Tag: arresti

30 Aprile 2009 0

Cocaina ed eroina “Made in Ghana”, 20 arresti

Di Comunicato Stampa
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Venti misure di custodia cautelare in carcere sono state esguite ieri dai carabinieri della compagnia di Caserta tra province campane, laziali e marchigiane. Indagini iniziate nel 2007 dalla denuncia del fratello di un tossicodipendente che ha “disegnato” ai carabinieri, la mappa dello spaccio da cui si riforniva il fratello. Intercettazioni telefoniche, video riprese ed altre indagini hanno permesso di stabilire che un gruppo di ghanesi, residenti a Castel Volturno, fungevano da “testa di ponte” con l’Africa da cui arrivava, spedito da loro connazionali, la droga in gran quantità. Nella rete dello spaccio però erano assoldati anche italiani. A Cassino è stato arrestato Sandro De Liguoro di 31 anni, a Ceprano (Fr) Tommaso Marzilli e Pierluigi D’Aquini di 32 e 36 anni, a Fondi (Lt) Enzo Antonelli, di 46 anni, a Santi Cosma e Damiano (Lt) Franco Cappelli di 33 anni e a Terracina (Lt) Alessandro Landi di 29 anni. Tutti accusati di essere parte dell’organizzazione dedita allo spaccio della droga nelle loro rispettive zone di residenza.

21 Aprile 2009 0

Usura ed estorsione, sette arresti tra Formia, Gaeta e Latina

Di Comunicato Stampa

Usura estorsione e riciclaggio sono attività fiorenti e, decisamente remunerative. E’ quanto emerge dall’operazione della polizia di Latina, Formia e Gaeta che ha portatoi in manette sette persone accusate di associazione a delinquere. Gli inquirenti hanno sequestrato sei automobili, tra cui una Ferrari F131, una villa a Foirmia, un appezzamento di terreno, e conti correnti, tutto per un valore complessivo di 3 milioni di euro. I beni sottoposti a sequestro, secondo gli investigatori, sarebbero proventoi di attività illecite come usura ed estorsione nei confronti di imprenditori e artigiani del litorale Pontino.

20 Aprile 2009 0

Rapinatori di prostitute, due arresti e due denunce

Di Comunicato Stampa

Hanno tentato un approccio con una prostituta 35enne, poi l’hanno picchiata e rapinata. La segnalazione di quanto stava accadendo nella zona Asi di Ceccano è arrivata al centralino dei carabinieri. Una pattuglia si è portata sul posto ed ha trovato la donna con il volto tumefatto la quale ha detto di essere stata rapinata anche della somma di 500 euro. La meretrice ha dato una descizione sommaria dei suoi aggressori e alcune ore di ricerca sono servite ai militari per rintracciare, fermare ed arrestare con l’accusa di rapina e lesioni personali due giovani rumeni residenti ad Alatri. Altri due connazionali sono stati denunciati per gli stessi reati ma si sono resi irreperibili. I soldi sono stati recuperati e consegnati alla donna che, in ospedale, è stata giudicata guaribile in dieci giorni.

13 Aprile 2009 0

Droga in discoteca, tre arresti

Di Comunicato Stampa

Stavano spacciando droga in discoteca e sono stati arrestati dai carabinieri di Cassino mentre cedevano le dosi. L’operazione di controllo dei militari è scattata nella notte tra domenica e lunedì all’interno della dicoteca Millenya di Atina ed ha permesso di individuare tre spacciatori della nuova soistanza allucinogena conosciuta come Md, una sorta di exstasi più potente. I carabinieri ne hanno sequestrato complessivamente 21 grammi. Per questo Flavio Noschese 23enne, Angelo Cesaro 22enne e Giovanni Timpamelli 26enne di Castel Volturno (Ce), Fratta Minore (Na) e Bellazzano (Sa) sono stati arrestati e tradotti in carcere a Cassino.

30 Marzo 2009 1

Droga, tra arresti e overdose

Di Comunicato Stampa

Quattro giovani sono stati arrestati per droga dealle forze dell’ordine, un quinto invece è morto per overdose. Questo è stato, sabato, l’effetto della droga nella provincia di Frosinone. La vittima è un 29enne di Supino, noto tossicodipendente, ritrovato cadavere dai carabinieri nella sua abitazione. In quella circostanza gli stessi carabinieri hanno denunciato un 49enne per aver ceduto la dose. Ma la lotta allo spaccio di stupefacente, nel fine settimana, è stata particolarmente efficace da parte di polizia e carabinieri. Gli uomini del commissariato di polizia di Cassino infatti, hanno tratto in arresto per detenzione al fine di spaccio  Fabio Scardamaglia di anni 23 e Monica Caselli di anni 39, entrambi di Cassino. I due unitamemte a  C.E. di anni 27, sorvegliato speciale, sono stati rintracciati nei pressi del casello autostradale  dopo che si erano riforniti nel napoletano di  sostanza stupefacente del tipo “crack e cobrette ” che si apprestavano a  vendere a consumatori locali. Il C.E.  e’ stato denunciato per violazione degli obbligi  della sorveglianza speciale e guida sotto uso di sostanze stupefacenti. Gli altri due sono stati arrestati. Stessa sorte per Andrea Di Folco 21enne e Marco Sperduti 27enne, entrambi di Arce. I carabinieri si sono accorti nel corso del controllo che i due stavano tentando di disfarsi di alcuni involucri. Uno lo ha gettato edè stato subito recuperato dai militari. Nel contenitore c’erano 13 grammi di cocaina. L’altro invece lo ha ingerito. Per questo entrambi sono stati arrestati. Ma hanno seguito strade diverse. Uno ha preso qeullo del carcere, l’altro quello dell’ospedale dove retserà piantonato in attesta di recuperare la droga ingerita.

26 Marzo 2009 0

Chiedono soldi per lasciarlo in vita, due arresti

Di Comunicato Stampa

Lo hanno minacciato di uccidere se non avesse consegnato loro mille euro. Un’estorsione che sarebbe dovuta perfezionarsi ieri pomeriggio alle 13.30 in piazza San Tommaso ad Aquino. La vittima con i soldi c’era, gli estorsori c’erano, ma c’erano anche i carabinieri di Pontecorvo e quelli di Aquino. La vittima aveva denunciato le vessazioni subite da Massimo Mastronicola, 51 anni di Aquino noto per essere rimasto coinvolto nell’operazione anticamorra Janula con la quale, circa 15 anni fa, le forze dell’ordine sgominarono un tentativo dei clan campani di radicarsi sul territorio. La piazza quindi era stata presidiata da decine di carabinieri e, quandodo i soldi sono passati di mano, è scattato il blitz: da un furgone sono usciti i miliatri che hanno arrestato il 51enne che aveva passato i soldi ad un complice Francesco Caprio 59 anni anch’egli di Aquino. I due sono stati arresati con l’accusa di Estorsione in concorso.

19 Marzo 2009 0

Due arresti e una denuncia tra Cassino e Arce

Di Comunicato Stampa

Ha preso di mira la macchina di una donna di Cassino e l’ha letteralmente assaltata. Dopo aver forzato la portiera, ha strappato via l’autoradio e ha portato via anche la borsa, ma non è andato lontano. I carabinieri infatti lo hanno arrestato poco dopo per il reato di furto aggravato. Si tratta di un marocchino, F. K. 32 anni senza fissa dimora. La refurtiva del valore complessivo di circa 500 euro è stata restituita alla proprietaria. Un ganese di 42 anni che era con lui, durante il controllo, i carabinieri hanno scoperto che su di lui pendeva una pena esecutiva per un anno di reclusione per “immigrazione clandestina” e 7 mesi e giorni 8 per violenza, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. ad Arce, invece, i carabinieri, hanno denunciato un uomo per porto illegale di armi o strumenti atti ad offendere. M.G. 49enne residente a Roccasecca, sottoposto a controllo dai militari, è stato trovato in possesso di una mazza della lunghezza di cm. 90, in resina dura e completa di manico, occultata nell’abitacolo dell’autovettura. Cosa ne volesse fare resta un mistero.

5 Febbraio 2009 0

Sanità, una truffa da 170 milioni. Arresti eccellenti

Di Comunicato Stampa

Una truffa da 170 milioni di euro al sanità pubblica, questa l’ipotesi di reato sulla quale sta lavorando la Procura di Velletri e che ha portato all’arresto, ieri, di Gian Paolo Angelucci, re delle cliniche a Roma. Non solo, i carabinieri del Nas hanno notificato altri 12 avvisi di garanzia e a misure restrittive per sette indagati tra cui, a Sant’Elia Fiumerapido, dove risiede con la famiglia, Antonio Vallone, amministratore dell’egato del settore Sanità della Tosinvest, il colosso sanitario che gestisce, tra l’altro, cinque cliniche riabilitative nella Regione Lazio: il San Raffaele di Cassino, di Velletri, della Nomentana, della Pisana e della Portuense. Inoltre gli inquirenti sono arrivati anche alla richiesta di autorizzazione a procedere per il padre Antonio, senatore del Pdl e fondatore della Tosinvest. Solo nel Lazio, la holding della sanità privata gestisce oltre 1.500 posti letto accreditati. Venti in totale gli indagati per i reati di associazione per delinquere finalizzata alla truffa e al falso. Tra questi nomi eccellenti della sanità laziale: il direttore generale dell’Asl Roma H, Luciano Mingiacchi, il presidente della Aiop Lazio, Paolo Casamatta, il vicedirettore dell’Agenzia di sanità pubblica regionale (ASP), Rodolfo Cotenna e due dirigenti della Regione Lazio. L’indagine nasce circa due anni fa e si intreccia con quella che fu definita ‘l’inchiesta su Lady Asl’ e che portò ad una bufera giudiziaria sul sistema sanitario della Capitale. Il presidente della Regione Marrazzo che ha subito commissariato la Asl sotto inchiesta, accettando le dimissione del dg indagato, ha attivato un’inchiesta interna e disposto più controlli. Intanto tra l’opposizione regionale di centrodestra e la maggioranza di centrosinistra è bufera.

13 Gennaio 2009 0

Arresti operazione Jungle

Di Comunicato Stampa

[flashvideo file=http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/wp-content/uploads/2009/01/operazione-jungle1.flv image=http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/wp-content/uploads/2009/01/video-operazione-jungle.jpg /]