli alimenti sequestrati è di circa   500 euro.

10 Ottobre 2019 0

Raffica di rapine con tentato omicidio, tre arresti a Palestrina

Di Ermanno Amedei

PALESTRINA – Tre persone sono state arrestate dai carabinieri di Palestrina per rapine e tentato omicidio. Sono stati gli stessi Carabinieri della Compagnia di Palestrina ad eseguire l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Tivoli, Mario Parisi, nei confronti di C.A., P.A. e S.M. per tentata rapina, rapina, tentato omicidio, detenzione e porto di arma.

Tutta l,’indagine è stata cordinata dalla Procura di Tivoli diretta da Francesco Menditto.

I fatti risalgono allo scorso 11 settembre, quando nelle prime ore della mattinata, in stretta successione, si verificavano tre episodi di rapina a mano armata nei confronti di tre distinti esercizi commerciali, il bar “Romano” in via Casilina a Roma, il bar “Area 51” in via Proust a San Cesareo (RM) e la Sala Slot “Belvedere” in via Maremmana a San Cesareo (RM).

La ricostruzione degli eventi a seguito della minuziosa e tempestiva attività d’indagine condotta dai Carabinieri della Compagnia di Palestrina, sotto la direzione del P.M. di turno della Procura di Tivoli, ha consentito di documentare nel dettaglio quanto accaduto.

La prima tentata rapina è stata messa a segno presso il bar “Romano” in via Casilina a Roma. Nonostante l’esplosione di un colpo d’arma da fuoco a scopo intimidatorio da parte di uno dei rapinatori, a causa della resistenza opposta da un impiegato e della difficoltà di accesso alla cassa, la rapina non è riuscita.

Poco dopo i tre indagati consumavano una rapina lungo la via Casilina, presso il bar “Area 51” in via Proust a San Cesareo (RM) ove, riscontrata l’assenza di denaro all’interno della cassa, uno di loro, previa minaccia della pistola si faceva consegnare il denaro prelevato dal portafogli personale di un impiegato.

In seguito i tre si recavano presso la poco distante Sala Slot “Belvedere”, in via Maremmana a San Cesareo (RM) ove, come documentato anche dall’impianto di videosorveglianza, uno di loro, con il volto travisato da una sciarpa e con la pistola in pugno, si introduceva all’interno dell’esercizio commerciale minacciando il cassiere per farsi consegnare il denaro contenuto nella cassa. Un impiegato addetto alla sicurezza, nel tentativo di sventare la rapina in corso, colpiva con uno sgabello il rapinatore che esplodeva due colpi d’arma da fuoco al suo indirizzo attingendolo all’inguine. Il rapinatore, impossessatosi di 2500 euro, è scappato dal locale e ad attenderlo, a bordo di un’autovettura, vi erano i suoi due complici unitamente ai quali si dava alla fuga facendo perdere le proprie tracce.

Nel corso dell’operazione, durante una perquisizione domiciliare, i Carabinieri hanno rinvenuto presso l’abitazione di uno degli arrestati (S.M.) una pistola semiautomatica calibro 7.65 con matricola abrasa, compatibile per calibro e tipologia con l’arma utilizzata nelle azioni delittuose.

Il Gip del Tribunale di Tivoli, che ha provveduto sulla richiesta della Procura con grandissima celerità, sottolinea che “il quadro indiziario a carico degli indagati è solidissimo  …articolato sulla scorta di un bagaglio investigativo che ha rapidamente assunto tratti di indiscutibile e stringente attitudine probatoria e incriminante”.

Aggiunge il gip “la pervicace spregiudicatezza operativa… la disponibilità di armi e l’inclinazione a farne disinvolto impiego contro le persone, l’abitudine all’assunzione di alcool e di droghe… strutturano un contesto in cui campeggia e spicca l’accentuata pericolosità degli indagati. Costoro sono ben disposti all’aggressione e all’uso di armi pur di soddisfare il loro contingente bisogno economico…”

9 Ottobre 2019 0

Passaggio di presidenza alla Fidapa BPW Italy di Cassino, la nuova presidente è Anna Maria Cacciami

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Passaggio di consegne al vertice della sezione Fidapa di Cassino, dove venerdì 4 ottobre si sono avvicendate la presidente uscente Silvia Gallozzi Volante e la nuova presidente Anna Maria Cacciami.

Una cerimonia che si è svolta alla presenza delle socie della Sezione, che nel 2020 celebrerà i 35 anni dalla sua costituzione. Nel ringraziare per il mandato ricevuto, la nuova presidente ha illustrato alcuni punti del programma che la sezione realizzerà nel biennio 2019/2021.

Con un’attenzione particolare nei confronti delle tematiche femminili, della parità di genere, lotta alle discriminazioni e contrasto alla violenza contro la donna; non mancheranno, inoltre, argomenti che riguarderanno il sociale, l’ambiente, il lavoro, la salute. Un programma per certi versi ricco di progetti ambiziosi, che con l’entusiasmo e il desiderio di operare per il “bene…essere” della donna e in generale della società tutta, il gruppo di socie della sezione di Cassino affronterà con rinnovata energia e decisione. Il direttivo, composto dalla vice presidente Elisabetta Lamberti, la segretaria Alberta Valente, la tesoriera Alessia Mentella e la past president Silvia Gallozzi Volante, punta a raggiungere quegli obiettivi che il movimento di opinione della Fidapa persegue da circa 90 anni in Italia, in Europa e nel mondo.

9 Ottobre 2019 0

Quarta linea al termocombustore di San Vittore, il sindaco: perché fare la differenziata quando vengono a bruciare rifiuti di chi non la fa?

Di Ermanno Amedei

SAN VITTORE DEL LAZIO – Una quarta linea di incenerimento nel termocombustore di San Vittore del Lazio sembra essere ben più di un’ipotesi se l’amministratore delegato di Acea ne parla serenamente in un’intervista rilasciata a Il Fatto Quotidiano.

Insomma l’appendice del Lazio, il territorio regionale più lontano dalla Capitale si conferma il luogo ideale, per gli impresari di Acea e per la politica Romana e forse anche regionale, dove andare a smaltire i rifiuti della Capitale. Una logica a cui il sindaco di San Vittore Nadia Bucci non ci sta e lo scrive a chiare note in un post su facebook.     “Roma va salvata, va aiutata, è pur sempre la Capitale se poi c’è guadagno perchè fermarsi? chissenefrega di ciò che succede al Sud di Roma… Ecco… già sentir parlare di incenerimento di rifiuti in seno ad un convegno dedicato alla sostenibilità la dice lunga sulla concezione di economia circolare e sostenibile!!!! E poi perchè i miei cittadini dovrebbero essere vessati e subire incondizionatamente? Perchè dovrebbero sforzarsi a fare quotidianamente la raccolta differenziata e poi comunque subire l’incenerimento dei rifiuti prodotti da altri cittadini e amministratori che non hanno ancora maturato quella famosa sensibilità “ecosostenibile” di cui si vantano sui social? Ci tengo a precisare che non è una questione politica perchè se l’impianto di San Vittore è nato sotto determinate bandiere politiche è cresciuto sotto altre. Però sentir affermare che non ci sono problemi di sorta e soprattutto sentir dire dalla Sindaca di Roma, l’avv. Raggi, che è rimasta sola sulla questione rifiuti, bhè sa veramente di ridicolo. Invece di piangersi addosso o di ricorrere al facile guadagno, applicassero le soluzioni più tecnologicamente avanzate che ai tempi di oggi di certo non mancano, che programmassero investimenti da realizzare sui loro territori che sono alquanto vasti, e quindi che si preoccupassero di quegli iter autorizzativi e non della quarta linea a San Vittore. IL NOSTRO PICCOLO, ED EX ORTICELLO, E’ ORMAI SATURO”.

9 Ottobre 2019 0

Camion di finocchi distrutto da incendio sulla Cassino-Sora

Di Ermanno Amedei

ATINA – La cabina di un camion che trasportava ortaggi è andata completamente distrutta, questa mattina, mentre il mezzo viaggiava sulla superstrada Cassino Sora nel territorio di Atina.

Il camion che trasportava finocchi è stato avvolto dalle fiamme che si sono sprigionate nel motore del mezzo mentre lo stesso attraversava la galleria in direzione Cassino.

Non appena fuori dal tunnel l’autista ha fermato il camion ed è scappato mentre le fiamme si propagavano all’intero trattore stradale. Se il mezzo si fosse fermato nella galleria, l’incendio avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi.

 

8 Ottobre 2019 0

Lui interrompe la relazione e il compagno minaccia di affogargli il cagnolino

Di Ermanno Amedei

TIVOLI – Tenta di affogare una cagnolina per far dispetto al suo ex. La Polizia di Stato denuncia un 37enne romano per maltrattamenti di animali.

“Ti faccio vedere come muore la tua Molly” “così te ‘mpari.”

Queste le parole di un 37enne romano rivolte all’ex compagno – all’interno di un video – nel quale lo minaccia di affogare la sua cagnolina, di razza Jack Russel, in un catino di acqua.

A far scattare la perquisizione nell’abitazione del responsabile del maltrattamento, la segnalazione alle Guardie Zoofile del gruppo Norsaa e la denuncia al commissariato di Frascati.

La stretta collaborazione fra gli agenti del commissariato di Tivoli, diretto da Paola Di Corpo, e le guardie zoofile ha permesso di trarre in salvo, oltre al Jack Russel, ben 64 cani che si trovavano all’interno di un’area di circa 5.000 metri, rinchiusi in gabbie delimitate da una rete metallica elettrosaldata, in pessime condizioni igienico sanitarie.

All’interno dell’area, trovata anche la piccola Molly, una femmina bianca e beige, che è stata immediatamente collocata, insieme agli altri esemplari, in una struttura idonea.

Sequestrato il telefono del 37enne, nel quale è stato trovato il video incriminato.

L’uomo al termine dell’operazione è stato indagato in stato di libertà.

8 Ottobre 2019 0

Serpente abbandonato, boa di due metri ritrovato in un condominio

Di Ermanno Amedei

ROMA – Il Reparto Tutela Ambiente della Polizia Locale, X Gruppo Mare,  è intervenuto presso uno stabile in zona Casal Bernocchi, per verificare  la presenza di un rettile segnalata all’interno di uno stabile.

Il serpente di circa 2 metri, è stato rinvenuto dagli agenti presso un’area comune sita nel seminterrato di un palazzo.

Coadiuvati da personale specializzato della ASL di zona, gli operanti sono riusciti a recuperare e mettere in sicurezza l’animale, un Boa Constrictor, provvedendo al suo trasferimento presso una struttura veterinaria adeguata.

Sono in corso accertamenti per risalire alla provenienza del rettile, facente parte dei generi protetti dalla convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione.