Mese: Maggio 2019

27 Maggio 2019 0

Razziatori di stazioni di servizio, otto arresti ad Anagni

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ANAGNI – Gli agenti della sottosezione polizia stradale di Frosinone hanno arrestato otto cittadini italiani per furto aggravato all’interno l’area di servizio La Macchia est nel comune di Anagni.

In particolare, i poliziotti durante un approfondito giro di perlustrazione all’interno dei parcheggi dell’area di servizio, stante i precedenti ammanchi registrati in analoghe fasce orarie denunciati in precedenza, hanno notato gli arrestati aggirarsi con fare sospetto, avvalorato dal tentativo di fuga messo in atto alla vista della pattuglia.

Con prontezza e professionalità il personale operante è riuscito a bloccare tutte le otto persone, che avevano, chi celate all’interno dei propri indumenti, chi in borse a tracolla, il materiale appena sottratto la cui provenienza veniva riconosciuta dallo stesso personale addetto all’area di servizio .

I fermati, tutti partenopei, annoveravano precedenti specifici, anche in riferimento ad altre aree di servizio della provincia per i quali erano stati gia’ denunciati da quest’ufficio.

27 Maggio 2019 0

Cassino, inseguimento e arresto di due ricettatori sull’A1

Di admin

CASSINO – Durante la scorsa serata, personale appartenente alla sottosezione polizia stradale di Cassino verso le ore 2 ha intercettato una Fiat Bravo di colore grigio all’altezza del km 654 carreggiata sud nel comune di Ceprano. A bordo vi erano tre persone di sesso maschile. Il conducente, dopo aver condotto la vettura in modo irregolare creando disagio e pericolo alla circolazione stradale e solo dopo vari tentativi degli agenti che gl’intimavano l’alt, decideva di fermarsi e di sottoporsi al controllo degli stessi. Nel frangente, però, i tre hanno tentato di darsi alla fuga e due di questi, B.U. di anni 31 e H.E. di anni 38 di nazionalità albanense senza fissa dimora e relativo permesso in Italia, sono stati fermati e controllati. Il terzo passeggero riuscendo ad approfittare della superiorità numerica, riusciva a dileguarsi nelle adiacenti campagne. Successivi accertamenti permettevano di scovare all’interno del veicolo, intestato ad un prestanome, 6.000 euro in banconote di piccolo taglio su cui non davano le giuste indicazioni relativamente alla provenienza. Informata l’Autorità giudiziaria competente di Cassino sono stati tratti in arresto. Indagini in corso.

27 Maggio 2019 0

Maltempo, ancora pioggia e temporali su gran parte dell’Italia

Di admin

DALL’ITALIA – “La circolazione depressionaria, attualmente posizionata sul Tirreno, continuerà a determinare una fase di spiccato maltempo su gran parte dell’Italia, in particolare sulle regioni tirreniche centro-meridionali. L’arrivo di un nuovo sistema perturbato nord-atlantico inoltre produrrà, nel corso della giornata di domani, un’intensificazione dei fenomeni al nord con piogge e temporali diffusi”.

Lo si legge in una nota della Protezione civile.

“Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende quelli diffusi nei giorni scorsi. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede dal pomeriggio di oggi, lunedì 27 maggio, precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale sull’Emilia-Romagna, in successiva estensione a Lombardia e Veneto.  Dalle prime ore di domani, martedì 28 maggio, si prevede il persistere di precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale su Umbria, Lazio, specie settori meridionali, Campania e su Basilicata e Calabria, specie settori tirrenici. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento.

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, martedì 28 maggio, allerta arancione su alcuni bacini del Veneto, dell’Emilia-Romagna e sul versante tirrenico settentrionale della Calabria. Valutata inoltre allerta gialla sul restante territorio della Calabria, dell’Emilia-Romagna e su gran parte del Veneto oltre che su parte della Lombardia, sull’intero territorio di Umbria, Abruzzo, Lazio, Campania, Molise e su alcuni settori di Marche e Basilicata.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione”.

27 Maggio 2019 0

Incidente stradale sulla superstrada Cassino Sora, donna 49enne muore dopo alcune ore

Di admin

SANT’ELIA FIUMERAPIDO – E’ diventato mortale l’incidente che oggi pomeriggio ha visto coinvolto sulla superstrada Cassino Sora a Sant’Elia due coppie di coniugi.

La vittima è una donna di 49 anni di Broccostella che viaggiava insieme al marito sulla Hyundai.

La loro vettura ha impattato frontalmente con la Bmw sulla quale viaggiava un’altra coppia di Atina. La Hyundai è stata sbalzata e rimasta in bilico sul ciglio della strada. Gli occupanti: la 49enne e il marito sono stati trasportati in ospedale a Cassino.

La donna è stata immediatamente sottoposta ad un intervento chirurgico per arginare le emorragie interne ma alcune ore dopo è sopraggiunta la morte. Ferito gravemente anche il marito che ha una frattura scomposta alla gamba. L’atra coppia è stata trasportata in ospedale a Sora.

Ermanno Amedei

27 Maggio 2019 0

Incidente stradale sulla Cassino Sora, ferite due coppie di coniugi

Di admin

SANT’ELIA FIUMERAPIDO – Violentissimo impatto questa mattina poco prima delle 12.30 sulla supertrada Cassino Sora all’altezza di Casalucense nel territorio di Sant’Elia Fiumerapido.

A Scontrarsi sono state due auto, una Bmw e una Hyunday. Sulla Bmw viaggiava una coppia di Atina, una seconda coppia sull’altra auto.

Tutti e quattro sono rimasti feriti e per un uomo si ipotizza la necessità di intervenire chirurgicamente per asportare la milza. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Cassino, due ambulanze del 118 e i carabinieri. Al momento dello schianto, sulla zona era in corso un violento temporale.

Ermanno Amedei 

27 Maggio 2019 0

Abbruzzese sindaco di Cassino se il centrodestra confermasse il risultato delle Europee, altrimenti non avrebbe scuse

Di admin

CASSINO – Se la scelta di voto espressa per le elezioni europee dai cittadini di Cassino dovesse essere confermata anche per le elezioni comunali, Mario Abbruzzese potrebbe essere eletto sindaco già al primo turno. Sappiamo bene che in politica due più due difficilmente fa quattro e che dallo spoglio per il rinnovo del consiglio comunale della città Martire, che inizierà oggi alle 14, potrebbe uscire una realtà diversa. Un dato è certo, il centrodestra, rappresentato dai simboli di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia, al Parlamento Europeo è stato votato da oltre il 52% dei Cassinati.

Ma andiamo per ordine cominciando dall’alta affluenza alle urne che, in provincia di Frosinone, ha caratterizzato le elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo. Alle ore 19 nel Capoluogo, infatti, questa si attestava al 47,09% che se paragonato al 2014, ferma al 41%, risultava essere superiore di ben sette punti percentuali. Dati che, nei comuni in cui si è votato anche per il rinnovo delle Assise cittadine, come Cassino era di molto superiore, alle ore 23, alla chiusura dei seggi, la percentuale di affluenza nella Città Martire è stata del 74,93%, nonostante il tempo meteorologico fosse inclemente. Proprio i dati sulle percentuali di voto espresse nella città dell’Abbazia, assumono un significato particolare per le elezioni comunali.

Secondo i numeri forniti dal Viminale, infatti, balza subito agli occhi il successo del “centro destra unito” in appoggio al candidato sindaco Mario Abbruzzese. La “croce” del 34,38% dei Cassinati è caduta sul simbolo della Lega, l’11,74% su simbolo di Forza Italia e il 6,43% su quelle di Fratelli d’Italia; insieme hanno raccolto oltre il 52% delle preferenze. Un dato che fa ben sperare a chi, quelle liste, le ha nel proprio schieramento e fa fare gli scongiuri a chi, invece le ha avute come avversarie.

A Cassino, in questa tornata elettorale di amministrative, presentava cinque candidati sindaco, lo stesso Abbruzzese, appoggiato dalla Lega commissariata, Fratelli d’Italia, Forza Italia e alcuni raggruppamenti civici; Enzo Salera, appoggiato da liste civiche e da quella del partito democratico; Giuseppe Golini Petrarcone, con sei liste civiche e molti esponenti fuoriusciti dal centrodestra ‘unito’, l’avvocato Giuseppe Martini che correva per il Movimento 5Stelle e Renato De Sanctis esponente del Movimento “No Acea”.

L’apertura delle urne e la conta delle schede di oggi pomeriggio dirà quanto questo vantaggio del centrodestra sia stato capitalizzato dal candidato a sindaco appoggiato dalle tre liste che, però, in caso di risultati avversi, certamente non potrà dire di non aver avuto il “vento in poppa”.

Felice Pensabene

Ermanno Amedei

27 Maggio 2019 0

Elezioni Europee, Salvini sfonda il 30%… ma cambia poco o nulla

Di admin

DALL’ITALIA – La Lega vola al 34,3%, il Pd diventa il secondo partito con il 22,7 e il Movimento 5 Stelle crolla al 17,07%. Le elezioni Europee hanno confermato ciò che già si ipotizzava e cioè che la Lega di Matteo Salvini viaggia con il vento in poppa. Se dalle urne chiuse ieri sera alle 23 fosse uscito il risultato delle elezioni Politiche, ciò avrebbe significato un cambio di Governo nel Paese con Salvini Primo Ministro a cui sarebbe bastato l’appoggio di Forza Italia e Fratelli d’Italia per fare un Governo senza gli amici/nemici del M5S. Ma quelle di ieri sono consultazioni Europee e lo stravolgente risultato di Salvini può servirgli per “mostrare i muscoli”, ma che nella sostanza delle cose cambia poco o nulla.

In Europa le forze salviniane si collocano in uno schieramento che resta comunque all’opposizione, quindi impossibilitate a dare quella sterzata al più alto istituto del vecchio Continente.

In Italia Invece… la stessa cosa.

I numeri in Parlamento restano quelli sanciti dalle elezioni Politiche di Maggio, con i parlamentari della Lega insufficienti, come lo erano la scorsa primavera, per muoversi in autonomia senza i pentastellati che, invece, hanno una maggioranza, anche loro non sufficiente per governare da soli.

Anche se il segretario della lega ha confermato il rispetto del contratto di Governo con Di Maio senza voler chiedere rimpasti o riequilibri, è altrettanto vero che ha anche puntualizzato la necessità di rimuovere i “no” che bloccano alcuni suoi cavalli di battaglia, e ciò suona come un… “altrimenti” e quindi una minaccia.

Ma ai fini pratici, probabilmente, cambia che Salvini possa dire, rispolverando un vecchio detto Leghista, di “avercelo più duro” minacciando, con questo risultato ottenuto, un ritorno alle urne quando non trovano accordi con gli alleati di Governo. Sa anche, però, che i risultati delle elezioni Politiche non sarebbero necessariamente identici a quelli scaturiti dalle urne questa notte; sa anche che ipotetiche nuove elezioni si svolgerebbero tra mesi se non addirittura un anno e se questo periodo per la politica di un tempo era esiguo, all’epoca dei social non lo è più; sa anche che la sua politica aggressiva, sempre sul filo del rasoio, così come tanto gli ha dato in un anno, alla stessa maniera potrebbe strappargli nello stesso periodo. Inoltre, guardando i dati di questa mattina e immaginando la costituzione di un governo che si formasse con essi, sarebbe facile ipotizzare un ritorno in maggioranza, magari con un ministero, per Silvio Berlusconi; a quanti leghisti, ma soprattutto, a quanti di coloro che si sono astenuti al voto questa prospettiva piacerebbe?

Ermanno Amedei  

26 Maggio 2019 0

Piccole stelle del ballo, a 5 anni Desirée e Lorenzo incantano il palacavicchi

Di admin

CASSINO – Hanno incantato il con bachata e merengue il Palacavicchi di Roma dove si sono esibiti oggi pomeriggio. I cassinati Desirée Di Carlo e Lorenzo Di Giorgio entrambi entrambi di 5 anni sono di Cassino e da metà della loro vita fanno coppia allenandosi nella scuola di ballo Cassino Dance allenati dai maestri Martina Mastronicola e Alex Gargano.

Oggi al Palacavicchi dove si esibivano ballerini di ogni età e di ogni provenienza, hanno  hanno fatto la loro prima esibizione pubblica confrontandosi con altre cinque coppie di coetanei.

La tecnica espressa nonostante la giovanissima età ha strappato scroscianti applausi nella gara della associazione Fids “Roma caribbean dance”.

26 Maggio 2019 0

Studente di Alvito sotto minaccia: “Paga o ti faccio pestare dagli zingari”. Arrestato 19enne

Di admin

PICINISCO – Gli ha fatto credere che un gruppo di rom erano intenzionati a picchiarlo e, per questo, gli ha scucito diverse migliaia di euro. La vittima è uno studente 25enne di Alvito dal carattere evidentemente fragile, il suo aguzzino, invece è M.T., 19 anni di Picinisco che i carabinieri hanno arresto con l’accusa di estorsione continuata.

L’arrestato, dallo scorso mese di marzo, iniziava ad estorcere del denaro ad un giovane universitario di Alvito, facendosi consegnare la somma di euro 2.500 in contanti, con la minaccia altrimenti che sarebbe stato malmenato da non meglio identificati malviventi di famiglia di etnia rom, cui invece l’arrestato si sarebbe rivolto per proteggere il ragazzo. Il giovane, fragile psicologicamente e per timore di ritorsioni, consegnava la somma in questione in un’unica soluzione. Inoltre, il 19enne, in considerazione di una eventuale ulteriore richiesta di somme di denaro, continuava a contattare più volte il giovane, paventando ancora il rischio per la sua incolumità fisica da parte dei soggetti di etnia rom rivelatisi di pura fantasia. La giovane vittima, a causa di queste ripetute ed estenuanti minacce, era costretto a modificare le sue abitudini di vita, per paura di aggressioni fisiche e per tale motivo, convinto anche dai propri familiari cui aveva rivelato l’accaduto, si rivolgeva ai Carabinieri, sporgendo denuncia.

La scorsa notte, nei pressi del piazzale antistante il Bowling di Atina, luogo prefissato per la consegna di un’ulteriore somma di denaro, l’estorsore veniva sorpreso in flagranza di reato dai militari operanti mentre riceveva dal malcapitato una busta contenente euro 4.000 in contanti.

L’arrestato, espletate le formalità di rito, veniva tradotto in regime di arresti domiciliari presso l’abitazione di residenza come disposto dall’Autorità Giudiziaria

25 Maggio 2019 0

Licenziato perchè litiga e insulta collega sulla catena di montaggio di Fca, operaio reintegrato

Di admin

CASSINO – Era stato licenziato dalla Alfa Romeo – Gruppo FCA Italia per aver insultato e spintonato una collega durante l’orario di lavoro. I fatti risalgono allo scorso settembre quando, secondo il datore di lavoro, un operaio avrebbe rivolto alla collega, durante il turno di lavoro, delle offese e la avrebbe addirittura spintonata.

L’uomo ha quindi fatto ricorso alla giustizia assistito dall’avvocato Sandro Salera e il Giudice del Tribunale di Cassino ha accolto la le sue ragioni per cui se anche è risultato acclarato, attraverso le deposizioni dei testimoni, che vi sia stato un diverbio tra i due con scambio di ingiuriosi epiteti rivolti alla donna, la condotta dell’operaio licenziato non ha rappresentato una mancanza tanto grave da non consentire la prosecuzione anche provvisoria del lavoro, non essendo invece emerso che in tale occasione vi sia stato contatto fisico tra due. Tribunale ha cosi accolto il ricorso dichiarando la illegittimità del licenziamento, ordinando la riammissione in servizio dell’operaio e condannando il datore di lavoro al risarcimento del danno.