Tag: pronta

15 Maggio 2019 0

Cassino, pronta a dare il “Bentornato” al Giro d’Italia. Domani il via alla 6° tappa fino a S. Giovanni Rotondo

Di felice pensabene
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Tutto pronto, sotto l’aspetto organizzativo, per la sesta tappa del Giro d’Italia 2019, alla 102esima edizione. Già da giorni la Città si prepara all’arrivo della carovana del Giro prevista nel pomeriggio-sera di oggi. Domani la partenza della tappa che porterà i 174 corridori da Cassino a San Giovanni Rotondo. Non è la prima volta che il Giro fa tappa a Cassino. Già nel maggio del 2014 i corridori sono arrivati al traguardo proprio davanti l’abbazia di Montecassino durante le celebrazioni per 70ennale dalla sua distruzione nel corso della Seconda Guerra Mondiale. Poco prima per inerpircasi per i dieci chilometri di salita per la vetta del sacro Monte, la carovana ha percorso Cassino e ad accoglierla, sia in città che in abbazia, c’erano migliaia di tifosi che hanno sfidato pioggia e vento. A vincere, quella volta, la tappa conservando la maglia rosa è stato l’australiano Michael Matthews questa volta la Città Martire sarà città di partenza della sesta tappa.

Una tappa che segue quella ha portato i 174 corridori da Frascati a Terracina per 140 km circa. Una grande opportunità di visibilità per la Città che nelle prossime ore sarà inondata da oltre 200 fra automezzi, ammiraglie delle squadre corsa, televisioni e radio, stampa, cine operatori, fotografi. Un fiume ‘in rosa’ di persone al seguito della maggiore competizione ciclistica a tappe d’Italia. Una vetrina di sport, ma anche economica per la città che, tuttavia, inizialmente è sembrata non accorgersene molto, un po’ sonnolenta alla festa che la Kermesse ciclistica assicura ad ogni suo passaggio. Comunque in molti ci hanno pensato e rimediato prima dell’arrivo del ‘circo del Giro’ al termine della tappa in corso da Terracina. Bandierine e fili rosa da un lampione all’altro sono già al loro posto e qualche palloncino sulle strade e piazze cittadine principali, viale Dante, corso della Repubblica e tutte le altre che vedranno l’assalto dell’organizzazione. Certo le condizioni meteo e la pioggia battente di oggi non hanno aiutato al meglio nell’impresa. Ci sono, tuttavia, ancora alcune ore per dare in modo adeguato e festoso il bentornato al Giro!

F. Pensabene

 

27 Ottobre 2018 0

Sequestrati vicino la stazione di Frosinone 4 etti di droga pronta per lo spaccio

Di Ermanno Amedei

FROSINONE –  Quattro etti di droga sono stati sequestrati dagli uomini della squadra volante della questura di Frosinone diretta dal vice questore Flavio Genovesi.

Nella giornata di ieri, unità operative della Squadra Volante, pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine Lazio e cinofili della antidroga hanno setacciato il territorio del capoluogo a 360 gradi. Non solo scuole nel mirino dei poliziotti: attenzionati anche i locali, le vie del centro e le note piazze di spaccio.

Rinvenuti, nel corso dei servizi, occultati in un angolo di una piccola area verde nei pressi della stazione ferroviaria, circa 400 grammi tra hashish e marijuana, già divisa in dosi, pronta per essere spacciata ai ragazzi che, attraverso la stazione, arrivano a Frosinone quotidianamente per motivi di studio o lavoro. Droga che sarebbe stata venduta in poche ore con un realizzo di guadagni notevoli.

26 Luglio 2018 0

La Banda musicale Don Bosco Città di Cassino pronta per la decima edizione di “C’era una volta… il cinema”

Di Ermanno Amedei

CASSINO – “La prova generale è fatta. E’ già questa si è rivelata un successo. Ora non ci resta che aspettare il concerto di domenica sera, alle ore 21.00, al Teatro Romano”.

Lo si legge in una nota degli organizzatori.

“La Banda musicale Don Bosco Città di Cassino è pronta per la nuova edizione di “C’era una volta… il cinema”, un vero e proprio viaggio tra le colonne sonore più belle della storia del cinema. Il M° Marcello Bruni, direttore artistico del complesso bandistico, non rivela alcun dettaglio in merito al programma musicale, si limita solo a dire: “Sarà un concerto bellissimo, che cercherà di unire vari generi per soddisfare il variegato pubblico che, ormai, da sette anni ci segue e ci dimostra  grande calore ed affetto”.

Il concerto della Banda al Teatro Romano impreziosisce da sette anni  CassinoArte, il cartellone degli eventi estivi. La serata dedicata ai giovani talenti della musica registra ogni anno il sold out. “Il successo di pubblico – sottolinea ancora il M° Bruni – è la testimonianza di quanto il concerto sia atteso e sentito non solo dalla nostra città ma anche da  fuori Cassino”.  Con il concerto di domenica la banda eseguirà nuove colonne sonore,  superando così 70 colonne sonore di film celebri proposte in questi sette edizioni. Anche se il programma è top secret  l’unica indiscrezione che trapela è l’ omaggio al grande Luis Bacalov, scomparso pochi mesi fa. Bacalov  nel 1994 ha diretto  il M° Bruni nell’incisione della colonna sonora del film Il Postino, ultimo capolavoro di Massimo Troisi. Nel corso dello spettacolo sarà ricordato proprio con le note de Il Postino. La settima edizione vanterà la partecipazione straordinaria di Giulia Golia, un vero talento canoro, e del cantante Lorenzo Carnevale. La proiezione delle immagini dei film, che accompagneranno i brani in programma, sarà a cura di Francesco De Micco.  La serata sarà condotta da Elena Pittiglio”.

10 Giugno 2017 0

Piedimonte, Ferdinandi: “Sono portavoce di una squadra unita, pronta ad andare ad amministrare”

Di felice pensabene

Piedimonte San Germano – Pubblico delle grande occasioni, piazza gremita di cittadini, giovani, anziani, simpatizzanti, famiglie. Si è chiusa così la campagna elettorale di Gioacchino Ferdinandi, candidato sindaco della lista Piedimonte#ORA, fra quella gente che il giovane avvocato ha ascoltato, ha incontrato e con la quale si è confrontato per scrivere il programma di governo 2017-2022. Fra gli applausi il trentacinquenne, alla sua prima candidatura a Sindaco, è salito con la sua squadra sul palco allestito in Piazza Municipio. In queste settimane non si è risparmiato, ha condotto una campagna serrata e basata sui contenuti, lasciandosi alle spalle polemiche e chiacchiere. Stile sobrio, ma con grande determinazione ha condotto la sua compagine fino alla fine e mantenendo sempre un livello di comunicazione alto e di spessore. Un gruppo coeso, libero dalle vecchie logiche, nuovo e composto da giovani e da professionisti che hanno dimostrato di avere le carte in regola per andare al governo di Piedimonte San Germano. “Non ho parole – ha detto Ferdinandi – per descrivere il colpo d’occhio di questa piazza gremita di concittadini, è un’emozione indescrivibile, vera, perché mi sono reso conto in queste settimane che c’è grande passione intorno a questo gruppo e tanta voglia da parte dei cittadini di Piedimonte di cambiare e di portarci, da qui a poche ore, alla vittoria”. Determinato come sempre, padrone della scena, il trentacinquenne avvocato ha poi aggiunto: “Sarà la vittoria dei cittadini, la più bella, di quelle che rimarranno nella storia della nostra comunità e aprirà un nuovo ciclo: in un solo colpo manderemo a casa anni di politica vecchia e fatta a fini personali, manderemo a casa quella politica che ha tarpato le ali ad un territorio, che noi consideriamo ricco di potenzialità e pronto a ripartire”. E poi un passaggio sulla squadra che ha accompagnato Ferdinandi in questa lunga campagna elettorale, che ha avuto anche momenti di scontro e di confronto, diretti ed indiretti, fra i tre competitor. “Abbiamo dato tutto quello che potevamo dare immergendoci a pieno in questa avventura – ha aggiunto Ferdinandi – anima e cuore. Lo abbiamo fatto grazie all’entusiasmo che quotidianamente il popolo di Piedimonte ci ha trasmesso: siete stati e sarete voi la forza di questo gruppo, di questi amici, di questi ragazzi ai quali va il mio plauso più grande, quello più sentito. Abbiamo dimostrato di avere coraggio, senza paura, con entusiasmo, abbiamo abbracciato il paese che amiamo e al quale vogliamo dare un futuro migliore”. Non sono mancate stoccate agli avversari, in particolar modo al candidato Urbano che secondo Ferdinandi appartiene “al vecchio modo di intendere la politica per il proprio territorio”. “Avete avuto un bel coraggio – ha aggiunto il trentacinquenne avvocato riferendosi alla squadra di Urbano – coraggio nel riproporvi e nel presentare un programma elettorale vecchio di vent’anni. Ci avete attaccato, infangato, avete denigrato i 4 ex assessori, mio padre, gli imprenditori del territorio con una campagna elettorale anch’essa vecchia, e con questo modo di fare vi siete dati la zappa sui piedi, spianandoci la strada verso la vittoria”. Un comizio appassionato quello di Gioacchino Ferdinandi, che ha visto tutti i componenti della squadra impegnati nel presentare i dodici punti programmatici e i tre progetti ideati per rilanciare Piedimonte: “Città dell’Industria”, con la creazione di un tavolo tecnico con Fca, Enti e Università, “Guerra e Pace”, l’evento internazionale per riscoprire radici e memoria e per ridare slancio al turismo storico-culturale e religioso, e infine, l’osservatorio ambientale della salute pubblica “Teniamoci d’Occhio”, che avrà il compito di monitorare anche chi è intenzionato a trasformare il territorio in una pattumiera, come ha ricordato qualche giorno fa lo stesso Ferdinandi. “Dimostreremo nel corso del nostro mandato – è stata la chiosa finale dell’avvocato – che saremo in grado di lavorare incessantemente per realizzare il nostro programma. Le nostre non saranno solo promesse elettorali ai cittadini. Noi ci mettiamo la faccia sin da ora, con la differenza sostanziale che noi abbiamo una sola faccia, abbiamo una sola parola, ed un solo obiettivo: produrre risultati tangibili. Riporteremo Piedimonte nella posizione che merita, perché anche noi sappiamo come fare e dove sbattere i pugni”.

17 Maggio 2017 0

Hashish e cocaina pronta per il mercato della movida della “Cassino bene” sequestrata dai Carabinieri

Di felice pensabene

Cassino – Un chilo di hashish e oltre centro grammi di cocaina purissima sono stati sequestrati dai carabinieri a Cassino ad un 41enne residente in Campania. L’uomo noto alle forze dell’ordine, è stato sorpreso all’interno della sua auto, nel parcheggio di un centro commerciale. Nella stessa auto c’era anche un altro uomo di Cassino, probabilmente l’acquirente. I carabinieri hanno proceduto alla perquisizione veicolare e personale grazie alla quale è stata rinvenuta una busta, ben celata sotto il sedile del passeggero, contenente lo stupefacente. Nella circostanza, il cassinate è stato trovato in possesso della somma in contanti di 1.350 euro, suddivisa in banconote di vario taglio. L’operazione, secondo i carabinieri, ha consentito di smascherare e bloccare un traffico di sostanze stupefacenti diretto alla “Cassino bene”  e a frenare l’afflusso di droga destinato alla movida del fine settimana della città martire. Il valore commerciale dello stupefacente sequestrato si aggirerebbe complessivamente intorno ai 25mila  euro. Per lo spacciatore campano, dopo le formalità di rito, si sono aperte le porte del carcere a Cassino.

9 Marzo 2017 0

La Ciociara versione porno, il prefetto di Frosinone pronta a bloccare pellicola

Di Ermanno Amedei

Frosinone – “Mi auguro che ci sia un blocco di questa pellicola altrimenti sarebbe uno scempio”. Lo ha dichiarato il prefetto di Frosinone Emilia Zarrilli a proposito del rifacimento in versione hard del film “La Ciociara”. “Qualora ci dovessero essere la necessità, siamo pronti ad intervenire con una interpretazione un po’ estensiva di motivi di ordine e sicurezza pubblica per impedire che questo scempio possa essere attuato. Non sono Ciociara, ma quando parli con le persone che hanno ricordi di queste cose ti rendi conto di quanto sia stato doloroso, in particolare per donne che neanche ne parlavano. In Prefettura ci sono ancora i lasciti economici che le donne non hanno ritirato perché la vergogna era superiore al bisogno. Di fronte a questo tipo di realtà come fare a non reagire? Bene hanno fatto i rappresentanti politici del territorio ad animarsi su questo fronte mi auguro che ottengano come effetto finale di riuscire a non far pubblicare la pellicola”.

20 Luglio 2010 0

L’Enel pronta a potenziare gli impianti elettrici della città

Di Comunicato Stampa

Sono arrivati alle battute conclusive i lavori per la realizzazione di nuovi tratti di linea di media tensione (20mila Volt) che Enel Distribuzione ha programmato per dotare la città di Roseto degli Abruzzi di ulteriori fonti di alimentazione. Un progetto che avrà benefici evidenti sulla qualità del servizio elettrico, visto che il potenziamento della rete consentirà di alleggerire i carichi, soprattutto nel periodo estivo, quando la richiesta di energia aumenta grazie alla forte presenza di turisti. Sarà inoltre più rapido e facile intervenire in caso di guasto, con manovre di telecontrollo da postazioni remote gestite dal Centro Operativo dell’Aquila, ed anche tramite il monitoraggio a distanza delle autovetture dotate di equipaggiamento satellitare. Un avveniristico sistema di geolocalizzazione che Enel utilizza per una più rapida assegnazione delle segnalazioni di guasti sulla rete elettrica. “Questi nuovi interventi sulla rete di distribuzione di energia elettrica – ha dichiarato Andrea Salvatori, Responsabile Enel Zona Teramo – testimoniano la volontà dell’azienda di rispondere alle esigenze dei clienti e di potenziare e migliorare la qualità del servizio nel territorio”.

16 Aprile 2010 0

Case Popolari: l’Ater pronta a sfrattare 39 abusivi, Rivieccio frena

Di Comunicato Stampa

Ben 39 sono, a Cassino, gli alloggi popolari occupati abusivamente secondo un monitoraggio realizzato dalla stessa Ater di Frosinone. Proprpio lo stesso ente si starebbe preparando al recupero degli alloggi. “La situazione rischia di degenerare in maniera preoccupante e costituisce un evidente allarme sociale che deve essere fronteggiato con la massima cautela ed opportunità”. Lo afferma l’assessore ai servizi Sociali di Cassino, Ciro Rivieccio: “In queste ore stanno emergendo preoccupazioni all’interno degli uffici dell’assessoratro a causa dell’imminenza di 39 ordinanze di sfratto predisposte dall’ATER di Frosinone. Il problema è molto importante e deve essere affrontato con cautela e raziocinio. All’Amministrazione Comunale – continua Rivieccio -interessa che ciò avvenga tempestivamente per evitare che l’esecuzione degli sfratti possa assumere motivo di disagio. L’esecuzione degli sfratti significherebbe che 39 famiglie si ritroverebbero in mezzo alla strada e, naturalmente, si tratta di nuclei familiari che oltre al problema abitativo hanno spesso anche quello del lavoro, quindi dell’indigenza. Certo va tutelata e garantita anche la legalità, per cui credo che sia doveroso, ma soprattutto urgente, affrontare immediatamente l’argomento e studiare gli opportuni provvedimenti da adottare. Per questo invitiamo pubblicamente l’ATER a sospendere subito i termini degli sfratti e chiediamo agli stessi vertici dell’ATER un incontro urgentissimo, da tenersi nei primi giorni della prossima settimana, per valutare l’emergenza e le più opportune strategie da adottare per risolvere questa delicata situazione”.

6 Febbraio 2010 0

Continuano le incursioni ladresche, pronta la reazione delle forze dell’ordine

Di Comunicato Stampa

Continuano i furti nella notte nel territorio di Lanciano (Ch). Anche questa notte, bande di criminali, evidentemente esperte, hanno fatto registrare alcuni furti in abitazioni private. Il loro obiettivo sembra essere sempre lo stesso: le auto di grossa cilindrata parcheggiate nei garage. Di solito i ladri preferiscono i potenti Suv; vanno per la maggiore i Bmw X5, i Mercedes e le Audi. Mezzi con i quali, sfacciatamente, affrontano senz paura anche le auto delle forze dell’ordine. Questa notte però, in un’azione congiuta, carabinieri, polizia e polizia stradale, sono riusciti nell’intento di ostacolare i malviventi a tal punto da costringerli ad abbandonare due auto rubate sul territorio: in un caso le volanti della polzia hanno lungamente inseguito le auto dei fuggiaschi fino a costrengerli ad abbandonare i mezzi e a fuggire a piedi.

10 Gennaio 2010 0

Danni da maltempo, la Coldiretti pronta a chiedere lo stato di calamitàa

Di Comunicato Stampa

“Invitiamo tutti i comuni a verificare i danni che si sono registrati a causa del maltempo di questi giorni per verificare se sussistano i presupposti per attivare le procedure di richiesta dello stato di calamità naturale”. A parlare è il direttore della Coldiretti di Frosinone, Gianni Lisi che ha aggiunto: “Da moltissime zone della provincia dalla zona della Valle di Comino a quella più nord e anche a sud del nostro territorio abbiamo ricevuto in queste ore segnalazioni di danni ingenti e stiamo mappando la situazione che preoccupa e non poco anche in zone dove per esempio insistono le serre tra le campagne di Pofi. Se necessario, attiveremo di concerto con la nostra sede regionale, le procedure nei confronti del Governo per ottenere la dichiarazione dello stato di calamita’. I danni sono davvero ingenti e forse sarà il caso anche di verificare eventuali stanziamenti di adeguate risorse straordinarie per quanti avranno ripercussioni negative al proprio reddito. “E’ necessario – sottolinea ancora Lisi – elaborare rapidamente un piano complessivo che definisca gli interventi a favore di tutti i settori ed i territori colpiti nelle aree rurali. Le alluvioni di questi giorni, causa di ingenti danni all’agricoltura e all’intero comparto produttivo, hanno aggravato la crisi di un settore già penalizzato da una serie di congiunture negative. Occorre adottare provvedimenti straordinari per il ripristino delle strutture danneggiate e per venire incontro alle esigenze delle imprese interessate. Sul piano strutturale, le abbondanti piogge, oltre ad allagare i suoli, hanno provocato altri numerosi danni alle colture, procurato mini-frane, smottamenti, cedimento di muri a secco e di contenimento realizzati per il terrazzamento dei terreni, inondazioni, impraticabilità di alcune strade rurali e di penetrazione agricola, nonché il danneggiamento di fabbricati rurali e strutture aziendali. Alla eventuale richiesta dello stato di calamità naturale dovranno seguire interventi straordinari per mettere le imprese nelle condizioni di superare le difficoltà derivanti dalle avverse condizioni climatiche, ha concluso Lisi. Come Coldiretti siamo impegnati in programmi di tutela, salvaguardia e manutenzione del patrimonio ambientale, agricolo e strutturale grazie alle nostre azioni inserite nel piano di filiera di un’agricoltura tutta italiana. Invitiamo gli Enti preposti a fronteggiare gli eventi calamitosi anche mediante fondi necessari a realizzare azioni utili al rispetto del sistema eco-ambientale e idro-geologico, intervenendo con tempestività e costanza”.