Autore: admin

25 Giugno 2019 0

Cagnolino utilizzato per chiedere l’elemosina sequestrato dalla polizia locale

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ROMA – Ieri mattina una pattuglia del I Gruppo Trevi della Polizia Locale Roma Capitale è intervenuta in zona Monti, a seguito di una segnalazione sulla presenza in strada di un piccolo cane in condizioni precarie, tenuto da una persona senza fissa dimora che stava svolgendo attività di accattonaggio. Gli agenti individuato l’uomo, ed il cucciolo risultato privo di microchip, hanno provveduto ad applicare il regolamento sulla tutela degli animali, che punisce chi effettua accattonaggio sul territorio capitolino con “queste modalità” prevedendo l’immediata confisca dell’animale. La persona senza fissa dimora, un trentacinquenne di nazionalità romena, ha inoltre rifiutato l’assistenza alloggiativa offerta. Grazie all’intervento della pattuglia è stato possibile non solo togliere dalla strada e salvare da sorte incerta il cagnolino ma anche evitare la permanenza presso il canile municipale. Una delle operanti, colpita dalla tenerezza del piccolo, di circa tre mesi, ha infatti subito mostrato interesse nei suoi confronti fornendo la propria disponibilità a prendersene cura. Dopo la verifica delle condizioni del cucciolo da parte del personale della Pet in Time, il veterinario della Asl di zona ne ha autorizzato l’affidamento all’agente. In questo modo Sole – questo il nome che le è stato dato – ha potuto trovare una nuova famiglia.

24 Giugno 2019 0

Incendio alla Mecoris, a Frosinone polveri sottili schizzate alle stelle

Di admin

FROSINONE – Picco di Pm10 a Frosinone a causa dell’incendio della Mecoris di ieri. Le centraline sparsi per la città hanno rilevato concentrazioni preoccupanti delle polveri sottili.

Lo ha dichiarato il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani nel corso della conferenza stampa che si sta tenendo in comune. Le centraline che in questo periodo misurano valori medi di 15/20 microgrammi per metro cubo, questa mattina alle 7 registravano valori che variavano dai 150 ai 216 microgrammi a seconda delle posizioni delle centraline.

Un valore preoccupante che, ha portato l’amministrazione a procedere ad una ordinanza di emergenza chiudendo istituti pubblici e evacuando un’area di un raggio di due chilometri dal luogo dell’incendio. Alle 11 di questa mattina il valore delle pm10 ha iniziato a calare.

Ermanno Amedei

23 Giugno 2019 0

Scossa di terremoto nel centro Italia, gente in strada ma nessun danno

Di admin

VELLETRI – Una scossa di terremoto è stata nitidamente avvertita ai Castelli ed in particolare a Velletri. La terra ha tremato solamente per alcuni secondi alle 22.40 ed è stata vvertita anche ai piani bassi. Alcuni si sono riversati in strada ma il sisma non ha creato danni.

Il sisma è stato avertito anche a Roma e nnel vicine province di latina e Frosinone.

Da una prima stima sembrerebbe che il terremoto abbia avuto una magnitudo di 3.7 e l’epicentro sarebbe stato individuato a dieci chilometri di profondità nel territorio del comune di Colonna.

23 Giugno 2019 0

Incendio alla Mecoris di Frosinone, il sindaco ordina evacuazione in un raggio di 2 chilometri

Di admin

FROSINONE – E’ complessa la situazione scaturita a seguito dell’incendio della Mecoris di Frosinone. L’azienda che si trova nella zona industriale del capoluogo ciociaro svolge attività di trattamento di rifiuti. Al momento l’incendio è ancora in atto, sono impegnate 5 squadre del Comando di Frosinone che stanno svolgendo azioni d contenimento dell’incendio e raffreddamento delle strutture. Il denso fumo che ne è fuoriuscito preoccupa ancor più dell’incendio stesso e il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, “ha adottato un’ordinanza contingibile e urgente – si legge in una nota – con la quale si invita la popolazione, in via precauzionale, a tenersi lontano dal sito per un raggio di almeno 2 km, fino al momento in cui le fiamme saranno domate da parte dei Vigili del fuoco, intervenuti sul posto. Si invitano, contestualmente, i cittadini a tenere chiuse finestre e portoni esterni, unitamente alla disattivazione degli impianti di condizionamento ed areazione elettrica, fino al momento in cui sarà dichiarata cessata l’allerta, con successivo provvedimento del Sindaco”.

“È necessario adottare tali accorgimenti in via precauzionale, in quanto ancora non abbiamo certezza della tipologia speciale dei rifiuti in combustione – ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani – Si chiede, quindi, la necessaria collaborazione informativa attraverso i canali della comunicazione, per tenere aggiornata la cittadinanza sulle eventuali necessità del caso”.

21 Giugno 2019 0

Fiamme a Pignataro Interamna, brucia magazzino di attività commerciale

Di admin

PIGNATARO INTERAMNA – Fiamme all’interno del magazzino della Reality Company sulla superstrada Cassino Formia nel territorio di Pignataro Interamna.

L’allarme incendio è stato lanciato nella tarda mattinata quando le fiamme si erano propagate a materiale plastico e infiammabile che i locali dell’attività commerciale conteneva.

Immediatamente sul posto sono arrivate due squadre di vigili del fuoco che hanno iniziato le operazioni di spegnimento. Nessuno dei dipendenti o dei clienti è rimasto ferito ma nella zona si è alzata una densa e scura colonna di fumo.

21 Giugno 2019 0

Disastro Rocca di Papa, è morto il sindaco Crestini

Di admin

ROCCA DI PAPA – E’ unanime il cordoglio e l’amarezza per la morte avvenuta ieri sera del sindaco di Rocca di Papa Emanuele Crestini, rimasto gravemente ferito nell’esplosione del palazzo del Comune lo scorso 10 giugno.

Il primo cittadino era ricoverato nel Centro Grandi Ustioni dell’ospedale Sant’Eugenio e dopo una settimana di agonia dovuto ad ustioni su 40% del corpo si è arresto alle complicanze sopraggiunte.

Crestini è la seconda vittima del disastro causato da una fuga di gas e sulle cui responsabilità sta indagando la procura di Velletri. al momento sono iscritti nel registro degli indagati tre persone titolari di una ditta di Monte San Giovanni Campano.

Ermanno Amedei

21 Giugno 2019 0

VIDEO – Tramonto e ammaina bandiera, emozioni in concerto per i 50 anni della scuola carabinieri di Velletri

Di admin

VELLETRI – Cinquanta anni di storia fanno della scuola carabinieri di Velletri, un fondamento dell’Arma e un pezzo importante attorno alla quale ruota la cittadina dei Castelli. Si chiama scuola Marescialli e Brigadieri 2° reggimento e porta il nome dell’eroe per eccellenza dei carabinieri.

La caserma Salvo D’Acquisto festeggia in questi giorni il mezzo secolo di attività durante le quali sono stati formati decine di migliaia di uomini che hanno servito la Patria. Carabinieri e Patria, un legame forte che da il senso a ciascuna delle due parole e che rende significativa l’una solamente se legata all’altra. Anche per questo il monumento ai Martiri di Nassiriya, alcuni dei quali si erano formati proprio nella Salvo D’Acquisto, in questi giorni è stato spostato all’ingresso della porta carraia e sempre vigilata della scuola.

Momenti toccanti si sono vissuti mercoledì sera quando la struttura militare si è aperta alla città per ospitare, in Piazza della Bandiera, circa 2mila persone che hanno assistito, in un clima reso surreale dal tramonto, al concerto della Banda dei Carabinieri.

Presenti il sindaco di Velletri Orlando Pocci, altri 6 primi cittadini dei comuni limitrofi, il vescovo e i vertici delle forze dell’ordine del territorio. A fare gli onori di casa è stato il Colonnello Liviano Marino, comandante Scuola. A dirigere il concerto che ha spaziato tra brani classici e non è stato il Maestro Maggiore Massimiliano Ciafrei. Non poteva mancare La Fedelissima e il Canti degli Italiani che, intonato “sull’ammaina bandiera” e sul sole al tramonto, ha commosso la folla.

Ermanno Amedei

21 Giugno 2019 0

Enotrek e bike tra i Monti Aurunci durante la domenica “plastic free”

Di admin

ITRI – L’estate delle meraviglie nel Parco dei Monti Aurunci: appuntamento domenica 23 giugno ad Itri. Natura, benessere, cultura ambientale, sport e prodotti tipici. Questi gli ingredienti per un doppio percorso: enotrack e bike per una giornata indimenticabile nel cuore della catena degli Aurunci. Per l’evento bike la partenza è prevista da Passo San Nicola ore 9: un anello su percorsi 950/951/953. Per il percorso camminata l’appuntamento è in località “Traste” ore 9. Ma, come accennato, sarà un appuntamento con il buongusto in un’azienda agricola di Itri con la degustazione a base di prodotti tipici locali biologici. Per la degustazione prenotazione necessaria al 3896868479. Quello di domenica 23 giugno è un evento plastic free.

“Si tratta – ha spiegato Marco Delle Cese, presidente del Parco Monti Aurunci – di un appuntamento molto importante perché coniuga ambiente, sport e gastronomia. Un percorso nel Parco per appassionati di bike e camminate tra la natura: tra le meraviglie della catena degli Aurunci. Ma quello di domenica è soprattutto un evento che rientra nel cartellone dell’Estate delle Meraviglie voluto della Regione Lazio, dal presidente Nicola Zingaretti, insieme al vicepresidente Daniele Leodori e all’Assessore regionale all’Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo Ambiente e Risorse Naturali Enrica Onorati con 350 manifestazioni che coinvolgeranno 150 comuni in tutto il territorio. Il Parco degli Aurunci c’è ed ha messo in campo un evento che stupirà e appassionerà”, ha concluso il presidente Delle Cese. “Tra le meraviglie del Parco rispettando la natura o meglio ricalcando quello che è lo spirito della nostra cultura ambientale. Un evento plastic free: vuol dire che prima, durate e dopo la giornata non verranno utilizzati oggetti di plastica. Ormai da tempo, infatti, il Parco dei Monti Aurunci ha avviato l’abbattimento, nei settori possibili, dell’uso degli oggetti di plastica. Una sfida al pari della tutela degli alberi e delle fauna”, ha aggiunto il direttore del Parco, il dottor Giorgio De Marchis.

20 Giugno 2019 0

Droga per la movida Cassinate, arrestati due pusher di 31 e 34 anni

Di admin

CASSINO – I Finanzieri del Gruppo di Cassino hanno arrestato in flagranza di reato due ragazzi di Cassino di 31 e 34 anni per detenzione, a fini di spaccio, di sostanze stupefacenti.

L’attenzione della guardia di finanza nella Città Martire è alta in particolar modo nella movida estiva. I finanzieri osservavano da tempo i due soggetti, già gravati da precedenti specifici in materia di sostanze stupefacenti, incontrarsi, in pieno centro, per poi separarsi dopo pochi minuti.

I militari, quindi, hanno fermato e sottoposto a controllo uno dei due giovani, rinvenendo nell’autovettura di quest’ultimo 200 grammi di hashish.

I finanzieri, avuto conferma dei loro sospetti, convinti di trovarsi di fronte ad un’attività illecita, esteso le perquisizioni anche ai rispettivi domicili.

Nel corso dell’operazione di servizio, sono stati rinvenuti complessivamente 220 grammi di hashish, 10 grammi di marijuana e 70 grammi di cocaina oltre a quattro coltelli con evidenti tracce di hashish.

I due pusher sono stati tratti in arresto per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti e, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cassino, posti agli arresti domiciliari.

Lo stupefacente sequestrato corrispondente a circa 1200 dosi, avrebbe fruttato sulle locali piazze di spaccio oltre 30.000 euro.

20 Giugno 2019 0

Momenti di panico a Cassino, 44enne tenta di entrare in stazione con l’auto e poi lancia oggetti contro i carabinieri

Di admin

CASSINO –  Pomeriggio ad alta tensione ieri a Cassino in un’area compresa tra la stazione ferroviaria e il vicino appartamento di un 44enne noto per ricettazione, detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti e guida sotto l’influenza dell’alcool.  I carabinieri sono dovuti intervenire per arrestarlo contestandogli i reati di resistenza a P.U., danneggiamento aggravato, percosse e minaccia aggravata.

Nel corso del pomeriggio l’uomo ha sfondato la vetrata d’ingresso della stazione ferroviaria, dove tentava di penetrare all’interno con la propria autovettura, fuggendo subito dopo presso la propria abitazione sita nei pressi dello scalo ferroviario.

Una volta raggiunto il proprio appartamento, percuoteva la madre 85enne e la sorella 55enne, entrambe con lui conviventi e successivamente, in evidente stato di agitazione, si affacciava al balcone dell’abitazione con intenti suicidi.

Le urla dell’uomo attiravano l’attenzione dei passanti che contattando l’utenza “112”, chiedevano l’intervento  di una pattuglia, immediatamente giunta sul posto.

Alla vista dei militari l’esagitato inveiva frasi minacciose contro gli operanti e i suoi familiari, lanciando numerosi oggetti in vetro e barattoli di vernici in direzione della pattuglia della Sezione Radiomobile intervenuta, che causavano il danneggiamento di alcuni veicoli parcheggiati sotto l’abitazione dell’uomo.

Dopo non poche difficoltà, il 44enne è stato convinto dai militari a desistere dall’insano gesto e pertanto prontamente bloccato. Successivamente l’uomo veniva affidato alle cure del personale del “118” giunto sul posto, che lo trasferiva all’Ospedale “Santa Scolastica” di Cassino, ove veniva ricoverato presso il reparto psichiatria.

Da una perquisizione domiciliare eseguita, è stata rinvenuta una carabina a gas tipo Winchester marca Walther, calibro 4,5, munita di carica e colpi, la cui potenzialità è in corso di accertamento, che veniva sequestrata unitamente ad un grosso coltello utilizzato per minacciare il vicino di casa.

L’uomo stante i presupposti di legge, è stato arrestato e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, piantonato presso il reparto di psichiatria in attesa del rito direttissimo, che verrà celebrato nelle prossime 48 ore.