Tag: protezione

31 Gennaio 2019 0

Aquino, diecimila euro dalla Regione per il Piano di Protezione civile

Di felice pensabene
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

AQUINO – Il Comune di Aquino sarà destinatario di un contributo pari a 10.000 Euro, accordato dalla Regione Lazio per aver predisposto e aggiornato il proprio Piano di Emergenza rendendolo conforme alle Linee Guida per la pianificazione comunale o intercomunale di emergenza di Protezione Civile.

L’Agenzia di Protezione Civile della Regione Lazio, infatti, nel ribadire la necessità e l’importanza dell’aggiornamento di tali indispensabili strumenti, nell’esercizio finanziario 2018, ha stanziato fondi propri a sostegno di quei comuni che dovevano provvedere ad ultimare l’aggiornamento/integrazione dei Piani entro il 30 novembre 2018, con lo scopo di contribuire a prevenire i catastrofici danni causati dagli eventi che si stanno verificando negli ultimi anni.

L’Italia è un Paese ad alto rischio di calamità naturali, dai terremoti ai dissesti idrogeologici. Ai fenomeni naturali si uniscono quelli causati dall’attività dell’uomo, spesso legati ad una non attenta gestione del territorio. L’esposizione al rischio è molto elevata e costituisce un problema di grande rilevanza sociale, sia per il numero di vittime che per i danni alle abitazioni, alle industrie e alle infrastrutture. Alla luce di tali dati, risulta evidente l’importanza, per ogni territorio di conoscere, approfondire, prevenire e affrontare il rischio. La Legge 12 luglio 2012, n.100 prevede infatti che , entro 90 giorni dall’entrata in vigore del provvedimento, i Comuni procedano ad approvare il Piano di emergenza comunale, redatto secondo i criteri e le modalità riportate nelle indicazioni operative del Dipartimento della Protezione Civile e delle Giunte regionali.

Il Piano di Emergenza deve contenere la previsione, la programmazione, la pianificazione ed il progetto di tutte le attività coordinate e di tutte le procedure che dovranno essere adottate per fronteggiare un evento calamitoso atteso in un determinato territorio.

Il piano deve essere sufficiente e flessibile per essere utilizzato in tutte le emergenze, incluse quelle impreviste e semplici, in modo da divenire rapidamente operativo. Ed il Piano elaborato dal Comune di Aquino presenta tutti i requisiti fondamentali richiesti dalla normativa vigente.

“ L’Amministrazione comunale – dichiara l’Assessore alla Protezione Civile Dott.ssa Federica Sabatini – ha realizzato, con tenacie e grandissima professionalità, un’altra importante iniziativa per il territorio di Aquino, un progetto fondamentale per garantire a cittadini, visitatori e turisti la sicurezza dai rischi naturali . Il tutto verrà realizzato ed integrato grazie al contributo regionale. Il dato che ci rende più orgogliosi è che siamo tra i pochi Comuni d’ Italia ad esserne responsabilmente dotati. Abbiamo fatto e continuiamo a fare un lavoro serio, tutti insieme. Questo grande progetto di pianificazione rappresenta un vero modello di solidarietà. Lavoreremo fianco a fianco, facendo fruttare sul territorio quella sinergia di visione ed intenti che è la base per avere piani efficaci e vivi, utili per i cittadini. E’ un lavoro che dobbiamo continuare con costanza.”

Il sindaco Libero Mazzaroppi ha ricordato come questo strumento è stato attaccato in maniera virulenta dall’opposizione di allora con argomenti e modalità al limite della decenza. “Oggi, voglio ringraziare l’Arch. Paola Quagliozzi per l’impegno profuso – ha sottolineato – e tutti noi che abbiamo creduto in questa immensa opportunità. Ci adeguiamo alla normativa in maniera seria ed efficace e colmiamo un gap e una lacuna amministrativa storica in quanto, finalmente, ci dotiamo operativamente di un Piano che assicura a tutti i livelli. Guardiamo avanti e proseguiamo con i fatti per rispettare il nostro programma e l’impegno assunto con gli elettori”.

foto repertorio

13 Novembre 2018 0

Inaugurata a Pontecorvo la sede della protezione civile intitolata a giovane volontario

Di Ermanno Amedei

PONTECORVO – “Inaugurata la sede intercomunale della Protezione civile di Pontecorvo. Sabato 10 novembre c’è stato il taglio del nastro alla sede intitolata ad Alfredo Moretta, giovane volontario venuto a mancare di recente”. Lo si legge in una nota del comune di Pontecorvo.  

“Alla presenza del sindaco Anselmo Rotondo, del vice sindaco Nadia Belli, dell’intera amministrazione Comunale e del dottor Massimo La Pietra, vice Capo Dipartimento della Protezione Civile, c’è stato il taglio del nastro”.

“Era un preciso impegno assunto e lo abbiamo portato a termine. Era un atto dovuto ai tanti volontari che operano il territorio, com’è stato doveroso intitolarla al compianto Alfredo Moretta, già attivo volontario della protezione civile di Pontecorvo. Grazie alla famiglia Moretta alla madre Elvira e a tutti coloro i quali hanno reso possibile questo momento di grande interesse e valorizzano del mondo del volontariato a Pontecorvo e non solo. Grazie al vice sindaco Nadia Belli, che più di tutti lavora accano ai volontari, e all’architetto Roberto Di Giorgio. 

“E’ senz’altro una grande giornata per i volontari delle protezione civile, avere una sede come questa è un punto di forza importantissimo per operare nel varie emergenze. Grazie al sindaco a all’amministrazione comunale di Pontecorvo”. Sono state le parole del vice capo dipartimento La Pietra. 

 “Loro, i volontari, sono il motore dell’altruismo, della generosità. Loro dedicano parte del loro tempo a chi tempo potrebbe non averlo più. Dico loro, a questa magnifica squadra, grazie, grazie, grazie. Questa sede è il giusto riconoscimento a tutti voi”. Ha affermato il vice sindaco con delega alla protezione civile Nadia Belli. 

Presente Marco Delle Cese, presidente del parco dei Monti Aurunci, che ha affermato: 

“Grazie a chi si impegna per il prossimo e a chi lavora per permettere a questi di farlo con mezzi adeguati ed in sicurezza.

Il parco Aurunci sosterrà la protezione civile di Pontecorvo con tutti i mezzi che ha a disposizione.

Grazie al sindaco Rotondo e grazie soprattutto ai volontari della protezione civile per il loro impegno e la loro grande passione”.

Il taglio del nastro è stato eseguito dal dottor La Pietra e dalla signora Elvira, madre di Alfredo Moretta. Il sindaco al termine della cerimonia ha consegnato le chiavi ai due coordinatori del gruppo di volontari: Silvano Maggiacomo e Raffaele Di Mambro.  

Presenti: il capitano Tamara Nicolai, il maresciallo Mauro Scappaticci, il presidente del Cosilam Mario Abbruzzese, l’onorevole Loreto  Marcelli, il vice presidente della Provincia Massimiliano Mignanelli, il dottor Daniele Mattaroccia in rappresentanza dell’onorevole Mauro Buschini. 

La misericordia di Roccasecca, la protezione civile di Pico e Roccasecca, l’associazione nazione carabinieri e l’associazione vigili del fuoco in congedo. 

1 Novembre 2018 0

Maltempo, la protezione civile lancia altra allerta meteo

Di Ermanno Amedei

LAZIO – “Il Centro Funzionale dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile ha emesso oggi un nuovo bollettino di criticità che, per domani 2 novembre 2018, prevede un codice allerta arancione con criticità idraulica moderata e criticità idrogeologica per temporali moderata”.

Lo comunica in una nota la Protezione civile del Lazio

“Il bollettino è stato seguito da un allertamento del Sistema di Protezione Civile con fase di pre-allarme dalle prime ore di domani mattina, venerdì 2 novembre 2018 e per 12-18 ore su tutti le zone di allerta del Lazio.

La previsione in oggetto è frutto di una stima dei quantitativi di pioggia previsti dalle prime ore di domani 2 novembre sull’intero territorio della regione che, messe in relazione con gli effetti idraulici ed idrogeologici delle piogge degli scorsi giorni, evidenziano uno scenario di particolare criticità.

Il direttore dell’Agenzia Regionale di Protezione civile del Lazio, Carmelo Tulumello ha inviato una lettera ai Prefetti e a tutti i sindaci dei Comuni della regione Lazio in cui si evidenzia che ‘fatta salva ogni nuova e diversa valutazione che potrà essere operata sotto il profilo previsionale ed in ragione delle rilevazioni strumentali del fenomeno, si raccomanda di adottare tutte le misure preventive previste dai piani di emergenza comunali. In particolare, tenuto conto anche degli effetti al suolo determinati dai fenomeni dei giorni 29 e 30, si raccomanda, tra l’altro: la costante operatività dei Centri Operativi di Coordinamento ed il costante raccordo con la Sala Operativa Regionale; di garantire la massima efficienza delle opere di regimazione idraulica; il monitoraggio costante dei contesti locali di fragilità idraulica ed idrogeologica; la vigilanza di sottopassi e di altre infrastrutture soggette ad allagamento; una intensa attività di informazione alla popolazione sui fattori di rischio ai quali la stessa è esposta e sulle regole fondamentali di auto protezione; il costante monitoraggio della casella di posta elettronica certificata indicata per la ricezione degli avvisi di allertamento; la piena operatività delle strutture comunali preposte’.

Tulumello ha inviato inoltre una lettera ad Acea in cui ‘si raccomanda di adottare tutte le misure preventive coerenti con lo scenario di criticità idraulica ed idrogeologica sopra delineato, con particolare riguardo all’efficienza delle opere di regimazione idraulica e della rete fognaria’. Si ricorda che la Sala Operativa Regionale è attiva h24 e risponde al numero verde 803555”.

31 Ottobre 2018 0

Maltempo, da protezione civile regionale allerta arancione per le prossime 36 ore

Di Ermanno Amedei

LAZIO – “Il Centro Funzionale Regionale rende noto che il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso oggi un avviso di condizioni meteorologiche avverse, con indicazione che dalla serata di oggi, mercoledì 31 ottobre e per le successive 24-36 ore si prevedono sul Lazio ‘precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere temporalesco. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Venti da forti a burrasca, dai quadranti meridionali, sui settori costieri. Mareggiate lungo le coste esposte’”. Lo comunica in una nota la Protezione civile del Lazio. “Il Centro Funzionale Regionale ha adottato l’avviso di criticità con indicazione dalle prime ore di domani, giovedì 1 novembre e per le successive 24-36 ore, si prevede nelle zone di allerta del Lazio: criticità idrogeologica per temporali codice arancione su Bacini Costieri Nord, Medio Tevere, Roma; criticità idrogeologica codice arancione su Aniene, Bacini Costieri Sud e Bacino del Liri; criticità idrogeologica per temporali codice giallo su Rieti. È stata inoltre emessa un’attenzione per vento su tutte le zone di allerta del Lazio. La Sala Operativa Permanente ha diffuso l’allertamento del Sistema di Protezione Civile Regionale e invitato tutte le strutture ad adottare tutti gli adempimenti di competenza. Si ricorda che per ogni emergenza è possibile fare riferimento alla Sala Operativa Permanente al numero 803.555″.

28 Ottobre 2018 0

Maltempo, Protezione civile Lazio conferma allerta arancione per 36 ore

Di Ermanno Amedei
LAZIO – “L’Agenzia regionale di Protezione civile ha emesso oggi un nuovo bollettino di criticità idrogeologica per temporali e che a partire dalle prime ore di domani, lunedì 29 ottobre e per 24-36 ore prevede su tutte le zone di allerta del Lazio una fase di pre-allerta codice arancione”. Lo comunica in una nota la Regione Lazio. “È stato altresì emesso un allertamento per vento di livello “tempesta”. Benché la forte ventilazione prevista non incida sul livello di criticità idrogeologica, è fondamentale che le Amministrazioni in indirizzo considerino con massima attenzione gli effetti combinati dei diversi fenomeni, sia sotto il profilo delle attività preventive da porre in essere, sia nell’ottica di massimizzare la propria capacità operativa per la gestione delle emergenze. Nel ribadire le raccomandazioni già diramate in ordine alle criticità idrogeologiche ed idrauliche, si raccomanda di porre in atto ogni misura idonea prevista dalla pianificazione comunale di emergenza in relazione agli specifici rischi connessi all’allertamento per vento. In particolare, in considerazione del fatto che la forte ventilazione preannunciata si presenta potenzialmente idonea ad arrecare danni ad alberature, coperture di edifici e cartellonistica stradale, sarà preciso onere delle amministrazioni in indirizzo effettuare una puntuale analisi locale al fine di valutare ogni idonea iniziativa atta ad evitare pericoli alla pubblica e privata incolumità.  Il Centro Funzionale della Regione Lazio continua a monitorare gli effetti delle piogge sul reticolo fluviale al fine di valutare eventuali evoluzioni del livello di criticità che dovessero rendersi necessarie”.  
2 Settembre 2018 0

Allerta meteo dalla protezione civile: forti piogge al centro-nord e sulla Campania

Di felice pensabene

I temporali che in queste ore si stanno abbattendo sulle regioni centro-settentrionali e parte del sud, continueranno a determinare fenomeni localmente intensi per tutta la giornata di oggi, causa un minimo depressionario posizionato sul Nord del Paese. 

È l’avviso emesso dal Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – sulla base delle previsioni disponibili. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche.

Sin dalle prime ore di domenica 2 settembre sono previste precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale su Veneto, Lombardia, Toscana, Lazio, Abruzzo e Campania. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento.

Sulla base dei fenomeni in atto, è stata valutata per la giornata di oggi allerta arancione su alcuni settori del Veneto e allerta gialla sui settori centro orientali della Lombardia, sul resto del Veneto e su Toscana, Umbria, Marche, Abruzzo, gran parte del Molise, sulla Campania, sulle aree del Gargano e del Tavoliere in Puglia e sul versante Tirrenico settentrionale della Calabria.

 Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.

25 Aprile 2018 0

Terremoto, scossa di magnitudo 4.2 in provincia di Campobasso. Protezione civile: non risultano danni o feriti

Di Ermanno Amedei

CAMPOBASSO – “A seguito dell’evento sismico registrato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in provincia di Campobasso alle ore 11.48 con magnitudo ML 4.2, sono in corso le verifiche da parte della Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile in contatto con le strutture locali del Servizio nazionale della protezione civile”. Lo si legge in una nota del Dipartimento di Protezione Civile. “L’evento sismico – con epicentro localizzato tra i comuni di Guglionesi, Montecilfone e Palata in provincia di Campobasso – risulta avvertito dalla popolazione. Al momento non sono stati segnalati danni a persone o cose”.

18 Gennaio 2018 0

Funzionario di Protezione civile arrestato per usura, prestava soldi a commercianti

Di Ermanno Amedei

ROMA – I Carabinieri della Compagnia di Roma San Pietro hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale su richiesta della Procura della Repubblica di Roma nei confronti di un 59enne romano, funzionario del Dipartimento di Protezione Civile, ritenuto responsabile del reato di usura continuata, tentata estorsione ed esercizio abusivo di attività finanziaria.

Nello specifico, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma San Pietro, nel corso dell’attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma – gruppo reati gravi contro il patrimonio, usura ed estorsioni, diretto dal Procuratore Aggiunto Dott.ssa Lucia Lotti – hanno acclarato che l’arrestato aveva messo in atto in maniera continuativa ed organizzata un’attività di concessione di prestiti a tasso usuraio nei confronti di numerosi soggetti, utilizzando anche metodi estorsivi per farsi consegnare il denaro prestato, avvalendosi del suo ufficio della Protezione Civile sito a Roma in Via Ulpiano quale “base”.

Dalle indagini è emerso lo schema usurario utilizzato dal soggetto, definito “prestito societario”, con suddivisione dei debiti su rate costanti a 20 settimane e il pagamento tramite il metodo del cosiddetto “prestito a fermo”, con “multe” pari al 10% della rata in caso di mancato pagamento da parte della vittima, al solo fine di poterla far slittare allungando così il periodo per l’estinzione del debito (c.d. rendita perpetua), e che si rivolgeva a un vasto pubblico, tanto da portarlo a parlare di una “squadra” e “lista d’attesa” di oltre 50 persone.

Nel corso dell’attività di indagine sono state identificate compiutamente 10 vittime, tra cui compaiono anche proprietari di attività commerciali del quartiere romano di Prati, alcune ad oggi cessate, alle quali lo stesso ha concesso in più tempi somme di denaro con tassi usurai anche del 40%.

Le perquisizioni, tuttora in corso, hanno già consentito di recuperare ingenti somme di denaro contante,  documentazione cartacea, dispositivi mobili e materiale informatico contenenti la contabilità dell’illecita attività, che verranno analizzati per meglio delineare il giro usuraio e identificare le restanti vittime.

Il cinquantanovenne verrà associato presso la Casa Circondariale di Roma a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

2 Settembre 2017 0

Formia: Protezione Civile, dalla Regione arriva un nuovo pick-up

Di redazione

Formia- La Protezione Civile di Formia ha ottenuto dalla Regione Lazio la disponibilità di un nuovo pickup da destinare alle attività di pronto intervento. Il mezzo sarà posto al servizio non solo della città di Formia ma anche e soprattutto dei territori terremotati dell’area di Amatrice. Su oltre 400 organizzazioni presenti, la Regione ne ha selezionate venti e tra queste c’è la Protezione Civile di Formia. Soddisfatto il Sindaco Sandro Bartolomeo: “La scelta della Regione, che naturalmente ringraziamo, premia i volontari del ‘Ver Sud Pontino’, le capacità e lo spirito di abnegazione da loro dimostrati in mille occasioni. L’impegno al servizio delle popolazioni terremotate di Amatrice e Accumoli fa il paio con la presenza costante che i ragazzi coordinati da Antonio Tomao garantiscono sul territorio per la sicurezza delle persone, il contrasto agli incendi e in tutte le altre situazioni di emergenza che siamo riusciti a fronteggiare grazie alla passione e la competenza dei volontari di Protezione Civile. Con il nuovo mezzo della Regione aumentano le possibilità di intervento – conclude il primo cittadino -, certi che il lavoro del ‘VER’ proseguirà con la stessa passione e spirito di vicinanza verso il prossimo”. Foto d’archivio

29 Agosto 2017 0

Incendio di Monte Cairo, vigili del fuoco schierati a protezione del rifugio Le Casermette

Di Ermanno Amedei

TERELLE – Con le prime luci dell’alba sono tornati al lavoro i mezzi aerei sui fronti di fuoco della Ciociaria. Nel cassinate, l’incendio di Monte Cairo, dopo cinque giorni di attività, arrivato ormai ai castagneti di Terelle. I vigili del fuoco di Cassino si sono schierati a protezione del rifugio Le Casermette.

A Guarcino, invece, le lingue di fuoco si avvicinano agli impianti della stazione sciistica di Campo Catino. Ancora attivi gli incendi di Morolo e Supino che, ieri, sono arrivati ad alcune abitazioni ma che oggi sembrano spinti verso l’alta montagna.